Cirò rosso classico 2005 Doc

Letture: 41

SANTA VENERE

Uva: gaglioppo
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Il vino degustato è un Cirò rosso classico 2005 Doc, ottenuto al 100% da uve Gaglioppo. L’azienda è la Santa Venere che si estende per circa 150 ha a Cirò, piccolo paese della Calabria in provincia di Crotone. Questo territorio che ha le sue campagne pianeggianti verso il mare, ed è da sempre famoso per la coltura della vite e dell’olivo. L’azienda è attraversata dal torrente Santa Venere e dal 1600 è di proprietà della famiglia Scala. Dal 1996, in azienda, è praticata l’agricoltura biologica, certificata AIAB, alla ricerca di una sempre migliore qualità. Veniamo al vino: il colore è rosso rubino scarico, o per farmi capire meglio, è rosso spento che francamente non mi ha dato una bella impressione. Gli archetti, sicuramente dovuta all’alta gradazione che è di 13,5, sono molto stretti. Al naso ha avuto il giudizio di sufficiente/buono: buona l’intensità e solo sufficiente la persistenza e la finezza. I sentori percepiti sono quelli poco fini delle vinacce appena vinificate. Al gusto ha reso di più. “Ottima” la persistenza e “buoni” tutti gli altri parametri: intensità, finezza, corpo, stato evolutivo e piacevolezza. I tannini non sono aggressivi e rendo il vino di facile beva. Dopo averlo degustato mi viene spontaneo dire che se lo si beve senza pensare, cioè senza fare gli “scienziati”, è un vino “andabile”. Da abbinare con spaghetti aglio olio e peperoncino, formaggi di pecora semi-stagionati, spezzatino di maiale con peperoni oppure con coniglio alla cacciatora.

Questa scheda è di Diodato Buonora (diodatobuonora.blog.tiscali.it)

Sede a Cirò. Tenuta Volta Grande – Sp 04 – 88813 Cirò (KR). Tel. 0962.38519, Fax 0962.38519 – www.santavenere.com. Enologo: Riccardo Cotarella. Ettari: 20 di proprietà. Bottiglie prodotte: 120.000. Vitigni: gaglioppo, chardonnay, mantonico, greco