Colle dell’Aia 2003 Aglianico Beneventano igt

Letture: 87

AIA DEI COLOMBI
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

La nuova azienda di Marcellino Pascale, dopo avere conferito per molti anni la propria uva a terzi, debutta in etichetta con l’annata 2003 seguendo i consigli di uno che di aglianico se ne intende, Angelo Pizzi. Una realtà costruita alle falde di Guardia, il paese dei battenti, non lontano da Benevento. Un esempio di come anche dall’altra parte della Fondovalle Telesina si possano fare vini potenti e di struttura, anche se io mi sto convincendo sempre più di come sia necessario aspettare un anno per il piedirosso, due per tutti i bianchi campani e almeno quattro anni quando si tratta di stappare una bottiglia di aglianico. Infatti l’annata esuberande ha sicuramente dato una mano al frutto in questa versione, ma le note legnose, soprattutto all’inizio, sono a nostro giudizio ancora eccessivamente preponderanti proprio come accade per il Bue Apis della Cantina del Taburno. In questo caso l’uva. raccolta nella seconda metà di ottobre viene fatta fermentare a lungo in acciaio sulle bucce per poi passare un anno in barrique e sei in bottiglia. Questo elevamento regala sicuramente maggiore equilibrio, ma sarà meglio aspettare almeno la fine del 2006 per valutare al meglio l’espressione che questo Aglianico saprà dare al territorio. Dopo un poco di paziente attesa, il bicchiere si libera dei convenevoli lasciando ampio margine alle note fruttate e, in bocca, alla freschezza e alla mineralità tipica del vitigno. La beva diventa molto gradevole grazie ai tannini morbidi e il vino evolve verso l’eleganza, un dato molto difficile da riscontrare nell’annata 2003. Lo berremo volentieri su un piccione ripieno della Frangiosa di Ponte o sulle pappacelle con la carne di maiale preparate alla Vecchia Trainella.

Sede a Guardia Sanframondi. Contrada Sapenzia, 24
Tel. 0824.817384
Sito: http://www.aiadeicolombi.it
Email: info@aiadeicolombi.it
Enologo: Angelo Pizzi
Bottiglie prodotte: 30.000
Ettari: 10 di proprietà
Vitigni: falanghina, aglianico