News dalle aziende e dagli enti
24

Duemilavini 2011, i 5 grappoli dell’Ais di Franco Ricci

9 ottobre 2010

Franco Ricci

DODICESIMA EDIZIONE DI DUEMILAVINI
IL LIBRO GUIDA AI VINI D’ITALIA DELL’AIS


1.792 pagine per la recensione di 1.669 Aziende. Oltre 20.000 vini degustati e descritti, circa 900 finalisti e 390 quelli premiati con i 5 Grappoli, il punteggio dell’eccellenza, per 339 Aziende. Anche quest’anno è il Piemonte, con 91 etichette eccellenti, a battere la Toscana, al secondo posto con 73. La Lombardia segna un grande balzo in avanti con 27 etichette premiate, a seguire Friuli Venezia Giulia con 26, Veneto e Sicilia a pari merito a quota 23, poi con 18 Marche e Abruzzo (quest’ultima regione mai così premiata). A quota 13 troviamo l’Umbria e la Campania, tallonate da Alto Adige e Trentino, rispettivamente con 12 e 10 Eccellenze; a seguire la Sardegna con 9, l’Emilia Romagna con 8, il Lazio con 7, Puglia con 5; a 4 si attestano Liguria e Basilicata, e a chiudere lo stivale con 2 Eccellenze la Valle d’Aosta e la Calabria e con una il Molise.

Abruzzo
Jarno Rosso 2006    Castorani
Montepulciano d’Abruzzo 2006    Valentini
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Neromoro Riserva 2006 Nicodemi
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Opi Riserva 2007    Farnese
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Zanna Riserva 2007 Dino Illuminati
Montepulciano d’Abruzzo I Vasari 2007    Barba
Montepulciano d’Abruzzo Mazzamurello 2007    Torre dei Beati
Montepulciano d’Abruzzo Nerodichiara 2006    Contado Veniglio
Montepulciano d’Abruzzo S. Martino Rosso Marina Cvetic 2007 Masciarelli
Montepulciano d’Abruzzo San Calisto 2007    Valle Reale
Montepulciano d’Abruzzo Spelt 2006 La Valentina
Montepulciano d’Abruzzo Tonì 2007    Cataldi Madonna
Montepulciano d’Abruzzo Zeus 2007    Gentile
Pecorino 2008    Cataldi Madonna
Trebbiano d’Abruzzo 2008    Pepe
Trebbiano d’Abruzzo 2008    Valentini
Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli 2008    Masciarelli
Trebbiano d’Abruzzo Vigna di Capestrano 2008    Valle Reale

Molise

Molise Rosso Don Luigi Riserva 2008    Di Majo Norante

Campania

Aglianico del Taburno Terra di Rivolta Riserva 2007    Fattoria La Rivolta
Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2009    Furore Marisa Cuomo
Falerno del Massico Rosso Etichetta Bronzo 2007    Masseria Felicia
Fiano di Avellino Pietramara Etichetta Bianca 2009    I Favati
Fiano di Avellino Vigna della Congregazione 2008    Villa Diamante
Greco di Tufo Vigna Cicogna 2009    Benito Ferrara
Montevetrano 2008    Montevetrano
Naima 2006    Viticoltori de Conciliis
Sabbie di Sopra Il Bosco 2008    Nanni Copè
Taurasi 2006    Feudi di San Gregorio
Taurasi Radici Riserva 2004    Mastroberardino
Terra di Lavoro 2008    Galardi
Vigna Piancastelli 2007    Terre del Principe

Puglia

Castel del Monte Aglianico Bocca di Lupo 2007    Tormaresca
Graticciaia 2006    Agricole Vallone
La Signora 2007    Morella
Primitivo di Manduria Es 2008    Gianfranco Fino
Taras 2008    Tenute Al Bano Carrisi

Basilicata

Aglianico del Vulture Carato Venusio 2007    Cantina di Venosa
Aglianico del Vulture Il Sigillo 2006    Cantine del Notaio
Aglianico del Vulture Serpara 2006    Terre degli Svevi
Aglianico del Vulture Titolo 2008    Fucci

Calabria

Cirò Rosso Classico Ronco dei Quattroventi 2008    Fattoria San Francesco
Nerone di Calabria 2006    Criserà

Sicilia
Chardonnay 2008    Planeta
Chardonnay 2008    Tasca d’Almerita
Cielo d’Alcamo 2008    Tenuta Rapitalà
Cometa 2009    Planeta
Diamante d’Almerita 2009    Tasca d’Almerita
Don Antonio 2008    Morgante
Duca Enrico 2007    Duca di Salaparuta
Etna Bianco Cuvée delle Vigne Niche 2008    Tenuta delle Terre Nere
Etna Bianco Superiore Legno di Conzo 2007    Barone di Villagrande
Etna Rosso 2007    Cottanera
Etna Rosso Outis 2007    Vini Biondi
Etna Rosso Prephylloxera La Vigna di Don Peppino 2008    Tenuta delle Terre Nere
Etna Rosso Quota 600 2008    Graci
Etna Rosso Serra della Contessa 2008    Benanti
Faro Palari 2008    Palari
Kaid Vendemmia Tardiva 2008    Alessandro di Camporeale
L’Ecrù 2008    Firriato
Malvasia delle Lipari 2009    Florio
Malvasia delle Lipari Passito Selezione Carlo Hauner 2007 Hauner
Marsala Superiore Donna Franca Riserva Florio
Noà 2008 Cusumano
Passito di Pantelleria 2008 Abraxas
Sole dei Padri 2007 Spadafora

Sardegna

Angialis 2007 Argiolas
Barrua 2007 Agricola Punica
Capichera 2008 Capichera
Carignano del Sulcis Is Arenas Riserva 2007 Sardus Pater
Carignano del Sulcis Superiore Terre Brune 2006 Cantina Santadi
Chimbanta & Battoro 2006 Dettori
Turriga 2006 Argiolas
Vermentino di Gallura Superiore Monteoro 2009 Sella & Mosca
Vernaccia di Oristano Antico Gregori Contini

Valle d’Aosta
Vallée d’Aoste Chardonnay Cuvée Bois 2008 Les Cretes
Vallée d’Aoste Vuillermin 2008 Feudo di San Maurizio

Piemonte
Barbaresco 2007 Gaja
Barbaresco Bric Balin 2007 Moccagatta
Barbaresco Camp Gros Martinenga 2006
Tenute Cisa Asinari Marchesi di Gresy
Barbaresco Cottà 2007    Sottimano
Barbaresco Morassino 2007 Cascina Morassino
Barbaresco Ovello Vigna Loreto 2007    Albino Rocca
Barbaresco Pora Riserva 2005    Produttori del Barbaresco
Barbaresco Santo Stefano 2007    Castello di Neive
Barbaresco Santo Stefano 2007    Bruno Giacosa
Barbaresco Sorì Burdin 2007    Fontanabianca
Barbaresco Valeirano 2007    La Spinetta
Barbaresco Vanotu 2007    Pelissero
Barbera d’Alba Brichet 2009    Ca’ Viola
Barbera d’Alba Gallina 2008    La Spinetta
Barbera d’Alba Vigna Carzello 2008    Edoardo Sobrino
Barbera d’Asti 2008    Luigi Spertino
Barbera d’Asti Bricco della Bigotta 2008    Braida Giacomo Bologna
Barbera d’Asti La Bogliona 2007    Scarpa
Barbera d’Asti Superiore Alfiera 2007    Marchesi Alfieri
Barbera d’Asti Superiore Mongovone 2008    Elio Perrone
Barbera del Monferrato Superiore Bricco Battista 2007    Accornero
Barolo Acclivi 2006    Burlotto
Barolo Bric del Fiasc 2006    Paolo Scavino
Barolo Bricat 2006    Manzone
Barolo Bricco Boschis Vigna San Giuseppe Riserva 2004    Cavallotto Tenuta Bricco Boschis
Barolo Bricco delle Viole 2006    G. D. Vajra
Barolo Bricco Rocche Bricco Rocche 2006    Ceretto
Barolo Bricco Rocche Brunate 2006    Ceretto
Barolo Brunate 2006    Vietti
Barolo Brunate 2006    Roberto Voerzio
Barolo Ca’ Mia 2006    Brovia
Barolo Cannubi Boschis 2006    Sandrone
Barolo Cannubi San Lorenzo Ravera 2006    Rinaldi
Barolo Cascina Francia 2006    Conterno
Barolo Cerretta 2006    Ettore Germano
Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2006    Domenico Clerico
Barolo Cicala 2006    Poderi Aldo Conterno
Barolo Conca 2006    Renato Ratti
Barolo Enrico VI 2006    Cordero di Montezemolo
Barolo Gattera 2006    Gianfranco Bovio
Barolo Ginestra Riserva 2004    Paolo Conterno
Barolo La Serra 2006    Giovanni Rosso
Barolo La Villa 2006    Seghesio
Barolo Le Coste 2006    Giacomo Grimaldi
Barolo Le Coste Mosconi 2006    Parusso
Barolo Le Rocche del Falletto Riserva 2004    Bruno Giacosa
Barolo Le Vigne 2006    Sandrone
Barolo Margheria 2006    Massolino
Barolo Monfortino Riserva 2002    Conterno
Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2003    Giuseppe Mascarello
Barolo Monvigliero Riserva 2004    Castello di Verduno
Barolo Pajana 2006    Domenico Clerico
Barolo Prapò Riserva 2004    Schiavenza
Barolo Riserva 2004    Enzo Boglietti
Barolo Rocche 2006    Vietti
Barolo Rocche dell’Annunziata 2006    Mauro Veglio
Barolo Rocche dell’Annunziata Riserva 2004    Paolo Scavino
Barolo Rocche dell’Annunziata Torriglione 2006    Roberto Voerzio
Barolo Romirasco 2006    Poderi Aldo Conterno
Barolo Rüncot Riserva 2004    Elio Grasso
Barolo San Giovanni 2006    Gianfranco Alessandria
Barolo San Rocco 2006    Azelia
Barolo Sorì Ginestra 2006    Conterno Fantino
Barolo Vigna Cappella di S. Stefano 2006    Podere Rocche dei Manzoni
Barolo Vigna Rionda Riserva 2004    Massolino
Barolo Vignolo Riserva 2004    Cavallotto Tenuta Bricco Boschis
Barolo    V oghera    Brea    Riserva    2004    Azelia
Boca 2006    Le Piane
Colli Tortonesi Timorasso Pitasso 2008    Claudio Mariotto
Colli Tortonesi Timorasso Sterpi 2008    Vigneti Massa
Dogliani Maioli 2008    Anna Maria Abbona
Dolcetto d’Alba Bricco Caramelli 2009    Fratelli Mossio
Dolcetto di Diano d’Alba Costa Fiore 2009    Claudio Alario
Dolcetto di Dogliani Briccolero 2009    Chionetti
Gattinara Riserva 2005    Travaglini
Gattinara Vigneto San Francesco 2006    Antoniolo
Ghemme Collis Breclemae 2004    Antichi Vigneti di Cantalupo
Langhe Nebbiolo Sorì Tildin 2007    Gaja
Langhe Nebbiolo Sperss 2006    Gaja
Lessona 2006    Proprietà Sperino
Lessona Omaggio a Quintino Sella 2005    Tenute Sella
Loazzolo Vendemmia Tardiva 2007    Borgo Maragliano
Nebbiolo d’Alba 2008    Hilberg-Pasquero
Nebbiolo d’Alba Vigna di Lino 2008    Cascina Val del Prete
Piemonte Moscato d’Autunno 2009    Saracco
Roero 2008    Gallino
Roero Bric Valdiana 2008    Giovanni Almondo
Roero Mompissano Riserva 2007    Cascina Ca’ Rossa
Roero Ròche d’Ampséj Riserva 2006    Matteo Correggia
Soldati La Scolca Brut Millesimato d’Antan 1998    La Scolca
Valentino Brut Zero 2002    Podere Rocche dei Manzoni

Lombardia
Curtefranca Chardonnay 2007    Ca’ del Bosco
Franciacorta Brut 2005    Enrico Gatti
Franciacorta Brut Cabochon 2005    Monte Rossa
Franciacorta Brut Casa delle Colonne 2005    Fratelli Berlucchi
Franciacorta Brut Secolo Novo 2005    Le Marchesine
Franciacorta Brut Valentino Maiolini Cuvée 1999 2000    Majolini
Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi 2003    Ca’ del Bosco
Franciacorta Dosaggio Zero Francesco Iacono Riserva 2002    Villa Crespia – Fratelli Muratori
Franciacorta Extra Brut 2004    Ferghettina
Franciacorta Extra Brut Comarì del Salem 2005    Uberti
Franciacorta Extra Brut Extrême 2005 Palazzo Lana    Berlucchi
Franciacorta Extra Brut Museum Release 2003    Ricci Curbastro
Franciacorta Extra Brut Vintage Riserva 2004    La Montina
Franciacorta Gran Cuvée Pas Operé 2004    Bellavista
Franciacorta Nature Bagnadore 2004    Barone Pizzini
Franciacorta Non Dosato Sublimis 2004    Uberti
Franciacorta Pas Dosé Questione di Etichetta Riserva 2004    Il Mosnel
Franciacorta Satèn Soul 2003    Contadi Castaldi
Moscato di Scanzo Doge 2007    La Brugherata
Oltrepò Pavese Barbera 2007    Castello di Cigognola
Sforzato di Valtellina Albareda 2008    Mamete Prevostini
Sfursat della Valtellina 2007    Aldo Rainoldi
Sfursat di Valtellina Cinque Stelle 2007    Nino Negri
Valtellina Superiore Prestigio 2006    Triacca
Valtellina Superiore Sassella Rocce Rosse Riserva 1999    Ar.Pe.Pe.
Valtellina Superiore Valgella Ca’ Moréi 2007    Fay
Valtellina Superiore Valgella Carterìa 2007    Fay

Alto Adig
e
Alto Adige Bianco Beyond the Clouds 2008    Elena Walch
Alto Adige Cabernet Löwengang TL 2006    Alois Lageder
Alto Adige Cabernet Sauvignon Lafòa 2007    Schreckbichl Colterenzio
Alto Adige Gewürztraminer Kastelaz 2009    Elena Walch
Alto Adige Gewürztraminer Kolbenhof 2009    J. Hofstätter
Alto Adige Gewürztraminer Terminum Vendemmia Tardiva 2008 Tramin
Alto Adige Goldmuskateller Passito Serenade Castel Giovanelli 2007 Kellerei Kaltern Caldaro
Alto Adige Lagrein Abtei Muri Riserva 2007    Muri-Gries
Alto Adige Pinot Nero Barthenau Vigna S. Urbano 2007    J. Hofstätter
Alto Adige Pinot Nero Sanct Valentin 2007    St. Michael Eppan
Alto Adige Valle Isarco Riesling Praepositus 2008    Abbazia di Novacella

Trentino
Amistar Edizione Rossa MII 2007    Peter Sölva & Söhne
Bastie Alte 2006    Maso Bastie
Essenzia Bianco 2007    Pojer e Sandri
Granato 2007    Foradori
Rosso Faye 2007    Pojer e Sandri
Trento Brut Altemasi Graal Riserva 2003    Cavit
Trento Brut Cuvée dell’Abate Riserva 2005    Abate Nero
Trento Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2001    Ferrari
Trento Brut Methius Riserva 2004    Dorigati
Trento Brut Riserva 2004    Maso Martis
Trento Extra Brut Perlé Nero 2003    Ferrari

Friuli Venezia Giulia

Braide Alte 2008    Livon
Calabrone 2006    Bastianich
Colli Orientali del Friuli Bianco Anatema 2007    Ronco di Prepotto
Colli Orientali del Friuli Bianco Biancosesto 2009    La Tunella
Colli Orientali del Friuli Cialla Picolit 2008    Ronchi di Cialla
Colli Orientali del Friuli Picolit 2007    Livio Felluga
Colli Orientali del Friuli Rosazzo Bianco Terre Alte 2008    Livio Felluga
Colli Orientali del Friuli Rosazzo Rosso Ronco dei Roseti 2004    Le Vigne di Zamò
Colli Orientali del Friuli Sauvignon Zuc di Volpe 2009    Volpe Pasini
Colli Orientali del Friuli Verduzzo Friulano Passito Cràtis 2007    Scubla
Collio Bianco Broy 2009    Collavini
Collio Bianco Vigne 2009    Zuani
Collio Bianco Zuani 2008    Zuani
Collio Friulano Vigna del Rolat 2009    Dario Raccaro
Collio Merlot 2008    Dario Raccaro
Collio Pinot Grigio 2009    Colle Duga
Collio Pinot Grigio Mongris Riserva 2007    Marco Felluga
Collio Sauvignon de La Tour 2009    Villa Russiz
Collio Sauvignon Ronco delle Mele 2009    V enica
Collio Traminer Aromatico 2009    V enica
Friuli Isonzo Pinot Bianco 2009    Tenuta Luisa
Friuli Isonzo Rive Alte Pinot Grigio Sot Lis Rivis 2009    Ronco del Gelso
Friuli Isonzo Rive Alte Sauvignon Piere 2008    Vie di Romans
Friuli Isonzo Sauvignon Picol 2008    Lis Neris
Pignolo 2006    Dario Coos
Vintage Tunina 2008    Jermann

Veneto

Amarone della Valpolicella Campo dei Gigli 2006    Tenuta Sant’Antonio
Amarone della Valpolicella Case Vecie 2006    Brigaldara
Amarone della Valpolicella Classico 2006    Allegrini
Amarone della Valpolicella Classico Casa dei Bepi 2005    Viviani
Amarone della Valpolicella Classico Monte Cà Bianca 2005    Begali
Amarone della Valpolicella Classico Pergole Vece 2006    Le Salette
Amarone della Valpolicella Classico TB Vigneto Alto 2005    Tommaso Bussola
Amarone della Valpolicella Classico Vigneto Monte Sant’Urbano 2006
Speri
Amarone della Valpolicella I Prognai 2003    Fratelli Giuliari
Amarone della Valpolicella Vigneto di Monte Lodoletta 2004    Romano Dal Forno
Capitel Foscarino 2009    Anselmi
Doro 2007    Masari
Fratta 2008    Maculan
I Capitelli 2008    Anselmi
La Poja 2006    Allegrini
Montello e Colli Asolani Il Rosso dell’Abazia 2007    Serafini & Vidotto
Recioto della Valpolicella Terre del Cereolo 2006    Trabucchi
Soave Classico La Rocca 2008    Pieropan
Soave Classico Superiore Foscarin Slavinus 2008    Monte Tondo
Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze 2009    Nino Franco
Valdobbiadene Superiore di Cartizze 2009    Bortolomiol
Valpolicella Superiore Vigneto di Monte Lodoletta 2005    Romano Dal Forno
Vulcaia Fumé 2008    Inama

Liguria

Colli di Luni Vermentino Boboli 2009    Giacomelli
Riviera Ligure di Ponente Pigato Bon in da Bon 2009    Bio Vio
Tonos 2008    Prima Terra
Vignamare 2006    Lupi

Emilia Romagna
Albana di Romagna Passito Scacco Matto 2007    Fattoria Zerbina
Colli di Rimini Cabernet Montepirolo 2007    San Patrignano
Otello Nero di Lambrusco 2009    Ceci
Sangiovese di Romagna Superiore Avi Riserva 2007    San Patrignano
Sangiovese di Romagna Superiore Domus Caia Riserva 2007    Ferrucci
Sangiovese di Romagna Superiore Pruno Riserva 2007    Drei Donà Tenuta La Palazza
Sangiovese di Romagna Thea Riserva 2008    Tre Monti
Sangiovese di Romagna Vigna del Generale Riserva 2007    Casetto dei Mandorli

Toscana

50&50 2006 (Avignonesi)    Capannelle
50&50 2006 (Capannelle)    Avignonesi
Bolgheri Sassicaia Sassicaia 2007    Tenuta San Guido
Bolgheri Superiore 2007    Podere Guado Al Melo
Bolgheri Superiore Grattamacco Rosso 2007    Grattamacco
Brunello di Montalcino 2005    Biondi Santi
Brunello di Montalcino 2005    Fonterenza
Brunello di Montalcino 2005    Le Chiuse
Brunello di Montalcino Gli Angeli Riserva 2004    La Gerla
Brunello di Montalcino Piaggione Riserva 2004    Podere Salicutti
Brunello di Montalcino Pian di Conte Riserva 2004    Talenti
Brunello di Montalcino Poggio all’Oro Riserva 2004    Castello Banfi
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Altesino
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Biondi Santi
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Gianni Brunelli Le Chiuse di Sotto
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Capanna
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Caprili
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Case Basse Soldera
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Costanti
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Fattoria Poggio di Sotto
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Le Potazzine
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Marchesato degli Aleramici
Brunello di Montalcino Riserva 2004    Tenuta di Sesta
Brunello di Montalcino Ugolaia 2004    Lisini
Brunello di Montalcino Vigna delle Raunate Riserva 2004    Mocali
Brunello di Montalcino Vigna Paganelli Riserva 2004    Tenuta Il Poggione
Cabernet Franc 2007    Vignamaggio
Caiarossa 2007    Caiarossa
Camartina 2007    Querciabella
Campora 2006    Falchini
Carmignano Riserva 2007    Piaggia
Castello del Terriccio 2006    Castello del Terriccio
Castello di Vicarello 2006    Castello di Vicarello
Cepparello 2007    Isole e Olena
Chianti Classico Baron’ Ugo Riserva 2006    Monteraponi
Chianti Classico Borro del Diavolo Riserva 2006    Ormanni
Chianti Classico Rancia Riserva 2007    Felsina
Coevo 2007    Cecchi
Cortona Syrah Il Bosco 2007    Tenimenti d’Alessandro
Filare 18 2008    Casadei
Flaccianello della Pieve 2007    Fontodi
Fontalloro 2007    Felsina
Galatrona 2008    Petrolo
Ghiaie della Furba 2006    Capezzana
Guidalberto 2008    Tenuta San Guido
I Sodi di San Niccolò 2006    Castellare di Castellina
Le Pergole Torte 2007    Montevertine
Lupicaia 2007    Castello del Terriccio
Mandrione 2008    La Corsa
Masseto 2007    Tenuta dell’Ornellaia
Messorio 2007    Le Macchiole
Montecalvi VV 2008    Montecalvi
Orcia Rosso Petrucci 2007 Podere Forte
Paleo Rosso 2007 Le Macchiole
Petra 2007 Petra
Redigaffi 2008    Tua Rita
Rosso di Montalcino 2008 Salvioni
Rosso di Montalcino 2008 Sesti
Rosso di Montalcino 2008
Stella di Campalto Podere San Giuseppe
Saffredi 2007 Fattoria Le Pupille
Sammarco 2006 Castello dei Rampolla
San Lorenzo 2007 Sassotondo
Sesà 2007 Poggiofoco
Solaia 2007 Antinori
Solengo 2007 Argiano
Suisassi 2007    Duemani
Syrah 2008 Michele Satta
Syrah 2008 Tua Rita
Tignanello 2007 Antinori
Vin Santo del Chianti Classico 2002 Castello di Cacchiano
Vino Nobile di Montepulciano Asinone 2007    Poliziano
Vino Nobile di Montepulciano Grandi Annate Riserva 2006    Avignonesi
Vino Nobile di Montepulciano Quercetonda 2007    Le Casalte
White Label 2007 I Balzini

Marche
Anghelos 2008    De Angelis
Arkezia 2007    Fazi Battaglia
Conero Fibbio Riserva 2008    Lanari
Conero Visions of J. Riserva 2006    Fattoria Le Terrazze
Esino Rosso Pieralisi for Friends 2007    Monte Schiavo
Kurni 2008    Oasi degli Angeli
Maximo 2007    Umani Ronchi
Pathos 2008    Santa Barbara
Pius IX Mastai 2008    Il Pollenza
Rosso Piceno Superiore Roggio del Filare 2007    Velenosi
Solo 2008    Dezi
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Balciana 2008 Sartarelli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Gaiospino 2007 Fattoria Coroncino
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Podium 2008    Garofoli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore San Michele 2008 Bonci
Verdicchio dei Castelli di jesi Passito Bambulé 2003    Fattoria Coroncino
Verdicchio dei Castelli di Jesi Passito Tordiruta 2007    Moncaro
Verdicchio di Matelica Mirum 20 Anni Riserva 2008    Fattoria La Monacesca

Umbria

1861 San Valentino 2008    Cirulli
Bacca Rossa Passito 2007    La Palazzola
Cervaro della Sala 2008    Castello della Sala
Montefalco Sagrantino Campo alla Cerqua 2006    Tabarrini
Montefalco Sagrantino Colleallodole 2007    Milziade Antano
Montiano 2008    Falesco
Muffato della Sala 2007    Castello della Sala
Orvieto Classico Superiore Campo del Guardiano 2007    Palazzone
Sagrantino di Montefalco 25 Anni 2007    Arnaldo Caprai
Sagrantino di Montefalco Chiusa di Pannone 2005    Antonelli San Marco
Sagrantino di Montefalco Collepiano 2007    Arnaldo Caprai
San Giorgio 2005    Lungarotti
Sangiovese Selezione del Fondatore 2005    Castello Delle Regine

Lazio

Cesanese del Piglio Superiore Romanico 2008    Coletti Conti
Cesanese del Piglio Superiore Torre del Piano Riserva 2008    Casale della Ioria
Cesanese di Affile Capozzano 2008    Formiconi
Frascati Superiore Luna Mater 2009    Fontana Candida
Il Vassallo 2008    Colle Picchioni
Mater Matuta 2007    Casale del Giglio
Muffo 2007    Sergio Mottura

24 Commenti a “Duemilavini 2011, i 5 grappoli dell’Ais di Franco Ricci”

  1. luigi grimaldi scrive:

    Ottma questa guida…se non fossero cadute le Torri Gemelle!:-)

  2. monica scrive:

    Una selezione che segnala grandi classici e mirabili novità. Nanni Copè per esempio, non poteva sfuggire.

  3. hazel scrive:

    Ma fanno il copia e incolla ogni anno,i signori dell’Ais?

  4. dario iori scrive:

    Hai ragione Hazel. I signori dell’AIS fanno il copia incolla ogni anno. Li ho frequentati per anni. Sono diventati elitari e vivono di un’autoreferenza pazzesca (e inutile). Peccato. Erano partiti bene, con quella simpatia un pò pionieristica da sodalizio tutto da vivere. Business is business my dear!

  5. fabiocimmino scrive:

    Scusatemi un attimo se mi intrometto. Mi concentro solo sulla Campania

    Proviano a rileggere le 3 liste:

    Campania
    Aglianico del Taburno Terra di Rivolta Riserva 2007 Fattoria La Rivolta
    Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2009 Furore Marisa Cuomo
    Falerno del Massico Rosso Etichetta Bronzo 2007 Masseria Felicia
    Fiano di Avellino Pietramara Etichetta Bianca 2009 I Favati
    Fiano di Avellino Vigna della Congregazione 2008 Villa Diamante
    Greco di Tufo Vigna Cicogna 2009 Benito Ferrara
    Montevetrano 2008 Montevetrano
    Naima 2006 Viticoltori de Conciliis
    Sabbie di Sopra Il Bosco 2008 Nanni Copè
    Taurasi 2006 Feudi di San Gregorio
    Taurasi Radici Riserva 2004 Mastroberardino
    Terra di Lavoro 2008 Galardi
    Vigna Piancastelli 2007 Terre del Principe

    Campania
    bianchi
    18.5 Greco di Tufo 2009 Di Prisco
    18 Fiano di Avellino 2008 Picariello Ciro
    18 Greco di Tufo Terrantica Etichetta Bianca 2009 I Favati
    rossi
    18.5 Taurasi Poliphemo 2006 Tecce Luigi
    18.5 Taurasi Riserva 2004 Perillo
    18 Falerno del Massico Rosso Rampaniuci 2008 Migliozzi
    18 Le Fole 2008 Cantina Giardino
    18 Montevetrano 2008 Montevetrano
    18 Taurasi Riserva Radici 2004 Mastroberardino
    18 Taurasi Vigna Cinque Querce Riserva 2005 Molettieri Salvatore

    CAMPANIA

    Centomoggia ’08 Terre del Principe
    Cupo ’08 Pietracupa
    Falerno del Massico Bianco V. Caracci ’08 Villa Matilde
    Fiano di Avellino ‘09 Colli di Lapio
    Fiano di Avellino ’08 Ciro Picariello
    Feudi di San Gregorio Fiano di Avellino Pietracalda ’09
    Fiano di Avellino Vigna della Congregazione ’08 Villa Diamante
    Cantine dell’Angelo Greco di Tufo ’09
    Greco di Tufo ’09 Pietracupa
    Greco di Tufo Tornante ’09 Vadiaperti
    Greco di Tufo V. Cicogna ’09 Benito Ferrara
    Montevetrano ’08 Montevetrano
    Taurasi ’06 Di Prisco
    Taurasi ’05 Perillo
    Taurasi ’06 Urciuolo
    Taurasi Radici ‘06 Mastroberardino
    Taurasi Radici Ris. ‘04 Mastroberardino
    Taurasi Vigna Cinque Querce Ris. ‘05 Salvatore Molettieri
    Terra di Lavoro ’08 Galardi

    Qualcuno di quelli che si è complimentato con il duo Rizzari Gentili ed ha sparato a zero sugli altri potrebbe aiutarmi a comprendere il perchè?

    Lo dico da scettico sulle guide, tutte senza distinzioni. Ed anche se tra le 3 ho sempre preferito da sempre quella dell’Espresso 8anche quando la faceva in solitaria Masnaghetti) non l’ho mai fatto di certo sulla base dei premiati ma nel giudizio d’insieme sulla guida.

    Adesso ritornando ai premiati a ben vedere il Gambero Rosso è quello che dovrebbe mettere d’accordo tutti c’è un po’ dell’uno e un po’ dell’altro.

    Ma cosa dovremmo apprezzare nella lista dell’Espresso rispetto alle altre ?! L’accoppiata Tecce-Giardino piuttosto che il Rampaniuci di Migliozzi ?

    Oppure per i vini che premia l’Ais ed ha pure premiato l’Espresso dobbiamo pensare che su quelli l’Ais c’ha preso per caso…

    Sono domande che mi pongo tutti gli anni e continuo a darmi sempre la stessa risposta.

    Le guide sono INUTILi nell’era di internet.

    Forse quelle sui ristoranti un po’ meno (se non ricordo male era anche una teoria di Luciano ma potrei sbagliarmi) almeno per il momento…

    • Luciano Pignataro scrive:

      @Fabio
      Non entro nel merito delle scelte delle guide perché sarebbe poco educato e carino essendo io impegnato nel coordinamento ditre regioni del Sud di quella di Slow Food di prossima uscita.
      Mi attacco allo spunto sulla inutilità delle guide per dire che la carta non ha altro modo per sopravvivere alla critica su internet se non fare quello che abbiamo cercato di fare noi. Non so se con successo o meno, staremo a vedere.
      Il punto è che mentre tutti hanno cercato i vini migliori noi abbiamo lavorato su una agricoltura migliore: hai ragione, non è questione di premiare o meno i vini di Cantina dell’Angelo piuttosto che il Pietracalda 2009 dei Feudi, ma premiare le aziende. Quelle storiche legate alla terra, che hanno manifestato continuità negli anni e non sono improvvisate
      Penso proprio che se ne vedranno delle belle nei prossimi giorni: molti nomi tanti degustatori li hanno avuto sotto gli occhi senza mai premiarli. Non sono foglie di fico, ma è la struttura ontologica della guida ad essere così.
      La vera novità Slow Food di quest’anno è proprio questa. Una rivoluzione, eppure molto semplice. Come tutte le rivuluzioni
      Per fare un paragone, tuti gli altri si comportano come se le guide dei ristoranti premiassero i piatti e non i locali.
      Ora noi abbiamo fatto una guida che è partita dalle aziende, visitandone centinaia e centinaia secondo una metodologia che è inutile ripetere in questa sede visto che è stata più volte enunciata dai curatori Gariglio e Giavedoni.
      Ed è questa la prima vera controffensiva culturale al modello dei punteggi parkeriano sempre concentrato sul prodotto finale senza chiedersi troppo come ci si arriva e perché.
      Su questo terreno così complesso il cartaceo è ancora lepre in buon vantaggio.
      Il vino italiano non ha bisogno di galà e lustrini, soprattutto in un momento in cui la gente perde il lavoro, ma di agricoltura pulita, ricerca e di etica della comunicazione

      • fabiocimmino scrive:

        Caro Luciano hai perfettamente ragone. Io non posso entrare nel merito di ciò che non conosco non avendo avut modo ancora di leggere la guida SF . Però concedimi di criticare la Vs. scelta di voler proseguire sulla strada dei premi. Tutto il tuo discorso non fa una piega. Ma abbandonare la logica, il sistema, l’ottica dei premi sarebbe stato il vero primo importante passo avanti. Almeno secondo me.

  6. Fra Sassi scrive:

    “Nanni Copè per esempio, non poteva sfuggire…”

    Come poteva essere altrimenti?

  7. gp scrive:

    a cosa dovrebbe somigliare di più una “buona” guida al vino:
    a un libro di poesie?
    a un elenco di marchette?
    a un catalogo commerciale?
    a un copia e incolla dal web?
    a una tesi scientifica?
    a uno sfoggio di cultura?
    sarò franco, a me va bene tutto, purché sia dichiarato chiaramente e possibilmente in quarta di copertina.
    gp

    • fabiocimmino scrive:

      Caro Gaspare nell’era di internet non so cosa farmene di una guida cartacea dei vini (e ripeto che discorso diverso vale, per quanto mi riguarda, invece su quelle ai ristoranti). SE voglio sapere di quel tale vino di quel tale produttore in quella tale annata (soprattutto di vecchie annate) mi cerco in rete una recensione possibilmente scritta da qualcuno verso il quale nutro stima e comprensione* con tutti gli approfondimenti del caso.

      * mi riferisco al fatto di cui poco o per nulla si parla che si dovrebbe consoscere chi sono i degustatori di una guida, il loro back ground, i loro gusti, le loro preferenze. Non esiste il degustatore robot. Faccio sempre l’esempio di Masnaghetti. Quando leggo le sue schede (indipendentemente dal punteggio sul quale quasi mai ci troviamo) riesco a capire bene cosa aspettarmi da quel vino. Lo stesso dicasi per Franco Ziliani oppure Ferdinando Pardini. E ti pare poco ?! Più sono, invece, i degustatori che partecipano ad una guida e più questo diventa difficile da capire. Più nasi e più palati sono coinvolti significa che se da un lato pensi facendo le medie di ottenere una maggiore “oggettività” di giudizio e riduci la possibilità d’errore dall’altra ti stai perdendo tutto il resto. Criteri di giudizio o selezione generali possono essere utili per inquadrare i prinicpi ispiratori di una guida ma non una scheda di degustazione o il giudizio analitico su di un produttore o su un vino specifico. Raramente è dato di saperlo chi si è occupato di quella scheda vino/produttore nell’ambito di una squadra di degustatori ; è la cosa non mi piace.

      • Mauro Erro scrive:

        Concordo sulla seconda parte del tuo intervento, meno sulla prima. Un lavoro sistematico come quello di una guida, sul web non esiste e per adesso non può esistere per il semplice fatto che mancano le risorse economiche.

  8. gp scrive:

    @fabio:
    una guida al vino rispetto al lettore è come il cane-guida rispetto al cieco (o ipovedente che sia).
    il degustatore in tal senso è colui che “forma” la guida, cioè che addestra il cane cercando di indovinare le ruhieste del cieco (o ipovedente che sia).
    un bravo degustatore non deve far altro che il proprio divere,e cioè essere giustamente esperto giustamente imparziale, giustamente informato. non molto di più.
    in parte è così, le guide tutto sommato fanno alel’80% il loro dovere (o giù di lì, secondo il sottoscritto), ciascuna fornisce quel tipo di guida a quel tipo di lettore/bevitore cieco. e, ok,. ci sono un po’ di marchette in giro ma nulla da stracciarsi le vesti, ok?

    p.s. poi, per i lettori che ci vedono benissimo, ovviamente, le guide servono meno, servono soltanto per compagnia..e qui la questione è diversa, ci avviciniamo a questioni molto delicate, di elite, a considerazioni filosofiche ed estetiche di alto rango, pippe che al lettore comune non interessano.

  9. gp scrive:

    ho appena letto il post di ziliani, e proprio lui dice:”un’eccezione” [il che confermerebbe la mia regola]…
    cmq è il caso di parlarne approfonditamente sulla definizione di guida e di degustatore

    • fabiocimmino scrive:

      Caro Gaspare scusami poi chiudo. Ma guarda che proprio perchè Armando è l’eccezione che non so che farmene di una guida come la intendi tu…

  10. Luciano Pignataro scrive:

    Comunque questa discussione va approfondita
    Nel senso: perché le guide dei ristoranti, per quanto contestabili, non corrono il rischio di diventare un catalogo mentre quelle del vino sì?
    Dipende da chi le fa? Dagli editori? Dalla impostazione messa in crisi da internet? E se davvero sono inutili perché le aziende considerano ancora molto importanti i riconoscimenti? Perché aiutano a vendere?
    Davvero la questione è nella ricerca del vino più buono? Stiamo ancora come scolaretti a far vedere che noi abbiamo capito cose che altri non hanno nemmeno visto?
    O non bisogna intercettare bisogni diversi del consumatore qualifcato, qual pulizia, etica commerciale, ambiente, coerenza espressiva e comunicativa? Insomma, non è che bisogna puntare su chi ha una visione davvero lungimirante e non sui tempi brevi del business?
    Queste secondo me sono le chiavi di volta su cui impostare il confronto
    A Fabio le guide non servono, ok. Ma questo non chiude la discussione, altrimenti Slow Food certo non avrebbe deciso di farne una.

    • fabiocimmino scrive:

      Luciano ho l’impressione che stiamo dicendo la stessa cosa. Hai ragione “a fabio le guide non servono” aggiungo che le guide fatte in un certo modo “non servono più”…
      Scritta come l’hai scritta tu mi fa apparire come quello che sa tutto e non ha niente da imparare. Ti assicuro che la voglia di capire e di imparare e confrontarmi è ancora tanta.
      Ben vengano, dunque, guide con uno spirito ed obiettivi diversi in grado di andare nella direzione che tu auspichi. Poi che siano cartacee o meno questo è un altro punto.
      Ma la guida fatta come dice e da chi dice Gaspare sia cartacea che on-line non serve solo a me ma ormai a nessuno.

  11. gp scrive:

    fabio dissento, per due ordini di motivi:

    1. non tutti i consumatori di vino di qualità acquistano riviste e/o vanno in rete, ti assicuro che sono tanti (non solo anziani!) piuttosto ad acquistare almeno una guida all’anno esclusivamente per informarsi non sul vino che cambierà il mondo, bensì per quello che accompagnerà il pacchero al ragù di domenica a casa dei suoceri;

    2. non credere!! saper volare basso, proprio in un settore così elitario quale quello del vino, è una dote, è una grande dote, significa fare qualcosa di buono sia al lettore, che al produttore e al distributore medio-piccoli. in fondo non sono (almeno a parer mio) questi gli elementi da tutelare? e se non lo fa una guida, CHI volerà basso per il consumatore? i wineblogger?????

    p.s. ben venga, per carità, una Nuova Guida Esclusiva Alle Scoperte Più Esclusive Del Vino Italiano, (che forse me la comprerei pure) per carità, ma qui si parla del ruolo quotidiano del redattore/degustatore, il cui pregio (almeno per me) è nella franchezza, nella preparazione vera e nell’aggiornamento. ma ti ripeto, occore da tempo una riflessione seria a 360° che nessuno si prende briga di fare, su che cosa sia una guida.
    un caro saluto
    : )

    • fabiocimmino scrive:

      Gaspare, deduco che non hai capito una benemerita mazza di quello che voglio dire…
      ;)))

      ma chi ha mai parlato di vino che cambierà il mondo, guide esclusive, volare basso, bla bla bla…
      (tralascio il fuori onda sulla gente che comprerebbe una guida per abbinare il paccherò al ragù della domenica ???? E c’è bisogno di una guida, per di più cartacea, per questo???)
      Un caro saluto anche a te

      Fabio

  12. gp scrive:

    vabbè.
    sarà.
    ma:
    a) un sacco di gente compra le guide proprio per il vino di tutti-i-giorni, lascia stare, senti a mmé;
    b) che vuoi dire che le guide sono fatte tutto sommato bene, ma di livello basso basso, oppure che sono proprio fatte male male????????? nun t’aggio capito

  13. fabiocimmino scrive:

    Hai mai letto Enogea di Masnaghetti ? Beh se ti capita dagli uno sguardo. Quella è l’idea di base, l’impostazione di una guida che mi piacerebbe leggere e che comprerei (infatti sono abbonato alla rivista). Purtroppo sono solo in 3, coprire tutto il territorio nazionale impossibile (per di più Masna si dedica anche a Bordeux) e più di tanto in un anno non riescono a fare, ma è già tanto. E’ ribadisco che Masna ha gusti molto diversi dai miei e non ne condivido spesso i punteggi. Ma le schede sono puntuali, i reportage sistematici e gli approfondimenti impeccabili. Insomma trasparenza, autorevolezza e professionalità, uno stile ben definito e comprensibile a tutti (se poi condivisibile o meno su questo possiamo pure stare a discutere).

  14. Giorgio Abano T. scrive:

    19/11/2010 h.10,00
    Si è vero che oggi si usa molto internet, ma non sempre abbiamo a disposizione il pc, ritengo che il cartaceo sia sempre un ottimo supporto ovunque la persona si trovi. Comunque anch’io non sono per i premi che a mio parere hanno uno scopo diverso da quello che traspare. Ho ricevuto ieri e per la prima volta la guida Duemilavini, ma ho avuto la sensazione che si usino i 4 grappoli con una discreta facilità rispetto ad altri libri dello stesso livello a voi non sembra? Sono degustatore e il mio desiderio è come tutti “mi auguro”, di crescere, ho preso parte come giuria al concorso di Bruxelles 2010 e i giudizi erano molto stretti; nel dubbio mi confrontavo con altri, (anche se non era la prima esperienza del genere), ma ho notato che le linee guida erano sommariamente le stesse. Proverò su vs. consiglio Enoga di Masnaghetti