Fiano di Avellino 2009 docg Terredora |Voto 85/100

Letture: 100
Fiano di Avellino 2009 Terredora

Uva: Fiano di Avellino
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Vista 5/5. Naso 25/30. Palato 25/30. Non Omologazione 30/35

Ha buono slancio dopo due anni questo bianco base pensato da Lucio Mastroberardino. Da qualche anno i bianchi Terredora appaiono decisamente più aderenti al territorio, privi di note ruffiane e fuorvianti, dediti a spiccate acidità e a sentori minerali. Lo avevamo già ben visto con il Fiano 2010.

L’abbiamo usato sui piatti di mare di CrudoRe a piazza Vittoria con ottima soddisfazione. Il bianco maturo ha corpo sufficiente per coprire bene ostriche, taratufi e carpacci di tonno o dentice ripulendo il palato e lasciando alla fine una buona sensazione di freschezza fruttata. Parliamo di un base, poco complessità e trama narrativa abbastanza lineare e prevedibile, però il lavoro di abbinamento lo fa molto bene regalando appagamento e rassicurazione.
Anche nelle sue versioni mininali, il Fiano si conferma uva eccezionale.

Terredora di Paolo, via Serra  83030 Montefusco. Tel. 0825 968215. www.terredora.cominfo@terredora.com. Ettari: 180 di proprietà. Bottiglie: 1.200.000. Enologo: Lucio Mastroberardino. Vitigni: fianco, greco, coda di volpe, falanghina, aglianico, piedirosso.