Cupersito Cilento Aglianico Doc 2011 | Voto 86/100

Letture: 153
da sx Pasquale Mitrano, Marco Contursi e Betty Iuorio

Azienda Agricola Casebianche
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: 13,00 – 15,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 31/35

Pasquale Mitrano e sua moglie Betty Iuorio sono due architetti prestati alla viticoltura. Da alcuni anni si sono trasferiti dalla provincia di Caserta a Torchiara, nel Cilento, dove hanno ereditato una proprietà agricola e qui hanno cominciato a coltivare sei piccoli appezzamenti di vigneti, posizionati l’uno accanto all’altro per complessivi 5,5 ettari. Prima seguendo il metodo di coltivazione biologica e poi dal 2011 quello biodinamico, producono poche bottiglie artigianali, ma tutte connotate da un’eccellente qualità, stando ai riscontri ricevuti in termini di riconoscimenti e, soprattutto, di marketing. I vitigni impiegati sono principalmente i locali fiano ed aglianico, dai quali si ricavano vini diversi rispetto agli emuli irpini, soprattutto per le condizioni geografiche e climatiche particolari. Nel Cilento queste specie varietali sono allevate di solito vicino al mare e su un terreno non eccessivamente mineralizzato; crescono ad altezze più basse e possono fruire di più luce durante tutto l’arco dell’anno.

Nella mia ultima visita in azienda ho degustato, tra gli altri, il Cupersito Cilento Aglianico Doc 2011, ultima etichetta in commercio in ordine cronologico. Il vino è prodotto con le migliori uve di aglianico in purezza selezionate nei vigneti aziendali “Vigna Dellemore” e “Vigna dell’Acquasanta”, vendemmiate belle mature a metà ottobre.

Cupersito Cilento Aglianico Doc 2011 Casebianche

Macerazione di quindici giorni in vasche d’acciaio, con frequenti rimontaggi. Affinamento di dodici mesi in legno di rovere: 50% in tonneaux e 50% in botte da venti ettolitri e passaggio finale in vetro per altri sei mesi. Gradazione alcolica di 14° C.

i vigneti dell’azienda Casebianche

La veste cromatica tinge il bicchiere di un colore rubino carico, con riflessi violacemente giovanili ai bordi. Il profilo olfattivo mette in rilievo un articolato corollario di profumi, permeato subito da una timbrica odorosamente fruttata e floreale di prugna, visciola, ribes e violetta. L’appeal aromatico prosegue poi con infiltrazioni purissimamente speziate di noce moscata, pepe nero e chiodi di garofano e/o pervasive nitidezze di liquirizia, tabacco, menta e ginepro. In bocca il vino esordisce con tannini telentuosi e già ammorbiditi, senza scalfitura alcuna. Il sorso è scalpitante, originale, mediterraneo, succoso, polposo e fresco. Vibrazioni sapide stuzzicano poi il cavo orale, insieme con un timbro terroso, carnoso, fruttato, materico, morbido e saporito. La struttura gustativa è imponente, reattiva, rotonda ed elegante. Il nitido palato sfoggia anche un portamento austero e fiero, scandito da un intrigante ed equilibrato ritmo. Il finale è lungo ed appagante. Prezzo conveniente. Vino interessante che rispecchia fedelmente il territorio di appartenenza. E dategli tutta la ricca e terragna gastronomia cilentana da abbinare e lo farete contento. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Torchiara (Sa) – Via Case Bianche, 8
Tel. 0974 843244
info@casebianche.eu – www.casebianche.eu
Ettari di proprietà: 14, di cui 5,5 vitati
Enologo: Fortunato Sebastiano
Bottiglie prodotte: 30.000
Vitigni: aglianico, barbera, piedirosso, fiano, santa sofia, trebbiano e malvasia.

3 commenti

  • Marco Contursi

    (18 marzo 2014 - 07:58)

    Gran bella scheda come sempre di Enrico,descrizione completa del vino e questa volta posso dire di esserci stato pure io come si evince dalle foto.L accoglienza di Pasquale e Betty sempre al top.

  • Mondelli Francesco

    (19 marzo 2014 - 07:34)

    Bellissimo neologismo (riguardo al vino)quello dei tannini talentuosi).Infatti ,come le persone dotate anche questi tannini ,secondo il nostro Enrico ,daranno prova di se nel tempo anche se godibili già da ora.PS.Per Marco ,che personalmente non conosco ,ma di cui spesso leggo anche su questo blog:fa piacere vedere che ha il fisico del ruolo e,come disse il padrone di casa ad un mio invito a dimagrire,costruito con costanza nel tempo di sicuro con tanta roba buona.FM.

  • enrico malgi

    (19 marzo 2014 - 09:12)

    Ciao Marco e Francesco. Voglio qui affermare che vivo sempre una gratificante esperienza quando vado in giro per vigne nel Cilento. Come vedi Francesco sto mantenendo la promessa di non trascurare la tua terra d’origine e la mia di adozione, perché, come sottolineavi alla fine del tuo commento, “c’è tanta roba buona”. Segui i prossimi servizi sulle altre aziende cilentane, mi raccomando.

I commenti sono chiusi.