Coda di Volpe 2011 Irpinia doc Donnachiara

Letture: 117
Coda di Volpe 2011 Irpinia doc DonnaChiara

Uva: coda di volpe
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Vista 5/5. Naso 25/30. Palato 25/30. Non Omologazione 31/35

Sapete la Coda di Volpe perché è importante, furbacchioni? In primo luogo perché quando si tratta di aziende irpine, in special modo nell’areale di Taurasi, è indice di affezione al territorio verso un bianco che non ha lo stesso appeal popolare della Falanghina.

In secondo luogo perché il vino ideale del piatto estivo per eccellenza, gli spaghetti alle zuccchine.
Ecco perché quando Ilaria Petitto ha deciso di produrre anche questo bianco siamo rimasti contenti.

Non serve a nulla essere vox clamans in deserto, importa invece seguire i processi, coglierne aspetti magari finiti in penombra lontano dal fascio di luce e capire che proprio lì ci può essere il bandolo della matassa.

La 2011, sia chiaro, non è stata annata facile per i bianchi italiani. Per questo coloro che amano vini sapidi e acidi non possono che bere irpino in questo periodo perché queste teste di montanari ormai vanno dritto per la loro strada in maniera decisa e interessante. Sempre più interessante.

Il Coda di Volpe di Donnachiara fatto da Angelo Valentino è fatto per accompagnarci nelle prossime due stagioni, ha buonafreschezza, frutto in equilibrio, è ampio, snello, completo.

Non è il vino dei vostri sogni. Ma è molto utile sullo spaghetto alle zucchine.

Per cui bevetene tutti, questa è la coda della mia volpe.

Sede a Montefalcione, via Stazione Tel. 0825.977135. www.donnachiara.it Enologo: Angelo Valentino. Bottiglie prodotte: 50.000. Ettari di proprietà: 10. Vitigni: aglianico, fiano, greco, coda di volpe.

 

4 commenti

  • Marcello

    (1 agosto 2012 - 08:56)

    Ed in Irpinia ce ne sono altre 3 ad alto livello, Vadiaperti, Perillo e Milena Pepe

    • luciano pignataro

      (1 agosto 2012 - 12:47)

      Lunedì 13 a Taurasi ci sarà la serata tecnica organizzata da Slow Wine con sei coda di volpe e i piatti di tre giovani cuochi di territorio

      • Marcello

        (1 agosto 2012 - 13:11)

        Thank you for the news -:))

      • MASTER SOMMELIER

        (27 agosto 2012 - 13:55)

        COMPLIMENTI , AD ILARIA PETITTO E ALLA CANTINA DONNACHIARA….. OLTRE A 3 GRANDI BIANCHI …(GRECO FIANO E FALANGHINA)..ORA NELLA LISTA MANCAVA QUESTO STUPENDO VINO…. LA CODA DI VOLKPE DOP…CHE QUI A CAPRI… OLTRE ALLO SPAGHETTO CON LE ZUCCHINE STIAMO APPREZZANDOLO ANCHE CON I FRUTTI DI MARE E I CROSTACEI…… E CARNI BIANCHE …..COMPLEMENTI DAVVERO…!
        GRAZIE LUCIANO… CHE CI DELIZIE SEMPRE CON QUESTE STUPENDE NEWS…!
        GABRIELE. !CAPRI.

I commenti sono chiusi.