Cutizzi 2004 Greco di Tufo docg Feudi di San Gregorio

Letture: 127
Cutizzi 2004
Cutizzi 2004

C’è un parametro certo e matematico per valutare il valore di un distretto vinicolo: il valore che viene dato alle annate più vecchie. Quanto più costa pagare bottiglie vecchie tanto più possiamo essere sicuri di essere in presenza di un territorio consolidato nel tempo. Forse questo ragionamento può non valere per il Prosecco, ma io credo che tutto vada misurato sui tempi medi e lunghi. Un dato è certo, quando ci troviamo di fronte a grandi bottiglie di bianchi irpini che hanno un grande pregio qualitativo ma nessun valore commerciale ci piange il cuore.
Ricevo spesso mail di appassionati che si ritrovano bottiglie degli anni ’90 e, per il Taurasi, ancora dietro, ma la risposta che si può dare loro è sempre la stessa: non hanno alcun valore commerciale. Questo accade perché è da poco entrato nella consapevolezza delle aziende la necessità di ritardare le uscite, del Taurasi per necessità, del Fiano e in misura secondario del Greco per scelta. Ma questo è solo il primo passo, il secondo sarebbe conservare un bel po’ di bottiglie non solo per le verticali con gli appassionati e i giornalisti, ma anche per renderle disponibili all’acquisto. E purtroppo questa prassi è quasi del tutto inesistente in Italia.
Ma alla fine è questo il parametro per misurare la distanza tra noi e le zone vitivinicole francesi: non tanto i punteggi nelle degustazioni coperte o la capacità di essere competitivi sul mercato, quando quella di dare un valore commerciale al tempo.
Sono queste le riflessioni da fare con questo Cutizzi 2004 che Angelo Nudo ci offre al Marennà in una bella serata di fine luglio in cui aveva rinfrescato. Una bottiglia che appartiene ad una fase della storia della Feudi su cui se ne sono dette di tutti i colori, ma alla fine il risultato è quello di una bellissima bevuta in cui il bianco si presenta ancora completamente integro e vivo. E quello che è quasi un reperto potrebbe invece essere una grande ricchezza se gestito in maniera diversa.

Sede a Sorbo Serpico, Località Cerza Grossa. Tel. 0825.986611. www.feudi.it Ettari: 250 di proprietà. Bottiglie prodotte: 4.000.000. Responsabile di produzione: Pierpaolo Sirch.