Cumalé 2008 Paestum igt

Letture: 36

CASE BIANCHE
Uva: fiano e trebbiano
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno


"La caratteristica di questo vino è la sua estrema sapidità salmastra, pur essendo in collina è sicuramente un vino di mare, sembra cresciuto con l’acqua di mare. Questo tema, che spero Sebastiano mantenga per la vendemmia prossima ventura, potrebbe renderlo ancora più interessante e abbinabile a piatti moderni. Staremo a vedere". Così ho scritto del 2007,e per fortuna così sembra essere andata. In questa settimana ho maturato la convinzione che la 2008 si presenta come ottimo millesimo per i bianchi: soprattutto il Fiano irpino sembra essere in grande spolvero, privato della frutta un po’ ingombrante della 2007 ma finalmente pieno e di corpo a differenza del 2006 e del 2005.
Al momento siamo fermi, nella definizione di grande annata, alla 1999 per i rossi e alla 2001 per i bianchi. Anche il Fiano cilentano sembra essersi mosso bene in quell che tutto sommato appare un’annata equilibrata e senza scosse eccessive. Il Cumalé di Betti e Pasquale, alla loro seconda vendemmia ufficiale, si presenta infatti molto ben agrumato al naso, intenso e persistente, per certi versi fine ed elegante al naso, con una immediata corrispondenza in bocca dove la beva è decisamente appagante. Il Fiano ormai ha quasi vent’anni di vendemmie collaudate nel Cilento che è la terra, dopo l’Irpinia, dove è stato maggiormente studiato e praticato.
Un aspetto non secondario di questa esperienza è l’attenzione all’agricoltura pulita, un tema che diventerà sempre più importante nei prossimi anni soprattutto per le piccole aziende che hanno la necessità di distinguersi con alto artigianato. Nella proprietà ci sono alberi da frutto, olivi, si coltivano ortaggi e si praticano i protocoli biologici studiando nel frattempo i precetti biodinamici. Decisamente una bella sorpresa in un Cilento ricco di biodiversità e soprattutto di spazi immensi dove operare e sperimentare.

Sede a Torchiara
Tel. 0974843244, fax 0974.841491
Sito: http://www.casebianche.eu
Email: casebianche@tiscali.it
Enologo: Fortunato Sebastiano
Bottiglie prodotte: 9000
Ettari: 13 di cui 5 vitati
Vitigni: aglianico, primitivo, barbera, fiano, trebbiano toscano, malvasia