Falanghina 2006 Guardiolo doc

Letture: 29

AIA DEI COLOMBI

Uva: falanghina
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Cari amici vicini e lontani provare in questo momento i bianchi campani 2006 significa fare una ecografia per vedere se è maschio o femmina più che degustare. Fossi un produttore, adesso manderei alle guide i 2005, ma questo non è possibile perché tutto, o quasi, è stato già bevuto e finché il mercato tira è inutile mettersi a fare teoria: del resto la sete di Falanghina in Campania e a Roma è inesauribile, ormai Molise e Puglia hanno iniziato a proporsi sul mercato sulla scia della regione confinante e tutto funziona. La difesa può essere allora quella di puntare su cru o su lavorazioni un po’ più spinte come il Facetus di Fontanavecchia e la stessa Vignasuprema di Aia dei Colombi, due tra le migliori Falanghina in circolazione. In ogni caso parliamo di questa base che promette davvero bene, per il naso aspettiamo la composizione in bottiglia e ne riparliamo tra qualche mese, per la bocca vi diciamo subito che i parametri che piacciono a noi sono in buona evidenza, certamente in misura superiore alle 2005: struttura e freschezza caratterizzano allora il bianco dell’azienda di Marcellino Pascale, mollemente disposta tra le colline tappezzate di ulivi e vigne a Guardia Sanframondi, nel cuore della Valle Telesina. Una maison sannita che a noi piace molto per le idee chiare che esprime e che tanto vorremmo vedere anche in Irpinia, Falanghina per il bianco e Aglianico per il rosso: bravi, così si fa per costruire tradizione invece di vendere pezze alla Duchesca. Una buona sorpresa al Vinitaly di cui prediciamo abbinamenti importanti con alcuni dei piatti tipici di mare, crudi tanto di moda, pasta con i fagioli o con le lenticchie alla napoletana, cioé azzeccose, a forchetta dritta. Il tempo riuscirà a comporre il vino e credo che nell’arco di un anno potrà dare davvero grandi soddisfazioni a chi ha avuto la pazienza di conservarlo: sì, perché io consiglio di organizzarvi così la cantina, cioé comprare il doppio del vostro fabbisogno e stoccarne la metà in modo tale che a partire dal prossimo potete bervi con calma bottiglie meglio evolute e più ricche di quella complessità che in questo momento solo vagamente è possibile cogliere.

Sede a Guardia Sanframondi. Contrada Sapenzia, 24. Tel. 0824.817384. www.aiadeicolombi.it Enologo: Angelo Pizzi. Ettari: 10 di proprietà. Bottiglie prodotte: 40.000. Vitigni: falanghina e aglianico.