Enzo Vizzari in audizione al Conseil de promotion du tourisme per il 2020. Con Ducasse, Robuchon e Guy Savoy. E l’Italia?

Letture: 107
Enzo Vizzari e Thierry Desseauve

Uno dei mantra che gira tra noi che collaboriamo, o che siamo semplicemente amici, di Enzo Vizzari, è che per lui in Italia serve l’accredito STAMPA ESTERA.
Lo sfottiamo per la sua smodata francofilia che in realtà ci ha trasmesso abbondantemente a tutti, chi più e chi meno.
Beh, lo scherzo non è più così lontano dalla realtà: venerdì sarà in audizione ufficiale al Conseil de promotion du tourisme con Alain Ducasse, Joël Robuchon et Guy Savoy.
Vizzari è uno dei pochi italiani che gode di prestigio in Francia nel settore dell’enogastronomia, ma quello che ci colpisce in questo episodio sono solo cose.

Primo, il fatto che i grandi cuochi francesi siano considerati dallo Stato primi ambasciatori del sistema turistico.
In Italia, paese piccolo piccolo, li si guarda in tv e la cosa finisce così e sono i primi a finire nelle grinfie della burocrazia e dei controlli. Basti pensare alla impossibilità di avere stagisti, e dunque di creare un vero sistema formativo perché è considerato lavoro nero ed evasione contributiva mentre in tutti i paesi europei è una opportunità.

Secondo, il fatto che dietro la difesa a oltranza delle proprie tradizioni nessuno come i francesi ha una mentalità commerciale così evoluta da chiamare uno straniero per avere consigli.

Ben fatto Monsieur Vizzarì!

Un commento

  • Fabrizio Scarpato

    (17 settembre 2014 - 17:50)

    Terzo, che i francesi amano il talento, fino al punto di ammettere di non averne abbastanza

I commenti sono chiusi.