Concarosso 2004 riserva Roccamonfina igt

Letture: 27

PODERI FOGLIA

Uva: aglianico (70%), pallagrello
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Poderi Foglia è la seconda azienda dell’avvocato Alberto Barletta, nata dalla gemmazione della Vestini Campagnano: sta lungo la Casilina, poco prima di entrare nel Lazio, con i vigneti esposto a Mezzogiorno in collina. Una realtà ancora poco conosciuta capace però di stupire per i suoi due vini base, entrambi in ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Il Riserva 2004 è una novità nel viviace panorama vitivinicolo casertano, ha la stessa composizione dell’altro rosso con una attenzione di più all’affinamento in legno e in bottiglia: esce infatti solo in queste settimane. Il blend affonda le radici direttamente nella tradizione, quando i contadini non distinguevano molto le uve rosse e procedevano ad una fermentazione indistinta per fare il vino: diciamo che il pallagrello contribuisce sicuramente ad alleggerire l’aglianico rendendo la beva più immediata, ma al tempo stesso la struttura e l’alcol del re dei vitigni campani si manifesta in questo caso in tutta la sua potenza, tipica tra l’altro del terroir di Roccamonfina dove ha ormai raggiunto davvero espressioni elevate e di grande rilievo. Siamo dunque sicuramente in presenza di un grande vino, dai profumi di frutta di sottobosco, spezie e piacevoli dolci note balsamiche molto intense e persistenti, con la bocca a confermare l’olfatto in una beva composta, piena, conseguente dall’ingresso piacevole e abbastanza morbido sino al finale pulito e molto lungo: i vino resta infatti per molto tempo con alcuni ricordi dolci che spingono a riprendere la beva immediatamente. Il bicchiere strizza l’occhio al gusto internazionale, ma non nel senso legnoso, quanto piuttosto verso l’esasperazione del fruttato elegante e fresco. Forse per questo è difficile pensare ad un abbinamento immediato e lo leghiamo allora molto banalmente ad un conciato romano di media stagionatura affinato da Berardino Lombardi nella sua tana Terre di Conca a pochi chilometri. Insomma, questa zona vale davvero un soggiorno per intenditori. E pensare che prima era famosa solo per l’acqua Ferrarelle!

Sede a Conca della Campania, località Vignali. Tel. 0823-862770. Enologo: Paolo Caciorgna. Ettari: 12 di cui 4 vitati. Bottiglie prodotte: 40.000. Vitigni: aglianico, pallagrello nero, falanghina, pallagrello bianco.