Fiera Enologica anno zero, Taurasi caso nazionale per i giornalisti specializzati

Letture: 38

L’assessore regionale all’Agricoltura Gianfranco Nappi, attraverso il suo dirigente di staff aveva risposto alla lettera di Geppina Landolfo, presidente dell’Associazione Giornalisti Agricoli della Campania che chiedeva chiarimenti sull’annullamento della Fiera di Taurasi.
Ma la questione non si è affatto conclusa. L’argomento è stato all’ordine del giorno del congresso nazionale di Aquileia delle Associazioni Regionali Giornalisti Agricoli. Da qui è scaturita una nuova sollecitazione alla Regione Campania. Sull’argomento Divino Scrivere ha aperto una discussione con i più importanti giornalisti specializzati di settore.

L’assessore regionale Nappi


Il Congresso Nazionale chiede un intervento deciso della Regione

Egregio Dottor Caiazzo, in relazione alla sua nota sulla vicenda di Taurasi, per opportuna e doverosa conoscenza, le trasmetto copia della risoluzione adottata dal Congresso dell’Unaga (Unione Nazionale delle Arga Italiane) svoltosi dal 20 al 22 agosto ad Aquileia, in Friuli, al quale ho partecipato in qualita’ di delegato per la Campania.
La ringrazio, quindi, per l’attenzione mostrataci e mi auguro che il condizionale da lei utilizzato nel rispondere all’Arga Campania possa essere foriero di interventi, che ritengo anche di mediazione, atti a sbloccare la vicenda.
A semplice titolo informativo le riferisco che i colleghi delle altre Arga italiane hanno gia’ affrontato e positivamente risolto la questione puntando e contando soprattutto sull’intesa tra sindaci, proloco e le altre istituzioni preposte alla sorveglianza.
In tal modo hanno evitato una perdita economica che si sarebbe inevitabilmente verificata nelle regioni particolarmente votate alla vitivinicoltura, i cui prodotti, unitamente a quelli dell’agroalimentare sono esposti nelle feste, fiere e sagre, là numerosissime e particolarmente curate proprio per fare cassa durante le esposizioni locali.
La Campania ha le stesse potenzialità e le stesse esigenze, lo stanno dimostrando gli amministratori pubblici e gli imprenditori agricoli che continuano a fare le stesse esposizioni locali, già programmate e finanziate, e nessuno si ritiene fuori dalla legge.
Ma il caso Taurasi, per ora unico sul territorio regionale, va affrontato e risolto. Sono dell’avviso che, per districare la questione, occorra un tavolo specifico che coinvolga in primo luogo la Regione ma al quale dovrebbero partecipare accanto agli amministratori pubblici anche tutte le componenti imprenditoriali del mondo agricolo, le prime ad essere interessate ad una soluzione in positivo sia per Taurasi che per ogni altro non auspicabile caso.

Gianpaolo Necco, Consigliere Nazionale Unaga per l’Arga Campania


Foto ricordo dei delegati al Congresso di Aquilea
L’UNIONE DELLE ARGA SUL TAURASI
———————————
Aquileia, 21 agosto 2009. La vicenda di Taurasi è stata posta anche all’attenzione dei presidenti e delegati delle Arga aderenti all’Unaga (Unione nazionale associazione giornalisti dell’agricoltura, alimentazione, ambiente, energie rinnovabili e territorio, foreste e pesca) riuniti ad Aquileia per il proprio Congresso.

L’illustrazione del caso da parte del delegato della Campania, Gianpaolo Necco, che ha riferito della posizione assunta dall’Arga Campania aderendo alla raccolta delle firme per sollecitare la Regione Campania per quanto di sua competenza ad intervenire sulla vicenda, ha ricevuto ampi consensi da parte dei delegati delle Arga e del direttivo dell’Unaga che, condividendo l’iniziativa messa in atto, hanno espresso la propria solidarietà, auspicando la rapida conclusione della vicenda affinchè non si lascino inevase le attese di quanti chiedono il ripristino della Fiera Enologica di Taurasi.
Firmate l’appello