Cipolla Ramata di Montoro, buona, terapeutica e raccolta da poco

Letture: 1179
Dopo mesi di fatica da poco è terminata la raccolta ( in alto a sinistra il logo del Comitato dei Promotori della per la registrazione della IGP Cipolla Ramata di Montoro)

di Annito Abate

«Goooooooood Morning Vietnammmmmmmmm, hei non è una prova questa, questo è rock ‘n roll e dunque si rockeggia e si rolleggia …» ore 6:00 del mattino, in diretta dal fronte di guerra a Saigon un esuberante, quanto esilarante, Robin Williams, nell’omonimo film, da la sveglia alla truppe americane distaccate nello Stato del sud-est asiatico.

«Buooooooooongiorno Montorooooooooo, hei non è una prova questa, questa è la rackolta ufficiale della Cipolla ramata di Montoro …».

Ore 05:00 del mattino, all’Alba c’è un attimo in cui si gode di un’inaspettata tiepida temperatura che stimola il canto degli uccellini, trasmettendo pace, gioia ed un senso di rilassamento; è questa l’ora in cui le donne si preparano e cominciano a piegare le loro schiene per “onorare” i ramati frutti della Terra.

La cipolla, nome botanico Allium Cepa, famiglia delle Amaryllidaceae, è una pianta erbacea con un ciclo biennale che diventa annuale in campo; sviluppa radici superficiali e foglie nella parte basale, che ingrossandosi diventano poi la parte commestibile. Sul lungo stelo nascono fiori ad ombrello variopinto e cangiante a seconda delle varietà di colore bianco o giallo.

Raccolta estiva ed essiccazione in campo prima dello stoccaggio

La storia della cipolla comincia nell’età del bronzo, (5000 A.C. spontaneamente e circa 2000 anni dopo come coltivazione) diventando uno degli alimenti principali dell’umanità.

Viene considerata pianta sacra in Asia Orientale, Asia Minore, in Cina, in particolare, in Egitto la sua forma sferica e gli anelli concentrici erano associati alla vita eterna, l’aroma intenso, si credeva, potesse ridare il respiro ai morti (oggi, scherzando, si potrebbe dire, al contrario, che una scorpacciata di questo frutto della terra potrebbe ammazzare un essere vivente).

Nell’antica Grecia diventa “alimento olimpico” (si pensava “alleggerisse” il sangue); i gladiatori dell’antica Roma vi si strofinavano il corpo per rassodare i muscoli (sempre con una “puntina” di burla, si potrebbe dire che così era più facile vincere le gare, una sorta di doping naturale extracutaneo).

Nel medioevo viene donata ed addirittura usata per pagare i fitti. I medici la prescrivono contro il mal di testa, la caduta dei capelli e come antidoto al veleno dei serpenti.

Se l’America ci ha donato le patate, “Noi”, con Colombo, abbiamo dato agli “USA” le cipolle, prescritte oltreoceano addirittura per l’infertilità delle donne e degli animali domestici.

Semenzali per la crescita delle piantine trapiantate in campo prima della messa a dimora

Le “differenze” di questo prezioso alimento sono date dalla varietà, provenienza, forma, colore, dimensioni, stagionalità, coltivazione, tradizioni: Cipolla … Rossa di Tropea – Borettana – Dolce – di Banari – di Brunate; di Cavasso e della Val Cosa, Rossa di Certaldo (Presidi Slow Food
rispettivamente del Friuli Venezia Giulia e della Toscana).

La Cipolla rappresenta un Prodotto Agroalimentare Tradizionale (PAT) in quasi tutta Italia: Abruzzo (Bianca di Fara Filiorum Petri), Friuli Venezia Giulia (Rosa della Val Cosa, Rosa di Castelnovo del Friuli e Cavasso Nuovo), Liguria (di Pignone – Rossa Genovese di Zerli), Marche (di Suasa), Molise (di Isernia), Piemonte (Bionda Astigiana -di Leini – Dorata di Castelnuovo Scrivia – Piattina Bionda di Andezeno – Rossa Astigiana – Rossa di Castelnuovo Scrivia – di Ivrea), Puglia (Bianca di Margherita, “Cipodd di Salen” (Cipolla delle Saline) – di Acquaviva delle Fonti – di Zapponeta), Sardegna (Rossa), Sicilia (di Giarratana), Umbria (di Cannara), Toscana (di Bassone – di Certaldo – di Ripola – di Terceretoli – di Treschietto, Cigola – Lucchese – Massese – Rossa Toscana – Savonese, “Sagonese” – Vernina, Bastarda), Veneto (Bianca di Chioggia – Rosa di Bassano).

Anche la Regione Campania vanta le sue “Tradizionali Allium Cepa” i cui nomi sono tutti evocativi dei Territori di produzione: Alifana – Bianca di Pompei – di Eremiti – di Vatolla.

La Cipolla Ramata di Montoro, pregiato bulbo originario della zona di Montoro Inferiore in Provincia di Avellino, è inserita negli specifici elenchi del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Regione Campania.

A questo prodotto, per assicurare una tracciabilità e l’origine territoriale è stato attribuito, dal Ministero dello Sviluppo Economico, un numero identificativo del marchio collettivo geografico registrato (AV 2011C000016); il Comitato Promotore (nato nell’aprile del 2010 per la registrazione della I.G.P.) è formato da Produttori che credono nelle tutela delle tradizioni e dei relativi frutti del lavoro e della Terra.

La ‘nserta di cipolle dell’azienda “Gaia società agricola semplice” nel contenitore ecosostenibile che ha vinto il Premio Slow Pack

Escluso il momento del tabacco, si può dire che la storia di Montoro è fortemente connessa alla coltivazione della omonima cipolla ramata, circa 40 ettari (potenziali quasi 200), una comunità dedita alla lavorazione della bulbosa per produrre la tradizionale ‘nserta (“grappolo” di cipolle intrecciate con i fusti fatti seccare in campo) o in cassetta (molto efficace, bella e naturale quella in cartone riciclato che l’anno scorso ha vinto il Premio Slow Pack nella Sezione “Filiera del packaging primario, secondario, terziario”).

La Cipolla Ramata di Montoro prende il nome dai riflessi luminosi color rame della sua “buccia”, le “tuniche” che la ricoprono; la forma “globosa” può essere simile a quella di una trottola oppure più piatta, all’interno le fitte striature (catafille) alternano, armonicamente, il bianco al viola.

Il metodo di coltivazione è tradizionale, rimasto invariato per tutto il Territorio di produzione e prevede semenzali nell’autunno precedente alla raccolta, trapianto in campo tra gennaio e febbraio (messa a dimora delle piantine, una ad una, a mano in file binate, in attesa, dopo qualche mese, di far vedere la luce ai bulbi cresciuti), raccolta estiva tra giugno e luglio, essiccazione in campo e successivo stoccaggio (in apposite strutture in legno ben ventilate), confezionamento e commercializzazione.

Corpo ramato ed anima striata di bianchi e rosa, la Cipolla di Montoro è bella alla vista, profumata, dolce, saporita, delicatamente aromatica e persistente, cruda oppure cotta (elevata è la tenuta ai “fuochi” per la grande capacità di conservazione dovuta all’alta percentuale di sostanza secca) è uno dei prodotti speciali dell’Irpinia, da non perdere, magari in abbinamenti con i grandi vini bianchi della Provincia.

All’interno le fitte catafille si alternano armonicamente tra bianco e viola, un corpo ramato e un’anima striata, la Cipolla di Montoro è uno dei prodotti speciali dell’Irpinia – foto di Giuseppe Cucco tratta dal sito www.cipollaramatadimontoro.com della Società Cooperativa Agricola Cipolla Ramata di Montoro COOP.RAMA

Coltivare la cipolla, in un certo senso, vuol dire coltivare se stessi se si pensa ai tanti effetti terapeutici sul corpo e sulla mente:

– sul Corpo. Diuretica, depurativa, antiglicemica, antibatterica, antibiotica, fa bene alle vie respiratorie, all’apparato gastro-intestinale ed urinario, combatte l’influenza, le riniti, l’angina, l’ipertensione, la senescenza, l’arteriosclerosi.

Riduce il colesterolo, i trigliceridi, i lipidi, ha proprietà dietetiche e combatte la stanchezza, aumenta le difese immunitarie. Andrebbe consumata cruda.

– sulla mente. Coltivare fa bene, è un metodo riabilitativo del disagio e della disabilità che rientra tra le cosiddette terapie occupazionali.

L’orto, i campi sono spazi terapeutici, luoghi tranquilli in armonia coi ritmi della terra dove svolgere l’attività fisica e rafforzare l’autostima producendo e socializzando con inserimento in un gruppo finalizzato allo svolgimento di una attività comune.

Ristabilire un contatto con la terra vuol dire consapevolezza all’essere abili e competenti, rafforzano la percezione di autoefficacia inducendo un circuito positivo per supportare una migliore riuscita personale.

Imparare le tecniche di coltivazione della terra può essere anche uno strumento utile per un accesso più facilitato al mondo del lavoro, magari al termine di un percorso terapeutico e riabilitativo.

Se ci si vuole davvero bene e ci si vuole prendere cura, contemporaneamente, di corpo e spirito si potranno degustare le sublimi preparazioni possibili con l’utilizzo di questo “storico” e “miracoloso” ingrediente con un abbinamento enoico rigorosamente territoriale; la Genovese ed il Fiano di Avellino sembrano fatti l’una per l’altro!

La scorsa notte, ad esempio, è andata così e così ed è stata una delle serate più belle di questa estate.