Cicerale, Agriturismo Corbella di Giovanna Voria: il cuore del Cilento

Letture: 457
Giovanna Voria ai fornelli

di Enrico Malgi

Ma dove cavolo sta questo agriturismo? Qui non si arriva mai. All’improvviso una botta davanti alla mia auto. Mamma mia cosa è successo? Mi fermo per controllare i danni e scopro che percorrendo la strada sconnessa e sterrata sono andato a finire in un avvallamento, ho perso il copricerchio della gomma davanti e il cerchione si è contorto. Mannaggia! E vabbé, non fa niente. Se “Parigi val bene una messa”, come disse Enrico IV di Borbone quando si convertì al cattolicesimo per salire sul trono di Francia, visitare per la prima volta l’agriturismo Corbella di Giovanna Voria a Cicerale vale bene una ruota…! D’altronde, ho tanto insistito con Giovanna che ogni difficoltà viene superata dalla felicità di poterla finalmente incontrare. E poi, come si legge nel Vangelo, “…per andare in Paradiso bisogna percorrere una strada stretta e tortuosa…”.

Agriturismo Corbella

 

ingresso
viale d'ingresso

Io e mia moglie arriviamo in Paradiso, pardon a destinazione, in una bella e radiosa mattinata d’inizio estate. L’agriturismo, formato da due casali, è immerso nella selvaggia e opulenta macchia mediterranea e circondato da colline feconde di viti, ulivi, alberi da frutta e prodotti orticoli. Subito ci viene incontro Giovanna col suo sorriso smagliante e rassicurante. Si vede che è molto contenta d’incontrarci. Ci fa girare per tutto l’agriturismo, ci parla di lei, della sua infanzia, della sua famiglia, del suo lavoro, dell’inizio un po’ stentato, del suo impegno quotidiano e di tante altre cose personali.

legumi

Poi ci fa accomodare ad un tavolo già preparato per l’occasione nell’ampia ed accogliente sala da pranzo. Intanto in cucina fervono i preparativi e Giovanna è costretta a fare la spola tra il nostro tavolo ed i fornelli. Vorremmo che si sedesse con noi, perché è piacevole ascoltarla con quella sua voce pacata e suadente, ma lei deve correre in soccorso della sorella Antonietta che sta preparando squisiti manicaretti. Mi fa scegliere il vino, una bottiglia di Naima di De Conciliis, e poi comincia a presentare i suoi gioielli.

Antonietta, la sorella di Giovanna Voria
Città di Cicerale

 

esterno

 

Giovanna Voria ed Eugenia Malgi

Come in un classico film del Neorealismo, in cui capitava di assistere a scene di povera gente che si abbuffava dopo un forzato digiuno per colmare l’atavica fame, le portate si succedono a ritmo incalzante.

invaso della diga sull'Alento

Con la differenza che qui non si mangia in abbondanza solo per saziarsi, ma è piacevole degustare prelibate preparazioni culinarie. Perché questi piatti, frutto di una cucina cosiddetta “povera”, raccontano la storia e la tradizione di un popolo, quello cilentano, che in passato ha sempre sofferto la fame, proprio come nei film di De Sica e Rossellini. Oltretutto, gli alimenti provengono direttamente dall’azienda agricola dell’agriturismo, che pratica un metodo biologico. Giovanna mi confessa che per fortuna può contare su una clientela fidelizzata da molti anni, che viene qui da ogni parte d’Italia e, soprattutto, dall’estero.

antipasti

 

antipasti

 

ancora antipasto

S’incomincia con sfiziosi assaggini di frittelle impanate e fritte di cicoria selvatica, di salvia e di fiori, seguiti subito da fiori di zucca con la mozzarella. Poi, senza interruzione, ecco serviti dei crostini di pane di castagne, con crema di melanzane, crema all’ortolana e crema di mandarino. Rotolo ripieno di melanzane, cicoria e prosciutto. Bruschette alle erbe mediterranee, noci e cacioricotta di capra.

bruschetta alle erbe mediterranee

 

rotolo ripieno

Una caprese con mozzarella di bufala, pomodori e finocchietto selvatico.

caprese

Altro antipasto variegato: cacioricotta di capra, formaggio ovino e caprino, pera alla cannella, fichi all’Aglianico, marmellata di asparagi selvatici e vincotto, che bontà!  Pietanze semplici e genuine che si rifanno ad una vecchia tradizione locale. Ecco avanzare poi due saporitissimi primi, che ricordano le giornate di festa nel Cilento, quando i contadini, dopo una lunga settimana di duro lavoro, posavano i loro attrezzi per sedersi felicemente alla tavola imbandita e sempre affollata: cavatielli con crema di ceci, mozzarella, noci e rucola e poi fusilli all’ortolana con tante verdure fresche appena raccolte nell’orto dietro casa. Per secondo un delizioso e profumato agnello al mirto cotto a puntino.

cavatielli

 

fusilli all'ortolana

 

Ceci di Cicerale

 

cesto di bontà

 

Agnello al mirto

Per ultimo, cercando di trovare un piccolo spazio nello stomaco ormai pienissimo, una sfilza di gustosissimi dolci preparati direttamente da Giovanna e Antonietta, compresi degli insuperabili cannoli alla siciliana, accompagnati da un liquore a base di ceci di Cicerale, naturalmente (terra quae cicera alit).

dolci
cannoli

 

liquore di ceci
camera da letto

 

camino

Una vera abbuffata, ma ne valeva veramente la pena credetemi. E poi la soddisfazione di poter incontrare e dialogare con Giovanna, una donna semplice, umile, affettuosa, ospitale e sempre disponibile a partecipare ad ogni manifestazione gastronomica. Perché come cuoca è bravissima, è molto ricercata e stimata da tutti. Sono stato veramente contento e fortunato di aver conosciuto un personaggio così. E’ d’uopo ritornare, promesso!

 

Agriturismo Corbella – Località Viscigline Val Corbella – Cicerale (SA)

Tel. 0974 – 834511 – 838217 – Fax 0974 838422 – Cell. 335 1410567

info@agriturismocorbella.itwww.agriturismocorbella.it

SERVIZI:

Sei camere munite di tutti i confort;

Prezzi variabili a secondo la stagione e la tipologia;

Un pasto completo costa mediamente 25,00 euro;

Lingue parlate: Inglese, Francese e Spagnolo;

Produzione e vendita  diretta di prodotti biologici aziendali;

Fattoria didattica;

Trekking, passeggiate a cavallo ed escursioni guidate;

Percorsi in mountain bike, tiro con l’arco e bocce;

Parco giochi per bambini;

Corsi di uncinetto, ricamo, pittura, impagliatura e balli cilentani antichi;

Corsi di cucina tipica cilentana e mediterranea;

Partecipazione diretta degli ospiti alle periodiche fasi produttive aziendali;

Animali da cortile e allevamento di cinghiali e pecore.

 

7 commenti

  • Marcello

    (20 settembre 2012 - 09:40)

    Tutto fantastico confermo, per me Corbella e Chiusulelle sono tappe obbligatorie ed irrinunciabili quando sono nel Cilento, unica nota dolente e’ la strada non asfaltata per raggiungere la location, problema bypassato se si e’ muniti di Suv o Jeep

  • Francesco Mondelli

    (20 settembre 2012 - 12:11)

    Cosa dire di Giovanna ?Che,aime’,troppo poco ci si incontra con il suo solare e ,nonostante tutto,ottimistico sorriso:in poche ma sentite parole una gran bella persona che anche nel Cilento cominciano ormai a scarseggiare.A ciò va unita una ricerca della qualità dei prodotti locali che interpreta con originale e collaudata maestria.P.S.Per Giovanna.La mia curiosità su quale e-vento ti avesse portato a cucinare pasta a Castellabate non e’ stata soddisfatta :segreto o dimenticanza?

  • Marcello

    (20 settembre 2012 - 12:37)

    Macche’ di questi tempi? Se si viene a sapere in giro dell’incredibile e fantastico rapporto qualita’/prezzo, per non parlare della dolcezza di Giovanna, quelle masse non le ferma nulla, son capaci di scavalcare la Muraglia cinese

  • Giovanna Voria

    (20 settembre 2012 - 15:55)

    Luciano, un grande amico come te mi fà sentire forte! Non mi stancherò mai di ringraziarti , tu che hai saputo cogliere da sempre il legame e l’amore che sento e mi lega a questa terra Cilentana.
    Grazie ad Enrico e Ugenia che nonostante la brutta strada hanno avuto il coraggio di arrivare nella mia selvaggia valle, sapendo cogliere le cose che più mi appartengono.
    Un grazie a voi amici che mi sostenete sempre!

  • Giovanna Voria

    (20 settembre 2012 - 16:58)

    Francesco, non ho capito bene la tua domanda cmq ci provo:-)
    Sono stata chiamata a Castellabate per fare una ricetta tratta da un film insieme a Donatella Finocchiaro e abbiamo cucinato la pasta alla Norma.
    Essendo lei siciliana ha voluto cucinare il piatto secondo la tradizione; il problema sorto al momento di scolare la pasta è stato quello che mancava il colapasta e i mestoli, mentre sono arrivati la pasta è rimasta in acqua, per cui non era al dente come volevo. E’ stato cmq importante aver avuto una buona valutazione dai membri della giuria più qualificati nel settore. La mia vittoria sta nel far conoscere le eccellenze, la cultura e le tradizioni del Cilento.

  • Lello Tornatore

    (20 settembre 2012 - 17:59)

    Complimenti Giovanna!!! E’ grazie a te e a tante persone come te che si sacrificano quotidianamente per dare dei prodotti e dei piatti irripetibili che possiamo ancora gustare i sapori di una volta…;-))

  • enrico malgi

    (21 settembre 2012 - 09:43)

    Ben detto! Giovanna è unica, dolce e sempre disponibile, oltre che bravissima cuoca.
    Purtroppo, a parte pochi altri esempi, sembra che anche nel Cilento col tempo si è perso lo stampo…

I commenti sono chiusi.