Colli del Mancuso 1997 Cirò rosso classico superiore riserva doc

Letture: 43

IPPOLITO 1845
Uva: gaglioppo
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Nel  corso della degustazione verticale di Ripe del Falco a Cirò abbiamo provato un paio di vecchie annate del Colli del Mancuso, così, tanto per gradire: la “giovane” 2000 e la 1997, interessante per essere questo rosso in qualche modo alternativo alla riserva classica nata nel 1956: vendemmia leggermente ritardata rispetto alle altre zone del territorio perché qui siamo a mezza collina e non sulla pianura a ridosso del mare, lunga macerazione e poi passaggio in barrique per 8 mesi. Ma non solo. La commercializzazione è molto più rapida del Ripe perché passano circa tre anni. Aldilà delle procedure di produzione e commerciali, il gaglioppo conserva intatte le sue caratteristiche a cui ci ha abituati, in questo caso c’è solo una maggiore concentrazione di colore in più, ma il naso e la beva restano inconfondibili. Della 1997, l’ultima grandissima annata in Italia in cui forza e finezza si fondono in modo incommensurabile rispetto ad altri millesimi pure importanti come il 1999 e il 2001, ero curioso di verificare la riuscita e il riscontro è stato molto positivo: con il passare degli anni la riserva ha come al solito accentuato la freschezza senza però dimenticare la compostezza del frutto, l’equilibrio e soprattutto conservando senza il minimo sforzo una integrità olfattiva e gustativa da manuale. La 1997 è di gran lunga superiore, per complessità e profondità, alla 2004, ultima annata uscita dall’azienda, che pure è riuscita a mettere d’accordo le diverse scuole di pensiero in Italia. Il bello di questi vini è l’essere food friendly, ossia essere immediatamente abbinabili anche ai cibi più intensi come un crostino di neonata piccante al quale si avvicina con iniziale discrezione per poi avvolgerlo, sgrassarlo e dissalarlo lasciando solo la sensazione austera del forte in bocca. Un accostamento che dimostra quali siano le pazzesche possibilità di questo rosso d’autore pensato il riva al mare sibarita.

Sede a Cirò Marina, via Tirone, 118. Tel. 0962.31106, fax 0962.31107. www.ippolito1845.it Enologo: Franco Bernabei. Ettari: 100. Bottiglie prodotte: 1000.000. Vitigni: gaglioppo e greco bianco