Eleven Madison Summer House a East Hampton e la grande festa estiva del primo ristorante al mondo

25/6/2017 2.2 MILA
Eleven Madison
Eleven Madison

Eleven Madison Summer House
341 Pantigo Road
East Hampton, NY 11937
https://empsummerhouse.tocktix.com

Le coincidenze nella vita a volte sono tutto, ma alla fine non sapremo mai se siamo a New York per Primo a Manhattan organizzato da Giuseppe Di Martino vinto quest’anno da Joshua Pinsky di Momofuku Nishi, per le Strade della Mozzarella, per presentare 50 Top Pizza o per l’inagurazione di EMP Summer House.

Eleven Madison
Eleven Madison con Daniel Humm a inizio serata

EMP Summer House: si gli americani amano come sapete gli acronimi, EMP sta per Eleven Madison Park mentre la Summer House è la straordinaria avventura estiva che Daniel Humm e Will Guidara si sono concessi a East Hampton, uno dei luoghi più esclusivi degli Usa, a due ore di auto da New York. Ci arriviamo per una scommessa tra Giuseppe Di Martino e Albert Sapere. Giuseppe ha trovato un tavolo last minute perché non si poteva non essere qui in questa circostanza.

Eleven Madison, esterno
Eleven Madison, la festa

Fatto sta che ci siamo divertiti come matti nel bel giardino scelto da Eleven Madison Park per inaugurare la stagione estiva che durerà sino a settembre. Primo per la 50 Best Restaurant , Tre Stelle Michelin, Quattro Stelle New York Times che qui contano molto di più.

Eleven Madison, forno
Eleven Madison, forno

Atmosfera rilassata, da località estiva. Rilassata per gli ospiti, ma per il personale è stata una vera e propria battaglia: il sorriso non è mai mancato, la cortesia anche, ma garantire lo standard di una delle più belle sale del mondo durante una festa per chi, come noi, aveva prenotato il tavolo, non è stata cosa facile.

Eleven Madison, particolare della sala
Eleven Madison, particolare della sala

Rosé della Provenza a fiumi, cocktail ovviamente al bar che era una catena di montaggio. E soprattutto tanta bella gente, tanti clienti abituali di New York contenti di ritrovare in vacanza il loro ristorante.

Eleven Madison
Eleven Madison

Già perché questa iniziativa nasce dalla chiusura temporanea di Eleven a Manhattan per consentire di rifare completamene il ristorante. Ma si poteva stare chiusi dopo tutti i risultati raggiunti? Certo che no, un accordo con American Express ha lanciato allora questa nuova avventura.

Eleven Madison
Eleven Madison: la pizza con le zucchine

Diciamo subito allora che chi si aspetta la stessa complessità di città deve cambiare registro. Qui ovviamente è tutto più informale, il menu ha sei snacks (da 12 ai 34  dollari), sei antipasti (da 17 a 24 dollari),  sei piatti principali (da 28 a 48 dollari) più due da prendere in due: la bouillabaisse e 90 Day Dry Aged Ribeye rispettivamente a 95 e 145 dollari. E, questa la novità, cinque piatti di pasta: Linguini (vongole, aglio e prezzemolo), Orecchiette (con pomodoro, basilico e meatballs), Garganelli (piselli e pecorino) e Chittarra (si con due T, con ricci e briciole di pane).
E adesso chi glielo spiega ad alcuni cuochi del Sud, che propongono ancora risotto e pasta fresca per fare i fighi, che il primo ristorante al mondo è concentrato sulla pasta secca?
Infine La cantina è ovviamente ridotta, con una scelta delle ultime annate pizzicata tra un po’ di Francia e Stati Uniti, ma anche Italia con i vini di Mastroberardino. C’è qualcosa di caro, ma niente di stellare.

Eleven Madison
Eleven Madison, la pizza

Sul piano gastronomico ci ha colpito una cosa che ha già attirato l’attenzione dei critci e degli appassionati. La cultura del vegetale. Il piatto di zucchine croccanti con crema di yougurt è fresco, straordinario.

Eleven Madison
Eleven Madison
Eleven Madison
Eleven Madison: Lattuga e avocado

 

Eleven Madison
Eleven Madison:  aragosta in tempura con la salsa
Eleven Madison
Eleven Madison: le linguine
Eleven Madison
Eleven Madison: Fluke, Ceviche  con ravanello e cucumba

 

Eleven Madison
Eleven Madison: Gamberi e insalata

 

Eleven Madison
Eleven Madison: orecchiette
Eleven Madison
Eleven Madison
Eleven Madison
Eleven Madison: la chitarra
Eleven Madison
Eleven Madison: l’aragosta
Eleven Madison
Eleven Madison: Bouillabaisse primo servizio
Eleven Madison
Eleven Madison: Bouillabaisse secondo servizio
Eleven Madison
Eleven Madison: il pollo

Poi però il colpo di reni tipico Eleven. Prima del dolce Will ci invita ad alzarci e ad andare con lui giardino dove troviamo un’altra tavola apparecchiata per il gran finale e due chiacchiere con questi due straordinari personaggi.

Daniel Humm e Will Guidara
Daniel Humm e Will Guidara

CONCLUSIONE
La forza di Eleven è nella esperienza nel suo complesso, nell’essere Eleven, lontano cioé da ogni ingessatura formale, divertito e spettacolare, ma anche di tanta sostanza. Certo in una serata come questa il gourmet si può sentire a disagio, ma è stata comunque istruttiva per capire le tendenze. Che, lo ripetiamo, riguarda la valorizzazione straordinaria del vegetale, tutto biologico e dal sapore preciso che non ha nulla da invidare agli ortaggi e le verdure del nostro Sud. Tanto pesce, ovviamente vicino al mare e in estate, e due o tre colpi di scuola come la Bouillabaisse e la carne. Non sarà facile venire qui visto che a ottobre Emp tornerà ad essere Eleven Madison Park nel cuore della città che non dorme mai. Ma questo post è scritto per lasciare la traccia di una delle più belle serate gastronomiche mai vissute, quelle che ripagano dagli sbadigli della materia prima omologata e di una cucina caricaturale post-alberghiera che spesso siamo costretti a sorbirci.

Eleven Madison, vini
Eleven Madison, vini

Eleven Madison Park  Emp Summer House

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *