Oltre Bressan | Il New York Times e le etichette con Hitler di Lunardelli: "Dall'Italia un'annata al profumo di orrori"

Letture: 131
Lunardelli vende vini a tema nazista da 20 anni – Laia Abril per The International Herald Tribune

E per fortuna che la giornalista non ha avuto modo di leggere le esternazioni di Bressan sulla Kyenge. Ce ne avrebbe di materiale da trattare. A voi, come al solito, la traduzione integrale dell'articolo sulla ennesima “italianata” dell'era berlusconiana.

di Elisabetta Povoledo

Colloredo di Prato — Vini Lunardelli non è un'azienda estranea alle polemiche. Sembra che ogni anno, di solito durante l'estate, un turista si imbatte nei suoi vini con etichette bizzarre e fa gran rumore, la qual cosa è poi riportata dai mass media locali e a volte nazionali e internazionali.

Il Simon Wiesenthal Center è stato l'ultimo a porre delle obiezioni alle etichette dei Vini Lunardelli.  Quest'anno, la questione ha sollevato qualche polemica in più quando è stata posta dal Simon Wiesenthal Center.

Infuriata per delle etichette che raffigurano Hitler e diversi membri della gerarchia nazista, il gruppo per i diritti umani degli ebrei che si trova a Los Angeles questo mese ha invitato i distributori a fermare la commercializzazione dei vini di Lunardelli.

Sebbene Lunardelli abbia venduto vini a tema nazista per venti anni, la peculiare strategia di marketing è persino più intollerabile in questi giorni, ha detto l'impiegato del centro, con la crescente incidenza dell'antisemitismo in Europa.

“Qual è la condizione della vita degli ebrei in Europa: sta migliorando o peggiorando? Sta peggiorando molto”, ha detto il rabbino Marvin Hier, e fondatore del Wiesenthal center, e ha citato recenti episodi allarmanti in Francia, Grecia, Ungheria, Europa Orientale e Spagna dove questa settimana è comparso uno striscione a un corrida con lo slogan “Adolf Hitler aveva ragione”.

“Questo non è il tempo in cui possiamo dire che abbiamo sconfitto l'antisemitismo, siamo stati marginalizzati”, ha detto il rabbino Hier. “Questo non è il tempo di bere vino con l'immagine di Hitler. E' un insulto e una profanazione della memoria dell'Olocausto”.

Ma I produttori di vino ritengono di non fare nulla di sbagliato.

“E' storia, non è propaganda”, ha insistito Andrea Lunardelli durante un'intervista in una calda mattina di Agosto nella cantina della sua famiglia dove un impiegato solitario era indaffarato ad attaccare etichette – Hitler che faceva il saluto nazista, un ritratto di Hitler con il suo autografo, un altro ritratto con il motto “Ein Volk, ein Reich, ein Führer” (un popolo, una nazione, un leader) – su bottiglie che attendevano di essere confezionate e spedite.

Non è solo Hitler. L'azienda propone circa 30 etichette a tema nazista incluse immagini che esaltano Himmler, Göring, Eva Braun e altri.

Bottiglie con etichette che il signor Lunardelli, il figlio del proprietario, Alessandro Lunardelli, descrive come “la linea storica dei prodotti” occupavano uno scaffale sul muro. Il giudizioso compratore può  scegliere tra Mussolini, Lenin e Stalin, cosa che indica che quando si tratta di despoti i vini di Lunardelli offrono un merchandiser basato sulle pari opportunità.

“E' alquanto assurdo poiché Hitler era astemio”, ha detto il signor Lunardelli, che sembra sinceramente dispiaciuto del fatto che la gente possa essere turbata dai suoi vini ma è tuttavia impenitente.

Questi prodotti “sono un modo per non dimenticare la storia e i mostri che ha prodotto, assicurando che questi non ritorneranno mai”, ha detto. Almeno il passato ha avuto tiranni identificabili, ha aggiunto. “I mostri di oggi sono le multinazionali senza volto”.

Inoltre il signor Lunardelli ha detto che la maggior parte delle persone compra le bottiglie come uno scherzo”.

Ma le etichette non sono una questione da ridere come il rabbino Hier fa notare con preoccupazione. “Chi pensa che siano i suoi clienti, persone che si divertono?” ha chiesto in una intervista telefonica dal suo ufficio di Los Angeles. “Le persone amano bere il vino perché è in sintonia con i loro sentimenti sugli ebrei”.

L'antisemitismo cresce, ha detto il rabbino Hier, e “ovunque si trovano persone che si muovono per abbattere le barriere contro il nazismo”. Questi vini sono tuttavia un altro esempio di questa cosa. “Per me è sorprendente come possa farla franca”.

Per mitigare le critiche di promozione del fascismo o nazismo, nel corso degli anni, Lunardelli ha sviluppato una gamma storica e artistica di prodotti di successo come Sissi, l'Imperatrice Elisabetta di Austria e la Mona Lisa e molti fiaschi come Churchill, Napoleone e persino il Sangue di Dracula che “hanno venduto pochissime bottiglie”, ha detto il signor Lunardelli.

Solo Che Guevara ha fatto saltare i tappi quando sono passati ai personaggi di sinistra. Ma il signor Lunardelli è stato costretto a fermare la produzione dopo che la vedova di Alberto Korda, il fotografo che ha scattato la ben conosciuta immagine del Che che indossa un basco nero, ha chiesto 20.000 euro (circa 27.000 dollari) e il 15 percento su ogni bottiglia venduta. “Così le abbiamo mandato tutte le etichette non utilizzate”, ha detto il signor Lunardelli, un po' malinconicamente.

Le bottiglie naziste, lo ha riconosciuto, sono tra le più vendute dell'azienda. “L'ottanta per cento delle vendite sono quelle di Hitler”, ha detto, sulle 20.000 bottiglie all'anno, circa un quarto della produzione complessiva di Lunardelli che consiste per la maggior parte di vini da tavola ottenuti da varietà locali.

Per Fabio Bogo, che ha iniziato a produrre una linea simile di vini storici a casa sua vicino a Belluno in Veneto 13 anni fa, le percentuali sono persino più alte. “Novantacinque bottiglie su 100 sono di Adolf”, ha detto, sebbene una linea delle vette delle Dolomiti sia anche gradita.

Dice che i suoi affari stanno andando incontro a un boom negli anni recenti. “Forse la crisi fa pensare alla gente che le cose erano migliori quando erano peggiori”, ha detto il signor Bogo, “ma ho il sospetto che non queste persone non hanno vissuto o non ricordano il passato”.

Nonostante anni di lamentele per le sue etichette, il signor Lunardelli ha messo in evidenza come la legge sia dalla sua parte. Parecchie cause e indagini non sono riuscite a dimostrare che i vini sono apologia del fascismo o nazismo che in Italia è contro la legge.

La legislazione nazionale impedisce anche a Lunardelli di vendere i vini con le etichette naziste in Austria  e Germania, ha detto, sebbene crede che la maggior parte della gente che compra questi vini proviene dai quei Paesi come anche dall'Europa Orientale.

Sospetta che ci sia un vivo mercato nero con camionisti che fanno passare cartoni di vino oltre i confini del nord Italia, “ma nessuno lo ammette”, ha detto.

Questi vini hanno qualcosa di buono? A circa 10 o 11 dollari, più spedizione e commercializzazione, non sono degli affari e il signor Lunardelli è orgoglioso dei vini storici che produce a partire da uve locali.

Il signor Lunardelli, che dichiara di essere apolitico, ha detto che non intende offendere nessuno e cerca di rispondere a ogni e-mail di lamentela che riceve. Ma per ogni messaggio di critica, ha detto, “ricevo 100 richieste su dove comprarli”, persino dagli Stati Uniti. “Questi vini vendono bene”.

Al centro di Udine un negozio di dolci e chincaglierie ha in mostra nella sua vetrina le bottiglie di Hitler ma anche di Papa Giovanni XXIII e Papa Paolo Giovanni II. “Vediamo che la maggior parte della gente le compra come uno scherzo”, ha detto il proprietario Giuseppe Folegatto. “Nessuno vuole esaltare queste figure. E' solo un business”.

Traduzione di Novella Talamo

8 commenti

  • Franco Ziliani

    (27 agosto 2013 - 09:41)

    stigmatizzando doverosamente la commercializzazione, senza
    giustificazione alcuna, di vini con queste etichette, cerchiamo di
    andare oltre al “caso Bressan”. Fulvio ha sbagliato ma é stato fatto
    oggetto di una criminalizzazione, soprattutto da parte di certi sepolcri
    imbiancati e ipocriti del Web, esagerata ed esagitata. Ha sbroccato
    Fulvio, ha esagerato, ma non trasformiamolo in un mostro e soprattutto
    non coinvolgiamo nella criminalizzazione i suoi vini, che sono e restano
    eccellenti, veri, pieni di energia vitale.

    • Michele Miali

      (27 agosto 2013 - 10:48)

      non credo fosse in discussione la qualità dei vini di Bressan, quanto le becere idee di cui si è fatto portavoce. non si commette un errore pensando certe cose, per grette e ignoranti che siano; si commette un errore quando queste idee si manifestano in pubblico modificando, così, un ‘immagine pubblica diversa dalla realtà che in questo modo si è portata fuori. diciamo che è stato “inopportuno”.

    • Luciano Pignataro

      (27 agosto 2013 - 11:12)

      Franco tutti possiamo sbroccare. Anche a me è capitato molte volte (e il 99% delle volte ho sbagliato a farlo e il 90% me ne sono pentito). Ma è proprio in questi momenti che emerge il nostro subconscio culturale. La pagina Fb di Bressan è una collezione di mostri ideologici che non coinvolge solo la Kyenge ma ci riportano nella giungla su molti versanti.
      Io te abbiamo distanze siderali su mille cose, alcune anche sostanziali, ma il nostro rapporto è sempre stato basato sulla civiltà della parola mai fuori posto.
      Questo Bressan non ha capito,ma non può capirlo.
      Come mi è stato giustamente suggerito, la cosa migliore è ignorare certi fenomeni. Da giovane pensavo che la redenzione fosse possibile in terra, ora credo che l’unico a poterla dare, se c’è, è il Padreterno. E il resto della mia vita voglio passarla con persone e vini che mi piacciono.

      • Marco Contursi

        (27 agosto 2013 - 11:30)

        “E i resto della mia vita……..che mi piacciono”.Sante Parole,la vita è troppo breve per sprecarla coi dementi o come diceva Veronelli “la vita è troppo corta per bere vini cattivi”.

  • Alberto Capasso

    (27 agosto 2013 - 10:14)

    sarà, a me i suoi vini non piacciono più, mi sembrano morti … ma sono un pessimo degustatore, si sa

  • Pamela

    (27 agosto 2013 - 10:25)

    Non si criminalizzano i vini ma chi li produce. Il vino c’entra poco o nulla in questa questione, ma la sua attività ha fatto da cassa di risonanza. Non è consentito dalla legge inneggiare al fascimo, al razzismo e a qualsiasi altra forma di discriminazione. La lezione della storia l’abbiamo imparata oppure no? Consentiremo “lo sfogo” di Bressan perché il tipo è uno passionale, poi? Iniziarmono così anche le leggi razziali…poco per volta, chiudedo un occhio su tutto.

    Bertold Brecht
    “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari. E fui
    contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei. E
    stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli
    omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a
    prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista.
    Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a
    protestare.”

  • Ettore Fieramosca

    (27 agosto 2013 - 12:05)

    Mi sembra che questo produttore usi immagini di molti despoti non solo nazisti, anche comunisti, fascisti, titini. Ha vini ispairati anche ad altri personaggi della storia Curchill, Franco, Napoleone. Non riesco ad indignarmi per questo modo di vendere vino, come non mi sono indignato per la carta igienica con la faccia di Saddam Hussein. Non ritengo che tolga o aggiunga nulla alla storia. La censura da qualsiasi parte venga è contro la democrazia. Piuttosto in Italia dovremo riappropriarci di alcuni simboli attualmente censurati come il fascio littorio e l’ aquila imperiale. Simboli che paradossalmente sono presenti al congresso degli Stati Uniti.

  • Gennaro De Gregorio

    (27 agosto 2013 - 14:04)

    Però guardate ve lo dico con il massimo rispetto perché spero che almeno voi siate in grado di capire che nessuno sfogo vien dal nulla e che quindi non ha senso esasperare gli animi. C’è una parte cospicua di questo paese(ma non solo) che percepisce questi fenomeni come negativi, frustranti ed avvilenti. Non mi interessa qui discuterne la fondatezza, mi interessa però capire se voi interessa o meno il disagio di queste persone. Perchè vedrete, piaccia o meno, più vi intestardite e più vedrete sorgere fenomeni sempre più violenti, vi pare sensato? Obblighereste, chi mette il formaggio sui polipi a rinunciarvi, in nome della vostra idea di cucina?

I commenti sono chiusi.