Fagioli e cozze diventa finalmente Cozze e fagioli. By Angiolina a Pisciotta: il mio piatto 2011 preferito

Letture: 465
Cozze e fagioli


La Pietra Filofosale non è mai stata trovata, ma per fortuna Rinaldo Merola ha trovato lo stesso il modo di rendere finalmente interessante il piatto Fagioli e cozze. La mossa è stata molto semplice, rovesciare il punto di vista comune e farlo diventare Cozze e fagioli.
Così questo antipasto beccato per caso in una serata cilentana da Angiolina a Pisciotta è diventato la nostra scoperta preferita 2011 per la sua semplice genialità.
Non  è sempre facile abbinare legumi e prodotti del mare. La tradizione popolare ha imposto il classico seppie e piselli giocato sul dolce. Sempre sul dolce è il piatto 45 giri di Fulvio Pierangelini, i gamberi con la passatina di ceci, ricetta più copiata della Gioconda negli istituti d’arte. Vanno bene alcuni accostamenti tra le lenticchie e il polpo o i polipetti. Ma con i fagioli non abbiamo mai trovato sinora qualcosa di realmente interessante.
Negli anni ’70 si impose nelle trattorie la moda di pasta, fagioli e cozze: un po’ dalla tradizione popolare dei pescatori cetaresi, un po’ in quella napoletana. Fatto sta che in 40 anni abbiamo solo mangiato interpretazioni trascurabili in cui prevaleva nettamente il fagiolo e la cozza era relegato ad un ruolo di gioco di consistenza diversa.

L’altra sera da Angiolina questo fuori carta, a mio giudizio spaziale. Comunque la migliore sorpresa tra le centinaia di piatti sinora provati in questa prima metà del 2011.


1-Anzitutto si tratta di una zuppa fredda, molto estiva
2-C’è il gioco di rimbalzo tra il classico abbinamento scarola e fagioli e poi fagioli e cozze
3-Un buon succo di limone ha risolto in modo decisivo il problema dell’acidità donando al piatto dinamicità, freschezza e piacevolezza.

Preparata la passatina di fagioli, sono state aggiunte a crudo le foglie di scarola. Poi le cozze, alcune con i gusci a mo’ di decorazione. Ancora un po’ di pane fritto e agliato. Infine l’emulsione di olio extravergine e limone.

Rinaldo Merola, patròn di Angiolina a Pisciotta, Cilento

Il risultato, nella sua semplicità è un piatto molto interessante.
In bocca prevale il gioco del rapporto tra cozze e limone, al fagiolo è relegato il ruolo di comprimario che lega in qualche modo il piatto, la scarola con il suo tono amaro contribuisce a riequilibrare il senso di dolciastro imposto dal legume.

Da piatto greve e di stomaco diventa una coppa succosa, fresca ed estiva. Buonissima.
Soprattutto se seguita dalla classica e famosa insalata di alici di Menaica.

Angiolina. Insalata di alici di Menaica


Nella sua semplicità, un piatto geniale. Rinaldo ha rivoltato come un calzino il rapporto tra gli ingredienti di una ricetta eseguita milioni di volte senza successo, aggiornato dall’acidità e ribaltatato la temperatura di servizio da caldo a freddo.
A volte basta davvero poco per fare grande cucina e per stupire vecchie ringhiere come me.
Meditate giovani cuochi, meditate!

6 commenti

  • ALBA

    (11 luglio 2011 - 13:39)

    Così a prima vista sembra una passata di fagioli tipo cannellini, vanno solo lessati e passati o è stato aggiunto anche qualche odore per prepararli?

  • Pop

    (11 luglio 2011 - 15:05)

    Non discuto sulla genialità di questa nuova versione del piatto, né sulla sua bontà, che purtroppo non ho ancora assaggiato, ma il vecchio Fagioli con le Cozze fa proprio così schifo? è davvero una ricetta eseguita milioni di volte senza successo? A questo punto mi devo ritenere fortunato ad essermi imbattuto spesso (in cucine private come in ristoranti) in esecuzioni eccellenti (da farmi sbavare anche adesso che ci sto pensando, ancorché a stomaco pieno), tanto da farmi pensare che o il fagiolo è un frutto di mare o la cozza un frutto della terra tanto il loro abbinamento pare essere imprescindibile?

  • giancarlo maffi

    (11 luglio 2011 - 19:07)

    non so la ricetta del pigna, ma neanche a me è capitato mai un buon fagioli e cozze, sempre necessario un selosse:-)

  • luciano pignataro

    (11 luglio 2011 - 19:10)

    @Alba
    i fagioli sono stati passati dopo essere stato lessati e basta
    @Pop
    Sinceramente sei stato fortunato. Io non ho mai trovato un piatto giustamente equilibrato tra i due clienti. Qui la pace tra l’amido e lo jodio è affidata al citrico, senza mediazioni:-)

  • EUGENIO

    (18 luglio 2011 - 19:31)

    ANCHE MIA MOGLIE ED IO ABBIAMO PROVATO COZZE E FAGIOLI DA ANGIOLINA. LO ABBIAMO TROVATO UN PIATTO SEMPLICEMENTE ECCEZIONALE! MA E’ TUTTA LA CUCINA DI RINALDO DA PROVARE!

  • renato

    (31 agosto 2011 - 07:56)

    L’attuale tendenza in cucina è quella di introdurre nella pietanza i quattro gusti principali-dolce,amaro,acido
    e salato-con in più la sensazione tattile del croccante.Qui sembra realizzarsi la quadratura del cerchio.
    Sembra molto interessante,proverò….
    A proposito,ma la scarola viene messa a crudo?

I commenti sono chiusi.