Falanghina 2006 Campi Flegrei doc

Letture: 42

LE VIGNE DI PARTENOPHE

Uva: falanghina
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Ecco finalmente un bianco da iniziare a bere in questo scampolo di stagione. Le vigne sulla sabbia nera vulcanica della collina dei Camaldoli dell’azienda di Cristiano D’Apice e Aniello Quaranta sono infatti un must per le serate estive in cui si abboffa di pesce: falanghina e piedirosso hanno infatti entrambi grande mineralità, sapidità, freschezza ben sostenuta in equilibrio con la struttura complessiva del vino. A sostenere l’impresa l’enologo Maurizio De Simone che qui gioca in casa. Provato un paio di mesi fa appariva ancora un po’ scomposto, ma adesso l’elevamento in vetro ha fatto sicuramente bene e il bianco si presenta profumato di ginestra e macchia mediterranea a cui subentrano, appunto, sentori minerali, in bocca l’ingresso è assolutamente fresco, molto gradevole, una sensazione che si prolunga per tutta la beva, lunga, rinfrancante, di buona struttura e dunque adatta anche a piatti un poco più strutturati oppure particolari come lo spaghetto con aglio, olio e peperoncino. L’azienda dei Camaldoli è simbolo di ciò che resta di una bellissima collina dopo i napoeletani celebravano la Pasquetta prima del sacco edilizio denunciato dal famoso film di Rosi: agricoltura eroica ma al tempo stesso ricca di soddisfazioni. Un 2006 che appare dunque finalmente pronto, pronto a sostenere un cammino che durerà con sicurezza almeno per un paio di anni.

Sede a Marano. Via Pietraspaccata. Tel. 081.5785483. Fax 081.5875200. www.levignedipartenophe.com Enologo: Maurizio De Simone. Ettari: 10 di proprietà. Bottiglie prodotte: 50.000. Vitigni: falanghina, piedirosso.