Cinema e vino francese, piccolo repertorio

Letture: 123
Ratatouille di Brad Bird

di Leo Ciomei

L’abbondanza dei vini francesi nel cinema mondiale:

Babette’s Feast

Ratatouille di Brad Bird – mi pare che il vice-chef Skinner offra a Linguini *Chateau Latour 1961; il super-critico Anton Ego (Luigi Cremona, ça va sans dire) beve al ristorante* Chateau Cheval Blanc 1947 *e *Chateau Lafite Rothschild ma a casa si accontenta di un *E. Guigal Cote-Rotie.

The Saint & Chateau Latour

Il Santo di Phillip Noyce – il protagonista Val Kilmer ordina e paga con nonchalance un paio di bottiglie di *Chateau Latour 1957  al compassato (e preoccupato) sommelier, al costo di 400 sterline cadauna.

Il Pranzo di Babette di Gabriel Axel

Il Pranzo di Babette di Gabriel Axel – durante il regale pranzo viene servito *Veuve Clicquot 1860  e svariate bottiglie di Clos de Vougeot 1845.

Shakespeare a colazione di Bruce Robinson

Shakespeare a colazione di Bruce Robinson – Chateau Margaux 1953 a canna più altri grandi Bordeaux.

Ocean's thirteen di Steven Soderbergh

Ocean’s thirteen di Steven Soderbergh – Matt Damon scherza parlando di Chateau d’Yquem 1973.

La vie en rose di Olivier Dahan

La vie en rose di Olivier Dahan – il pugile Marcel Serdan, grande sportivo ma un po’ sempliciotto, porta Edith Piaf a cena a Parigi e lei ordina Chateau Angelus 1939.

L'anno della cometa di Peter Yates

L’anno della cometa di Peter Yates – la fondamentale bottiglia di *Chateau Lafite 1811 su cui ruota il film ma anche il *Petrus* e l’orgia di altri Bordeaux nella scena della degustazione iniziale. Naturalmente non ho trovato foto del Lafite 1811 ma ho inserito nell’immagine questa notevole bottiglia della medesima annata: Brugerolles Freres, Caves de l’Empereur, Chateau de Fontainebleau, Vieille Fine Napoleon.

Matrix Reloaded dei Wachoswski

Matrix Reloaded dei Wachoswski – il Merovingio decanta le meraviglie di uno Chateau Haut-Brion 1959.

L'uomo del treno di Patrice Leconte

L’uomo del treno di Patrice Leconte – Chateau Pontet-Canet.

3 commenti

  • Giuseppe Grammauta

    (24 febbraio 2011 - 19:36)

    Bel post Leo…aggiungiamo Sideways – In viaggio con Jack…il protagonista, il fantastico Paul Giamatti, favoleggia per tutto il film della sua bottiglia di Chateau Cheval Blanc 1961 per poi scolarselo a canna alla fine del film…

    • Lello Tornatore

      (24 febbraio 2011 - 19:47)

      Sei un “diavolaccio”, caro Leo! Con questo tuo pezzo sei riuscito a far scrivere a Giuseppe ” telegrammauta” ben 36 parole (le ho contate) e quattro cifre. Di questo passo arriveremo alle…arringhe? ;-))

  • ALBA

    (25 febbraio 2011 - 11:05)

    Lello a me sinceramente annoia questa ricerca di Leo, avrei preferito se avesse scritto il post: LE GRANDI SPUGNE DEL GRANDE SCHERMO. Un remake scritto del film “I giorni del vino e delle rose” di Blake Edwards con personaggi reali che affrontano o hanno affrontato la vita camminando sulla borderline e tenendosi in equilibrio con una bottiglia in mano.

I commenti sono chiusi.