Fiano di Avellino 2010 docg Guido Marsella

Letture: 133

Fiano Marsella 2010

Ultimamente bevo i vini un po’ come capita, nel senso che non li scelgo, ma lascio proporre agli altri. E devo dire che mi sta andando molto bene. Diversamente finisco sempre per scegliere più o meno le stesse bottiglie. Così mi capita a caso questa meraviglia: il fiano di Avellino 2010 di Guido Marsella.

Uno dei primi a specializzarsi nella produzione del fiano che nel territorio di Summonte raggiunge espressioni fantastiche e dal timbro riconoscibile. Questo è il primo millesimo che sceglie di mettere sul mercato dopo venti mesi dalla vendemmia. Bevuto oggi posso dire che è un vero e proprio capolavoro e che difficile sarà fermarsi nel berlo. E’ la conferma di quanto il fiano possa esprimersi a livelli molto alti e, soprattutto, di quanto Summonte possa affermarsi come cru dal carattere ben definito. E’ splendido già nel colore dorato e luminoso, è profondo e avvolgente e va atteso con un po’ di pazienza. Il caratteristico accento fumè è il primo a delinearsi, poi lentamente dà spazio a toni eleganti e sottili come l’anice stellato e l’aneto, il frutto ha i sentori della castagna e riprende vigore con una leggera tostatura di nocciola. L’assaggio è pieno, vigoroso, ben sostenuto da una acidità di grande energia, ricalca delicatamente i toni fumè e di castagna. Proprio un gran bel vino.

Sede a Summonte (AV) – Via Marroni, 1 – Tel. 0825 691005– Fax 0825 691942www.guidomarsella.comcantina@guidomarsella.com  Enologo: Guido Marsella – Bottiglie prodotte: 30.000Ettari vitati di proprietà: 25 – Vitigni: Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Falanghina

 

 Questa scheda è di Marina Alaimo