Dunico Masseria Pepe Primitivo di Manduria doc

Letture: 54

ACCADEMIA DEI RACEMI
Uva: primitivo
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

La potenza del primitivo di Gregorio Petrucci raggiunge qui una delle sue espressioni più belle e compiute. Altro che uva da taglio: il naso è ricco di confettura rossa, in bocca è lungo e persistente, c’è anche la nota di mandorla. L’alcol bilanciato dalla morbidezza dei tannini ne fa quasi un vino da meditazione, da poggiare al massimo su un pizzico di pecorino molto stagionato o un caprino a pasta molle creato da Roberto Rubino a Bella.

Sede a Manduria, via Santo Stasi I
Tel. 099.9711660
Sito: http://www.accademiadeiracemi.it
Enologo: Cosimo Spina
Bottiglie prodotte: 1.200.000
Ettari: 45
Vitigni: primitivo, susumaniello, negroamaro, malvasia nera, montepulciano