Fiano di Avellino 2006 docg Struzziero

Letture: 51

Uva: fiano di Avellino
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Struzziero è, per data di nascita, la terza azienda irpina dopo Di Marzo e Mastroberardino che l’anno prossimo si accinge a festeggiare i 130 anni. Ma pochi sanno che Mario è il più importante produttore di Taurasi per numero di bottiglie, superiore, oltre che alla stessa Mastroberardino, anche ai Feudi: ogni anno dalla storica cantina di Venticano escono 235.000 rossi con la fascetta docg. Un dato che emerge da uno studio analitico che sto facendo sulla realtà vitivinicola della provincia di Avellino e che dimostra, anzitutto a me stesso, come spesso commenti e discussioni restino avvitate sempre sulle stesse persone e sulle stesse bottiglie mentre la realtà produttiva merita ancora più attenzione nel suo complesso. Questo accade perché Mario ha un suo circuito collaudato e tira dritto per la sua strada senza curarsi troppo delle cosiddette pubbliche relazioni. Certo, ognuno è libero di fare quel che vuole, ma penso sia un peccato perché i suoi prodotti sono sempre meritevoli di attenzione: il suo Campoceraso 2000, ad esempio, ha preso le quattro stelle in degustazione coperta nella guida Vini Buoni d’Italia 2008 del Touring Club e sempre i suoi vini mostrano straordinario spessore e al tempo stesso classicità di esecuzione. Noi ne siamo appassionati da tempo perchè Mario ha il dono della immediatezza, il suo ritrarsi è caratteriale nonché privo di spocchia: tipico ed essenziale. Proprio come il Fiano base in ben 60.000 bottiglie di cui vi voglio parlare per iniziare questa giornata: la vendemmia 2006, si sa, non è stata facile per questo vitigno ma i tempi lunghi consentono ai diversi Fiano di riprendersi e, anche se non passeranno alla storia, regalare bei momenti agli appassionati. Eliminata la linea Roseto alla quale eravamo molto affezionati, eccezionale il 2001, Mario ha sforbiciato tutta la gamma riducendo le etichette con tre basi docg affiancate dal riserva Campoceraso di Taurasi il cru Vigna Giulia di Greco e il cru Vigna Pezze di Fiano, un esempio che molti produttori farebbero bene a seguire soprattutto in Irpinia dove tutti fanno tutto, Falanghina compresa. Il Fiano 2006 viene dalle uve di Lapio, ha naso gentile e floreale, non intenso ma persistente, tira fuori il carattere in bocca dove la freschezza mostra la sua consueta dinamicità, ben ammagliata con la frutta, buona la struttura, lungo e pulito il finale. Un bianco assolutamente classico, acciaio e vetro, da bere sulle creazioni della Cantinella del Mare a Vibonati.

Sede a Venticano, Via Cadorna, 214. Tel. e fax 0825 965065. E mail: struzziero@struzziero.it. Sito- www.struzziero.it. Enologo: Mario Struzziero. Ettari: 12 di proprietà. Bottiglie prodotte: 500.000. Vitigni: aglianico, greco di Tufo, fiano di Avellino, coda di volpe, falanghina