Expresso base, parla italiano il miglior caffè all’aperto di Londra

Letture: 2728
Gennaro De Mattia
Gennaro De Mattia

di Valerio Calabrese

C’è un giardino nel cuore di Londra. Sotto l’antica chiesa anglicana di San Giorgio, una fontana zen, una grande macchina per il caffè e un uomo sorridente.

Expresso Base
Expresso Base

Un rifugio per chi cammina a passo rapido per le vie della City, un luogo speciale dove passare qualche minuto e staccare la spina. Si chiama Expresso Base e non poteva che essere di un italiano, Gennaro De Mattia, cinquantenne nato a Giffoni Valle Piana e cresciuto a Battipaglia. La storia di Gennaro è simile a quella di molti italiani che, stanchi dell’apatia che spesso avvolge la nostra terra, provano a mettersi in gioco lontano da casa. Così, a capodanno del 2000 Gennaro parte per Londra e dopo poco tempo arriva a diventare manager lavorando con “Costa Coffee”, la più grande catena commerciale di caffè in Gran Bretagna.

Dopo alcuni anni, però, stanco delle logiche consumistiche delle multinazionali, si lascia rapire dal mondo dello Speciality coffe, una nuova concezione del caffè che sta prendendo sempre più piede in Inghilterra e negli States, dove a farla da padrone restano ancora le grandi catene, da Starbucks a scendere. Passa così a lavorare per “Notes – Music and Coffee” – la più importante catena di Speciality coffees d’Inghilterra – nel quartiere di Covent Garden, nel centro di Londra.

Expresso Base
Expresso Base

Il movimento dello Speciality coffee, quasi sconosciuto in Italia, pone al centro della sua idea il prodotto di origine, dalle caratteristiche del terreno, all’artigianalità di tutti i processi di lavorazione: produzione, torrefazione, estrazione, preparazione finale. Grande enfasi è data alla regione d’origine, alla varietà, al gusto e all’aroma, oltre che alle capacità e conoscenze professionali del barista, che diventa una sorta di sommelier del caffè. A tale riguardo, fondamentale è l’uso di chicchi di sola varietà Arabica e di singola origine, ovvero caffè proveniente dallo stesso Paese, coltivato nella stessa regione e nella stessa azienda agricola (per lo più a gestione familiare o cooperativistica). Lo Speciality Coffee è perciò un movimento costituito, per la gran parte, da produttori, torrefattori e gestori di caffè indipendenti dalle grandi catene commerciali.

Expresso Base
Expresso Base

Ma si sa che, se si parla di caffè, non si può dimenticare che Napoli ne è forse la città culto per eccellenza. Così, l’origine campana di Gennaro, cresciuto con l’aroma della moka di casa e l’espresso corto e bruciacchiato dei bar della nostra terra, gli ha forse consentito di diventare in pochi anni uno tra i migliori e più ricercati trainer di Londra, tenendo corsi e formando decine di giovani baristi, e diventando membro della Speciality Coffee Association come “barista professional”.

“La mia ricerca consiste nel creare un espresso che conservi il corpo, la forza e l’intensità del caffè italiano, – racconta Gennaro – combinati con la ricchezza dei gusti e degli aromi caratteristici delle varietà dei chicchi di caffè Arabica”.

Il grande passo, però, è arrivato solo negli ultimi anni, quando nel 2012 insieme col socio Vittorio Caberlotto, scomparso di recente, ha deciso di fondare Expresso Base, un piccolo e singolare caffè all’aperto sulla Bloomsbury Way, a pochi passi dal British Museum.

Un posto dove sorseggiare caffè davvero speciali, chiacchierando di macine, aromi e origini dei chicchi, ma anche di calcio, di politica nostrana e della bellezza dell’Italia.

Un luogo particolare che lo scorso dicembre si è visto inserire in una importante classifica. Il blog di settore Brian Coffee Spot, infatti, lo ha messo al primo posto nella classifica “Best outdoor seating area”, ovvero miglior caffè all’aperto tra Londra, Manchester e altre grandi città inglesi monitorate e al secondo posto nella categoria “Runner-up Best espresso”, che valutava i migliori espressi in assoluto di Londra.

Un bel riconoscimento al lavoro e alla passione di Gennaro, un englishman dal cuore italiano che ha fatto del caffè il suo credo.

Expresso Base
St George’s, Bloomsbury, Bloomsbury Way
London, Regno Unito

Un commento

  • Gennaro De Mattia

    (17 febbraio 2017 - 16:44)

    Un grazie a Valerio Calabrese per l’articolo ed a Luciano Pignataro per averlo gentilmente ospitato e pubblicato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>