Dormire nel gusto. Il B&B di Terre del Principe raccontato da una giornalista francese su Via Michelin

Letture: 58
Manuela Piancastelli e Peppe Mancini

di Emmanuel Tresmontant

59 km a nord-est di Napoli, nel cuore della Campania storica, la tenuta Terre del Principe non produce solo uno dei più bei vini d’Italia: il suo b&b consente un piacevolissimo soggiorno in una zona misconosciuta e totalmente preservata.

Se vuoi sfuggire per qualche giorno all’atmosfera concitata di Napoli per assaporare la tranquillità in mezzo al verde della Campania profonda, allora, senza esitare, recati all’Azienda vitivinicola Terre del Principe!

La strada per arrivarci, con partenza da Napoli, è quella di Caserta, cittadina dominata dalle vestigia di un castello del IX secolo, nota soprattutto per la gigantesca Reggia costruita nel XVIII sec. per il re di Napoli Carlo III di Borbone. Iscritta nella Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, questa splendida residenza si estende su 40 km ed ospita, oltre al palazzo, un teatro, un parco, un aquedotto, alcuni padiglioni di caccia e un’antica manifattura della seta.

Attraversata Caserta, prendi la direzione per Castel Campagnano, un paese di montagna situato nelle vicinanze del massiccio calcareo del Taburno.

È qui che Manuela Piancastelli e Giuseppe Mancini hanno deciso di vivere, lei, ex giornalista, autore di diversi libri di riferimento sui vini italiani, e lui, avvocato, appassionato di arte e di gastronomia. Negli anni ’80, tutti e due hanno deciso di ridar vita ai due vecchi vitigni locali che erano quasi scomparsi dalla regione: il pallagrello bianco e nero e il casavecchia. Nel XVIII sec., questi erano invece i pricipali vitigni delle vigne del re di Napoli, che apprezzava particolarmente il loro sapore speziato.

La matrimoniale Casavecchia

A forza di lavoro e di ostinazione, Manuela e Peppe sono riusciti ad estrarre dai loro 11 ettari di vigne dei nettari rari e caratteristici, meravigliosamente aromatici. Il bianco, maturato in barrique seduce per il suo naso dalle note di arancia amara e la bocca molto fresca e leggermente mentolata. L’assemblaggio di pallagrello nero e di casavecchia possiede un equilibrio impressionante: questi due vitigni si fondono per offrire al tempo stesso la struttura di un vino da invecchiamento e l’esuberanza di un concentrato di frutti rossi.

Nel 2009, Manuela e Peppe hanno creato un b&b che dispone di una camera matrimoniale e di un bellissimo appartamento (Pallagrello), completamente attrezzato, che può accogliere 4 persone. Per coronare il tutto, la saporita cucina napoletana di Manuela ti eviterà di andare al ristorante: mozzarella fresca di bufala, agnello da latte di Campania, piatti di verdura dell’orto, frittate, grigliate, zuppa di pesce piccante e, ovviamente, maccheroni alla napoletana! Un indirizzo insolito da segnare nel taccuino.

Terre del Principe
Via S.P. SS Giovanni e Paolo, 30
81010 Castel Campagnano (CE)
Tel : +39 08 23 86 71 26
www.terredelprincipe.com

Suite Pallagrello: 100 € per 2 persone, prima colazione inclusa (marmellate e biscotti fatti in casa!); 170 € per 4 persone.
Camera Casavecchia: 80 € per 2 persone o 60 € per una persona.
Cena: 40-45 € per persona, vino compreso.

Da vedere e da fare nei dintorni

Passeggiata tra le vigne dei dintorni in compagnia di Manuela e di Peppe.
Capua, una delle città più opulente dell’impero romano, dove Annibale si abbandonò alle delizie che gli furono fatali…
La città di Benevento che ospita le vestigia del tempo di Isis.
La basilica di S. Angelo a Formis, uno dei più bei moumenti medievali della regione.
La Reggia di Caserta.
Discesa di canyon nel massiccio del Matese.