Fiano di Avellino 2013 docg Rocca del Principe, Vino Slow

Letture: 309
Fiano di Avellino 2013 Rocca Principe
Fiano di Avellino 2013 Rocca Principe

Uva: fiano di Avellino
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Un grande vino, inutile girarci attorno. Lo ritroviamo dietro una stazione di servizio, da Fish Lab a Castellammare, un bistrot al quale auguriamo ogni fortuna. La ribevuta dopo altri sei mesi ci stupisce: è come se il vino fosse tornato indietro diventando ancora più giovane: non è la materia che si ritrae, bensì la freschezza che continua a tirare la beva in modo sensazionale. Un acidità composta, tipica del bell’areale di Lapio, che lascia spazio alla frutta di esprimersi. Un bianco ancora in fase di composizione, insomma, che ci regalerà grandi sorprese nei prossimi dieci anni e che conferma la 2013 come annata davvero eccezionale. Avanti così

Scheda del 24 novembre 2015. Appena undici vendemmie etichettate, ma una decisione che ha consentito di fare il salto di qualità: aspettare un anno prima di uscire. E’ bastata questa semplice mossa a Ercole Zarrella e Fabrizia Aurelia per posizionarsi la top della categoria. Un altro attore a Lapio che posiziona questo areale al vertice come ha confermato la orizzontale di 26 etichette di Fiano di Avellino organizzate poco fa che ha avuto un buon riscontro.
Stappiamo una magnum durantela bellissima serata organizzata da Fisar e Slow Food di presentazione delle guide Osterie e Slow Wine a Palazzo Caracciolo e non possiamo che confermare le nostre positive impressioni: un vino in equilibrio, di buon frutto, capace di attraversare il tempo attraverso una evoluzione che si annuncia incredibile. cercatene di fare scorta e di conservarle: vi farà compagnia per tutta la vita in quanto espressione della semplicità oltre che della complessità.
A questa piccola azienda, sorniona e concreta, non resta che continuare a lavorare così.

Rocca del Principe è in contrada Arianiello 9 Lapio. Ettari: 7 di proprietà www.roccadelprincipe.it. Bottiglie prodotte: 23.000

Un commento

  • Aessandro Manna

    (24 novembre 2015 - 10:57)

    Si parva licet… anche io l’ho trovato fantastico, quasi sontuoso, lineare e completo.
    Nel mio personalissimo poker d’assi della serata di Fisar / Slow Food.

I commenti sono chiusi.