D’Erasmo 2004 Aglianico del Taburno riserva doc

Letture: 139

NIFO SARRAPOCHIELLO

Uve: aglianico
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro

I grandi vini nascono solo da una forte passione per la propria terra. Come quella che contraddistingue il lavoro del giovane Lorenzo Nifo in agro pontese, alle porte di Benevento. Anno dopo anno Lorenzo convince sempre di più ed ormai la sua azienda, ancora giovane ma solo dal punto di vista anagrafico, è una dei presidi enologici più interessanti della terra sannita. La struttura è particolarmente accogliente, con una bella sala degustazione e  immersa in un mare di  vigneti ben curati: ottimo biglietto da visita per una gamma di etichette veramente di primordine. Dopo aver parlato diverse volte dei suoi bianchi e del Màrosa, l’interessante rosato da uve aglianico,  questa volta l’entusiasmo si scatena per il rosso riserva, l’aglianico D’Erasmo. Ci è capitato di degustare le annate 2003 e 2004 in una domenica particolarmente fredda, riscaldata dalla simpatia di Lorenzo e della giovane moglie Mariangela. Entrambe le etichette hanno convinto, anche se le nostre attenzioni sono  state fin da subito rivolte particolarmente a quella più giovane. La 2004, seppur con naso meno elegante rispetto alla precedente (forse per via del legno, tutto di primo passaggio nel caso della 2003), è esplosa con immediatezza: ampio ventaglio olfattivo. La differenza più interessante, poi, si ha al palato dove la versione 2004 si mostra incredibilmente polposa e vellutata e con i frutti rossi maturi immediati che si richiamano al naso e che man mano cedono a speziature che si avvertono tra la tanta freschezza ancora dominante. E’ questa la caratteristica più interessante del calice, segnale di un vino giovane, capace di sfidare gli anni. A noi dispiace solo di un fatto, di non poco conto. Per dare vita al D’Erasmo che sarà della vendemmia 2008, Lorenzo ha dovuto sacrificare, per via della produzione bassa dell’ultima annata, il bel rosato che ha ben figurato in queste ultime vendemmie. Ma siamo anche convinti che quando un po’ più in la negli anni degusteremo la riserva le nostre parole lo elogeranno. Tutti i vini dell’azienda sono prodotti da agricoltura biologica.

Questa scheda è di Pasquale Carlo

Sede a Ponte, via Piana – Tel. e fax 0824 87645 – l.nifo@libero.it – www.nifo.eu – Enologo: Lorenzo Nifo – Ettari: 12 di proprietà – Bottiglie prodotte: 55.000 – Vitigni: aglianico, piedirosso, falanghina. greco, fiano