Diario nel bicchiere: otto rosati per la mia estate, scoperti alle Notti del Rosato

Letture: 126
Ada Sguazzo

 di Ada Squazzo

Di  dissetanti “notti del rosato e delle bollicine”, ho avuto la fortuna di deliziare il palato e la mente durante due eccellenti serate dedicate alla produzione  vinicola del Mediterraneo, antico Regno delle due Sicilie, capace di sorprenderci sempre con le sue egregie produzioni.
Note di buon gusto che hanno colorato  le pagine del mio  piccolo taccuino di note di vino.

Un momento che si è fatto felice scoperta ed una passeggiata  lungo i banchetti delle aziende in esposizione, mi ha fatto finalmente incontrare alcuni di quei produttori, di cui ero a vendere bottiglie nell’Italian Wine Bar di Edimburgo,  mentre sognavo di poter rientrare presto nella mia amata terra del sole e poterne, dal vivo, lodare e degustare le eccellenze e le innovazioni. Finalmente, dopo un passaggio a Bordeaux, immersa nello studio dei sentori del mosto,  dalle cantine d’eccellenza bordelaise, rieccomin in Italia. Dalla tavola al bicchiere, il Mediterraneo si veste di  rosa!

 Aglianico,  Piedirosso, Casavecchia, Galloppo, Negroamaro, Montepulciano  hanno rallegrato il mio animo errante.

Notti del rosato, il brindisi finale

Vigorìa d’eccellenza il seducente Terre Cerase igt,, ottenuto da uve Aglianico dell’area del Taburno, della lodevole azienda vinicola Villa Matilde. Colore intenso, aroma elegante di frutti di bosco maturi, minerale, gradevolmente tannico, il suo carattere si è reso subito vivo  al palato, mentre la già stimata  produttrice, Maria Ida Avallone, spiegava con entusiasmo il processo di vinificazione e ghiacciatura delle bacche durante la spremitura, tecnica che conferisce maggior freschezza,  esaltando  tutta la naturale aromaticità ed addolcendo,  al contempo,  la tannicità del già importante vitigno.

 Percorrendo la piazza dei sapori con calice e taccuino, dai colli avellinesi al parco nazionale del Vesuvio. A Casa Setaro sono stata attratta dal colore leggermente aranciato ma deciso del Lacryma Christi del Vesuvio rosato ’09 doc. Ottenuto da uve Piedirosso, il suo profumo floreale ricorda petali di rosa e frutta a polpa rossa, evidenziando al contempo, un aroma di ciliegia amarascata. Alla mente evoca il sapore delle deliziose ciliegine sotto spirito che le nostre nonne amavano offrire agli ospiti durante le visite domenicali. Un vino rosa di carattere, simpaticamente retrò,  proprio come  gli antichi terreni vulcanici, ricchi di calcare ed argilla da cui i vigneti  assumono nutrimento.

 Dai colli vesuviani,  pochi passi ad est per uno Sfizio Rosa igt ’09  delle Terre del Volturno. Qui, le bacche Casavecchia, dal cui interessante vitigno autoctono, l’azienda Vitcoltori Casavecchia prende il nome, grazie alla sapiente opera  dei viticoltori che sposano il “terroir” di appartenenza, nasce un rosato dall’odore inconfondibile della ciliegia e dei fiori di campo. La gradevole mineralità ha ammorbidito il gusto del mio palato nel discorrere,  in compagnia di altri amici,  sul  rapporto uomo territorio, l’amore per la coltivazione della vite nel rispetto dei tempi e delle tradizioni.

Le chef della seconda notte del rosato: Marianna Vitale, Franca de Filippi, Rosanna Marziale, Ada D'Amato, Irene Muccilli

Più a Sud, la genuinità di Maddalena ed Antonio, attivi viticoltori dell’azienda  Terra di Vento, ha catturato la mia attenzione da neofita  alla scoperta dei sapori bio ed il loro Tecla MadreAglianico rosato’ 09  igt Colli di Salerno, ha riportato alla mia mente   leggere note di spezie e
tabacco che arricchiscono i sentori  di  fragola matura e marasca,  propri al vitigno, ancor più profumato di rosa canina. In questa zona,  il terreno  tufaceo-argilloso incontra in superficie  una falda calcarea che dona generose ed  inconfondibili note aromatiche all’uva. Siamo a Pontecagnano Faiano, a pochi chilometri dal centro della città  Salerno.

Un’elegante etichetta ramata dal volto greco, attrae il mio sguardo.  A Strongoli, in Enotria,  incontro nel bicchiere,  un’odore  ricco di storia e tradizioni antiche. Sole, mare,  territorio e laboriosa dedizione dell’uomo si manifestano nel Grayasusi   rosato igt  ’09,   dell’azienda agricola Roberto Ceraudo.
Ottenuto da uve Gaglioppo, della meravigliosa Calabria, questo antico vitigno autoctono di terra greca,  ha  un colore ramato intenso e brillante. Regala  note di fragola matura e marasca, un ricordo di cassis impreziosito da  un retrogusto intenso e persistente. Un rosé d’alta classe!

Stefano Garofano, azienda Monaci

La magia dell’evento dedicato al vino, mi porta sul  versante Salentino di Copertino: Giroflè rosè igt ’09, l’  interessante Negroamaro in purezza dal colore brillante proposto dall’azienda Monaci.
Qui mi fermo a discorrere sul vino con  il cortese Stefano Garofano, viticoltore appassionato, che mi ha spiegato la tecnica di macerazione corta, detta anche “salasso”, mediante la quale, dopo una macerazione delle uve di circa 18-24 ore,  il mosto viene estratto e messo in fermentazione separata  in modo da ottenere un colore ed un aroma  più leggero e meno aggressivo.  Di fatto, il primo sorso ha regalato alla gola, una  sensazione  di piacevole freschezza e bassa acidità.  Un dibattito interessante di esperienze e pareri sulla produzione e la commercializzazione delle nostre eccellenze sul territorio italiano, sul gusto dei nostri connazionali e le tendenze gustative dei mercati  esteri ed emergenti, mi ha trattenuta al tavolo,  mentre  nel bicchiere trasudante di umidità, quel buon rosato meritava maggiore attenzione. Rinnovato il bicchiere ed il fresco nettare, al secondo sorso, le note aromatiche tipiche del vitigno, sono emerse immediatamente. Dolci sentori di  fragola hanno sposato il melograno in un bouquet di gerani. Eccellente a mio parere!

 Il  viaggio degustativo della seconda notte del rosato, si sposta risalendo negli Abruzzi.   La cara sommelier napoletana Rosaria, ha presentato il buon Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo
doc ’08 dei viticoltori  Lidia e Amato.   Dal bel colore rossastro luminoso e deciso di una cerasa, da cui il vino prende il nome, si sente un delicato bouquet di ginestra e frutti rossi  maturi,  con un gradevole sentore di spezie orientali. Ricco, vinoso, elegante.

Marina Alaimo, Serena Albano e Romina Sodano con i rosati della due notti di Battipaglia

 Sempre negli Abruzzi,  Massimo Pasetti, della società agricola di famiglia, sui meravigliosi colli e la vallata di Capestrano, nel parco nazionale, ha presentato in degustazione il rosato Alto Tirino
igt. La macerazione  a freddo delle bucce di selezionate uve Montepulciano ed una fermentazione a bassa temperatura,  hanno  saputo donare al vino un  colore ed un profumo che ricorda ancora la fragola e la ciliegia mature.  Aroma deciso, gusto leggero, bevanda inebriante.

Finalmente, variopinte sfumature di rosa dipingono  le  calde notti d’estate italiana!

3 commenti

  • monica

    (20 luglio 2010 - 09:15)

    Mi era piaciuto molto il rosato Ceraudo. tanto che lo avrei presentato volentieri in degustazione per i produttori. Poi si è deciso di proporre almeno un confronto tra due di Basilicata, ma davvero Grayasusi lo consiglio. Complimenti Ada, mi fa piacere di trovarti inaspettatamente tra queste pagine!

    • Ada Sguazzo

      (20 luglio 2010 - 11:06)

      Grazie mille Monica.
      Mi fha fatto molto piacere aver avuto la possibilità di esprimere e condividere opinioni di gusto.
      Ada

  • Luigi grimaldi

    (20 luglio 2010 - 09:23)

    Ottimi suggerimenti. A me piace molto il Terrae Cerase

I commenti sono chiusi.