Disfida del soffritto in Irpinia, l’orgoglio delle comunità del cibo di Slow Food

Letture: 283
la premiazione, Franco Archidiacono e Giacomo Pastore

di Lello Tornatore

A Flumeri (Av), nell’ edificio dell’antica Dogana Aragonese, recentemente ristrutturato, si respira tutt’altra aria rispetto a quella imperante dell’ingovernabilità nella quale il paese intero si dibatte. C’è tanta gente che ha voglia di abbandonarsi alle rievocazioni delle tradizioni di questo territorio. La festa del maiale con la conseguente preparazione del tradizionale soffritto, qui diventa una gioiosa “disfida” tra le diverse comunità dell’Irpinia, della Daunia e anche dall’agro Nocerino-Sarnese.

Tante donne, tantissimi bambini e tanti uomini, in famiglia, tutti legati alle radici della propria terra che in questa occasione si vogliono ricordare e celebrare. La giornata è bellissima, in cielo non c’è l’ombra di una nuvola, i campi di grano già verdi e gli ulivi del paesaggio della Baronia, fanno da cornice alle composte ed ordinate file di avventori che si accalcano al banchetto degli accrediti. Ragazze in costume d’epoca e ragazzi con l’organetto che danzano e suonano allietando le allegre libagioni concesse dagli impegnatissimi staff popolari delle varie comunità.

soffritto di Ariano, fegato capocollo e polmone

Tutto questo organizzato e gestito dalla condotta Altirpinia-Colline dell’Ufita e Taurasi, nelle persone del fiduciario Franco Archidiacono, del responsabile di Taurasi Alessandro Barletta, ma couadiuvati anche da un interminabile staff di attivisti e soci di questa e di altre condotte (OtoTortorella di Slow Wine, Quirino Benedetto e gli amici del Broccolo Aprilatico di Paternopoli, presidio Slow Food, Luigi Tecce, “il mago del taurasi”, Giacomino Pastore, “il re dell’aglianico nel castagno” gli amici di Teora Michele Racioppi e Salvatore Di Domenico detto il King, i “masti delle Tomacelle”, Marco Contursi fiduciario dell’agro Nocerino-Sarnese insieme ai macellai Aiello…e tanti altri).

soffritto di Grottaminarda, pancetta sgrassata

Il format della manifestazione prevedeva due momenti: quello serioso della valutazione dei piatti, da parte di due giurie, una tecnica ed una popolare, e a parte quello della degustazione collettiva dei diversi soffritti.

soffritto di Orsara di Puglia, guanciale e pancetta e l’altro tipo fegato, cuore e polmone

L’afflusso è stato notevole, molto al di sopra delle aspettative, tant’è che c’è stata un pò di ressa ai banchi d’assaggio, ma tutto sotto controllo e appuntato nell’agenda Archidiacono per la disfida dell’anno prossimo.

il soffritto di Paternopoli con tortino di cigole e uvetta
soffritto di Savignano, capocollo, guanciale , fegato e polmone

Abbiamo degustato ben undici soffritti, l’uno diverso dall’altro, ma il filo conduttore è stato l’orgoglio e l’impegno delle comunità nella presentazione del proprio piatto.

il bucatino al fischio col soffritto di Teora

 

il soffritto di Teora, con fegato, muscolo e col pomodoro
il soffritto dell’Agro…tutto interiora

Addirittura ci è giunta notizia, che a Flumeri, le diverse contrade, hanno tenuto una sorta di “primarie”per individuare chi tra loro dovesse rappresentare i colori del territorio flumerese, nella disfida. Nel corso dell’impegno valutativo, abbiamo anche degustato alcuni Taurasi, che ci hanno deliziato nell’accompagnamento del soffritto, in anteprima il Taurasi 2009 di Luigi Tecce che sarà presentato di qui a qualche giorno proprio a “Vendemmia 2009″. Come di prassi, il verdetto della giuria tecnica non ha coinciso con quello della giuria popolare.

La rappresentante di Bovino, miglior soffritto per la giuria tecnica

 

il soffritto di Bovino, con pomodoro e olive, vincitore giuria tecnica
la rappresentante di Flumeri miglior soffritto giuria popolare

 

il soffritto di Flumeri con carne dell’osso porcaro, vincitore giuria popolare

Solo per dovere di cronaca, erano tutti buonissimi, per la giuria tecnica il vincitore è stato il soffritto di Bovino (Fg), per quella popolare quello di Flumeri (uno dei pochi casi in cui le primarie sono servite ;-))

7 commenti

  • Marco Contursi

    (5 marzo 2013 - 14:57)

    Davvero una bella giornata.La nostra “torta di soffritto”,15 kg di interiora,San Marzano,corbarini e conserva di peperoni dolci ha spopolato.Grandi i fratelli Aiello e tutti gli amici che ci hanno regalato un piatto per partecipare alla giornata.

  • Marcello

    (5 marzo 2013 - 15:06)

    E chi si e’ scolato il Taurasi di Tecce??

    • Lello Tornatore

      (5 marzo 2013 - 18:44)

      Beh, la giuria…ovviamente!!! ;-))

  • Maria Teresa Scarpato

    (5 marzo 2013 - 16:18)

    Ragazzi siete fantastici!

  • Emidio Nat. Dè Rogatis

    (5 marzo 2013 - 23:14)

    Bellima e magnifica iniziativa…..è sempre eccitante esserci…..Complimenti alla Comunità di Flumeri per l’otima accoglienza… un grazie ai magnifici giurati, doviziosi e competenti…. un plauso alla Condotta Slow Food dell’Ufita….
    La manifestazione, per il clamore ed il successo crescente, pensiamo sia doveroso fare almeno un incontro con le varie comunità partecipanti, per coordinarsi in modo sinergico; per meglio smussare i piccoli intoppi “fisiologici” e dare cosi un migliore servizio al pubblico partecipante ….. Congratulazioni vivissime agli amici di Bovino “I Sanniti della Daunia” per la superlativa affermazione… andremo presto (dopo Pasqua) a degustare “a casa loro” l’ottimo soffritto….. Permettetemi salutare in modo particolare il FACTOTUM, l’amico Arch. Franco ArcHidiacono, squisitissima persona……
    Un grazie sincero a Luciano Pignataro, per la sua riconosciuta competenza e per l’ospitalità offerta su WineBlog
    da Teora e da me Emidio Natalino Dé Rogatis CIAO

  • franco archidiacono

    (6 marzo 2013 - 11:03)

    Un grazie sincero va detto alla Comunità di Flumeri e agli amministratori che hanno creduto nella manifestazione dal primo giorno. Quest’anno è la seconda volta che la disfida viene ospitata all’interno della Dogana Aragonese. Quest’anno siamo andati in “crisi” per l’affluenza “super”. Ma come sempre, l’organizzazione dell’Associazione locale “Affiliamo i coltelli” ha risolto tutti i problemi con maestria. Siamo al settimo anno, la manifestazione è cresciuta in termini di partecipazione, qualità dei prodotti, promozione territoriale…
    Dobbiamo migliorare in tante cose, miglioreremo andando avanti e costruendo sempre più comunità di Terra Madre.
    Grazie a tutti i soci della condotta, a tutti i ragazzi e ragazze della Piccola Tavola, a tutte le comunità partecipanti e a tutto il popolo che ha partecipato alla manifestazione.
    Ci vediamo l’anno prossimo a Bovino!?!

  • gerardo

    (6 marzo 2013 - 19:33)

    Ringrazio tutto lo staff organizzativo, ho passato una giornata d altri tempi tra bella gente,buona musica e tanto ma tanto ottimo cibo.Spettacolare il buffet di Flumeri,il soffritto di Teora lo penso ancora ,la torta e suffritt dell Agro Nocerino nn l avevo mai vista e devo dire che era stupenda e mentre aspettavo che la preparassero m hanno offerto del vino di Lettere meraviglioso.Ma piu di tutti ringrazio di nuovo chi ha reso possibile una cosi bella manifestazione.

I commenti sono chiusi.