Conca dei Marini, Monastero Santa Rosa e i piatti di Christoph Bob

Letture: 220
Christoph Bob con Enzo Vizzari

Abbiamo avuto modo di parlarvi diffusamente della perfetta ristrutturazione di questo complesso appollaiato sul mare di Amalfi. Qui era facile stare a contatto con Dio e credere fermamente nella sua esistenza: lo tocchi quando apri gli occhi la mattina.
Il Monastero Santa Rosa non ha perso questa capacità di regalare trascendenza.

La pasta integrale prodotta in proprio

La cucina di Christoph Bob, verificata poche settimane dopo l’apertura, ha avuto modo di assestarsi e perfezionarsi con i tempi, nell’ambito di un rigoroso controllo di materia prima. Poco da aggiungere a distanza di tre mesi, se non la piacevolezza dei piatti, i sapori precisi, la necessità di aggiustare il tiro sui primi, l’atmosfera irripetibile che si repsira cenando all’aperto di sera.

Monastero , le cucine

 

Monastero, il bancone bar

 

Monastero, la cantina

 

Christoph Bob. Il Benvenuto

 

Christoph Bob. Variazione di Crostacei astice su passata di melanzane affumicate e croccante di patate. Insalatina di fagiolini verdi gamberi e santoreggia. Bon bon di scampi con funghi e salsa all'erba cipollina

 

Christoph Bob, Variazioni di alici di Cetara. arancino su peperoni, alici sottosale con crostini di pane, alice imbottita di provolone, alice marinata e fritta in insalata di erbe

 

Christoph Bob.Tartare di vitello con funghi, uova di quaglia e purea di sedano rapa

 

Christoph Bob. Raviolo con cernia e pomodori cotti e crudi

 

Christoph Bob. Risotto mantecato con burrata barese, tartare di gamberi rossi, erba cipollina e polvere di olive nere

 

Christoph Bob. Fusilli con calamaretti spillo, pomodorini e melanzane al profumo di basilico

 

Christoph Bob. Zuppa fredda di melone con zenzero, verbena, anguria e gamberi

 

Christoph Bob. Spaghetti integrali con totani, patate violette e infuso di foglie al limone

 

Christoph Bob. Scorfano farcito con crostacei su pesto di peperoncini di fiume e patate

 

Christoph Bob. Duetto di agnello con bietole e peperoni

 

Greco di Pietracupa 2010

 

Per Eva 2010

 

Costa d'Amalfi 2008

La carta dei vini ha ricarichi eccessivi, anche per un posto come questo. E se la Campania è comunque ben rappresentata, il resto d’Italia e la Francia appasiono ferme e un po’ turistiche. Con una cucina così e in una struttura del genere è giusto aspettarsi il massimo.

Christoph Bob. Semifreddo al frutto della passione

 

Christoph Bob. Variazione di cioccolato

 

Christoph Bob. Millefoglie con pistacchio con lampone e sorbetto di melone

 

Christoph Bob. Pesca al cartoccio con gelato alla vaniglia e spugna di cioccolato

Il Monastero chiuderà a fine ottobre. Le premesse per farlo diventare un posto fantastico ci sono tutte. Non ultimo il giro di alberghi del versante amalfitano capaci di investire con decisione sulla gastronomia: Palazzo Sasso, Villa Cimbrone, Hotel Caruso, San Pietro, Syrenuse giusto per citare i più conosciuti in tutto il mondo. Cucine che contribuiscono a tenere il turismo di questo territorio su un profilo altissimo anche grazie al’ineguagliabile contesto.

Sfogliatella e caffé

 

Il piatto della colazione

3 commenti

  • Paolo Mazzola

    (26 settembre 2012 - 10:31)

    Questo va in agenda , grande ricordo di Bob Cristoph quando era al Relais Blu!

  • Giuseppe Novi

    (26 settembre 2012 - 15:59)

    Vorrei provarlo spero di andarcial piu presto è spettacolare spero sol0 che non mi deluda la cucina dai piatti un pò spartani spero sia solo un mio dubbio.

  • […] Conca dei Marini, Monastero Santa Rosa e i piatti di Christoph Bob […]

I commenti sono chiusi.