Vendemmie: la raccolta delle uve Fiano alla Tenuta Macellaro negli Alburni

Letture: 144
Il Fiano di Tenuta Macellaro
Il Fiano di Tenuta Macellaro

di Gianni Ferramosca

Una volta giunto a Postiglione (Sa), in cima ai vigneti di Tenuta Macellaro, avrei davvero voluto dare un nome a tutta quella meravigliosa natura che si mostrava davanti ai miei occhi, tuttavia, ci ho rinunciato presto, temendo che questo potesse sciupare l’intima essenza di quel paesaggio, di quel prezioso e leggero soffio avvolgente, proveniente direttamente da quei filari.

D’altro canto, non può avere un nome, un luogo con una bellezza cosi dichiaratamente sfacciata.

L'ingresso di Tenuta Macellaro
L’ingresso di Tenuta Macellaro

Oltre alla straordinaria bellezza del luogo, quella di Tenuta Macellaro, mi appare subito come una terra che deve aver ricevuto molta cura e lavoro, prima di presentarsi cosi come si mostra oggi, comodamente distesa al sole ed al vento, nello spazio compreso tra i Monti Alburni ed il nervoso Fiume Calore.

Il vigneto di Tenuta Macellaro verso i Monti Alburni
Il vigneto di Tenuta Macellaro verso i Monti Alburni

 

Il vigneto di Tenuta Macellaro verso il Fiume Calore
Il vigneto di Tenuta Macellaro verso il Fiume Calore

Tale lavoro, lo si nota guardando con attenzione le mani di chi in questo momento raccoglie le uve di Fiano, si tratta per lo più di parenti, persone che hanno in comune quasi tutti lo stesso nome, quello di Ciro Macellaro, ossia, il Nonno di questa bellissima famiglia di “contadini”.

La raccolta del Fiano a Tenuta Macellaro
La raccolta del Fiano a Tenuta Macellaro

Nonno Ciro, oggi è rimasto seduto sotto il grande albero da cui si domina l’intero vigneto, dal quale, non distoglie mai lo sguardo estasiato, nemmeno quando risponde alle mie domande. Sa benissimo chi sono, e perché sono li, cosi inizia a raccontarmi delle bufale che un tempo pascolavano in questi terreni, una pratica questa, dovuta alla famosa produzione di mozzarelle realizzate presso la vicinissima città di Paestum.

Tenuta Macellaro, il nonno Ciro Macellaro
Tenuta Macellaro, il nonno Ciro Macellaro

Dopo avermi raccontato tutto, ma proprio tutto della sua terra e della sua vita, chiarisce ancora una volta che il Ciro che firma le bottiglie prodotte in questa azienda, non è lui, ma suo nipote Ciro Macellaro, il figlio di Giovanni

Tenuta Macellaro, la lavorazione del Fiano
Tenuta Macellaro, la lavorazione del Fiano

Infatti fu proprio il giovane nipote, qualche anno fa, a dare il via a questa bellissima avventura, mostrando lungimiranza e capacità tali, da riuscire a mettere in luce in questi pochi anni, potenzialità inaspettate per questo piccolo angolo di Campania.

Capacità, cura e attenzione, che il giovane Ciro dimostra di possedere anche oggi, scegliendo di vendemmiare le sue uve di Fiano, in uno stato di maturazione davvero da manuale.

Va anche detto che Ciro, dopo aver conseguito la laurea in agraria, si è distinto non solo per la produzione dei suoi straordinari vini, ma anche per aver operato da protagonista, assieme ad un piccolo gruppo di altri produttori (quasi tutti orfani della Cantina Sociale di San Lorenzo), un recupero storico per la sua terra, quello dell’Aglianicone degli Alburni, un antichissimo vitigno, portato qui dagli antichi coloni greci che sin dal VII secolo a.C. si stabilirono a vivere in queste zone.

Cosi, attraversando in lungo ed in largo il vigneto, mi imbatto adesso nei generosi grappoli di quest’uva, che qui vedo ed assaggio per la prima volta, non fa nulla se poi qualcuno mi dirà che non è ancora pronta, infatti, la raccolta avverrà quest’anno per la prima volta, tra una ventina giorni.

A mio avviso, se la traccia identitaria espressa dal vigneto dovesse rimanere quella che ho avuto modo di apprezzare al chicco, credo seriamente che Tenuta Macellaro possa generare ulteriori grandi sorprese. Ne sono sicuro.

Tenuta Macellaro, l'Aglianicone
Tenuta Macellaro, l’Aglianicone

Oggi, nonostante la bellissima giornata di sole, spira un leggero vento fresco tra i filari, profumato di frutti maturi e di erba appena tagliata. Si tratta dell’aria fresca che si alza dal Fiume Calore, un effetto che di notte si amplifica ulteriormente, producendo in questa zona un importate escursione termica.

Ne giovano, di questa freschezza, persino le signore intente a raccogliere le uve, le zie di Ciro, che con grazia e tanta dolcezza, traducono queste carezze esercitate dall’aria, in un felice e spensierato “canto a voce di campagna“, dove l’unico protagonista di questi canti, è appunto il vino!

Tenuta Macellaro, la raccolta delle uve
Tenuta Macellaro, la raccolta delle uve

 

Tenuta Macellaro, la raccolta
Tenuta Macellaro, la raccolta

Esiste tra questi profumi, in questo vigneto, un senso di rara serenità, di onestà e dedizione al lavoro, assolutamente non comuni, che la Famiglia Macellaro, ama condividere anche a tavola dopo una giornata di duro lavoro.

Un momento, quello del pranzo consumato accanto al grande albero in cima al vigneto, di cui non mostrerò nessuna foto. Si è trattato di un tempo talmente ricco e prezioso, che preferisco custodire tra i miei personali ricordi. Vi mostrerò, invece, la foto di chi mi era seduto di fronte, Zio Luigi, di 83 anni, un uomo mitologico, metà uomo, metà natura, che con la sua personale storia di vita, mi ha fatto apprezzare ancora di più, la bellezza di questa terra rimasta ancora per me, fortunatamente senza nome.

Tenuta Macellaro, zio Luigi
Tenuta Macellaro, zio Luigi

Le uve di Fiano appena raccolte, sono state immediatamente lavorate per poi, in futuro, comporre un blend di Fiano e di Falanghina (anch’essa prodotta qui in Azienda), che alla fine darà vita al “Ripaudo”, il vino di punta di Tenuta Macellaro. Un vino, che oltre alle particolari qualità del terroir in cui viene allevato, porta via con se, anche la personalità di chi lo produce.

Tenuta Macellaro, la lavorazione del Fiano
Tenuta Macellaro, la lavorazione del Fiano

 

Tenuta Macellaro, la lavorazione del Fiano
Tenuta Macellaro, la lavorazione del Fiano

 

Ripaudo Tenuta Macellaro 2014

IGP  Colli di Salerno bianco

Ripaudo di Tenuta Macellaro
Ripaudo di Tenuta Macellaro

Scheda Tecnica:

Annata: 2014

Produzione totale: 7300 bottiglie

Uve: 70% Fiano, 30% Falanghina

Allevamento: Guyot

Terreno: Limoso/agilloso d’origine vulganica

Vinificazione: Fermentazione in acciaio termo controllata

Affinamento: Batonage in acciaio 5 mesi

Gradazione alcolica: 13.3°

Vendemmia: Fine Agosto

Tappo: Nomacorc serie Select Bio realizzato con materiali rinnovabili derivati dalla canna da zucchero. Riciclabile al 100%.

Enologo: Ciro Macellaro con alcuni consigli di Sergio Pappalardo

Descrizione: Al calice si presenta di colore giallo paglierino intenso con riflessi verdognoli. Al naso compaiono subito note di frutta a polpa bianca, profumi di ginestre e fiori freschi di macchia mediterranea. Al palato appare succoso ed erbaceo, ben slanciato ed elegante, con un ricco sottofondo minerale. Il finale risulta di ottima persistenza ed in grado di lasciare evidenti ricordi della terra da cui proviene.

Abbinamento: Cucina di mare o di lago

 

Tenuta Macellaro di Ciro Macellaro

Contrada Vespariello, 84026 Postiglione (SA)

Tel: 0828.0300956

info@tenutamacellaro.it

 

Un commento

  • Mondelli Francesco

    (16 settembre 2015 - 09:50)

    Buono :non lo conoscevo .Parafrasando un’evento organizzato dall’amico Massimo Corrado titolare di Go Wine,sorgono spontanee le domande:il costo bottiglia di questa chicca ,come reperirla e infine se,come accennato,producono anche Aglianicone.PS.Come chiaramente si vede dalla foto gli acini sono più piccoli della norma,per cui ,al di la di tanti strombazzamenti,almeno in Campania e nelle aziende da me visitate per i vini a bacca bianca la produzione sarà superiore di sicuro alla 14,ma sempre inferiore agli altri anni a causa sopratutto della siccità degli ultimi due mesi.FM.

I commenti sono chiusi.