Fiera Enologica di Taurasi, la serata dei quattro giovani cuochi per otto Coda di Volpe

Letture: 125
Francesco Spagnuolo, Christian Torsiello e Mirko Balzano nella corte del Castello di Taurasi

 Ma che bella serata con il Coda di Volpe irpino e quattro giovani cuochi talentuosi che faranno parlare in futuro di se e dei propri piatti. Una serata full, nella quale anche il tavolo dei relatori è stato occupato dagli ospiti in un evento che ancora una volta ha esibito l’incredibile ricchezza della Campania nel campo enogastronomico.

Sabino Berardino, Marina Alaimo, Luciano Pignataro e Maura Sarno

Otto Coda di Volpe di cui avremo modo di parlare prossimamente: Di Prisco, Terredora, Di Meo, Donnachiara, Tenuta del Cavalier Pepe, Perillo 2009, Vadiaperti, Cantina Giardino Paski 2010. Bianchi splendidi, poliedrici, a volte emozionante, comunque adatti all’abbinamento.
E poi la cucina dei quattro giovani cuochi, già di mano sicura a cui viaggi e nuove esperienze conferiranno quella maturità espressiva che noi tutti ci auspichiamo nei prossimi anni.

Francesco Spagnuolo, Mirko Balzano e Christian Torsiello al lavoro

I quattro cuochi hanno dimostrato di saper interpretare molto bene la serata, centrando il tema. Tutti i piatti erano molto ben abbinabili alla Coda di Volpe nelle sue diverse espressioni. Alla fine i partecipanti si sono divertiti a provare.

La degustazione in sala

Ed ecco i piatti

 

Fiorilli fritti per il benvenuto (Mirko Balzano, Villa Assunta a Mirabella Eclano)
Trota affumicata su panzanella di Christian Torsiello, Arbustico di Valva

 

Schiaffoni con i fiorilli, Francesco Spagnuolo-Morabianca del Radici Resort di Mirabella Eclano

 

Uovo con talli e colatura di alici. Mirko Balzano, Villa Assunta di Mirabella Eclano

 

Coda di Volpe e il pubblico
Alessandro Barletta, Maura Sarno, Marina Alaimo e Luciano Pignataro con la maglietta della Fiera Enologica

Infine il dolce di Arcangelo Gargano della Locanda di Sant’Angelo dei Lombardi
Ancora una volta la Fiera Enologica di Taurasi ha dimostrato come sia possibile coniugare la festa popolare e l’approfondimento tecnico. La serata della Coda di Volpe è entrata nelle pieghe di una viticoltura poco conosciuta sul piano commerciale ma di alto contenuto culturale e colturale perché le aziende che la propongono mostrano di avere tenace attaccamento alle tradizioni.

 

5 commenti

  • cuocoo

    (14 agosto 2012 - 20:41)

    ma il tema principale erano le zucchine ”?

    • luciano pignataro

      (15 agosto 2012 - 00:19)

      Certo che no, nel senso che non era concordato. Ma questa è la loro stagione, quest’anno sono magnifiche e si trovano ovunque e i ragazzi avranno pensato di fare piatti stagionali, di territorio e soprattutto adatti alla Coda di Volpe.

  • sabino

    (15 agosto 2012 - 00:34)

    gran bella serata
    e gran bel ritmo ‘imposto’ da Luciano Pignataro: divertente, mai scolastico, interessante excursus su un bel bianco irpino !
    contento di esserci stato !

    • Lello Tornatore

      (15 agosto 2012 - 09:31)

      Contento di aver avuto l’opportunità di servire un enogastronomo del tuo calibro…champagnofilia a parte!!! ;-))

  • cuocoo

    (15 agosto 2012 - 12:11)

    gentilissimo signor Pignataro seguo da molti anni il suo blog e fiero di essere irpino doc apprezzo tantissimo le sue iniziative che vanno a promuovere la gastronomia irpina e non solo, grazie a persone come lei si riesce a “farsi conoscere” e a valorizzare i luoghi ,le feste e iprodotti campani che sono l’eccellenza della nostra regione….. la mia non voleva essere una critica ma solo un punto di osservazione cercando di migliore le piccole lacune che ci possono essere in una serata bella come questa. Secondo la mia piccola esperienza per abbinare un vino ad un cibo è importante organizzare una corretta sequenza delle portate di un menu’, definendo una successione che si apra con piatti delicati , leggeri a portate leggermente piu’ complesse e aromatiche , di media struttura che a loro volta andranno a introdurre cibi di aroma piu’ forte e concentrati , ma abbinare per me vuol dire anche osservare come un vino si presenti con ( carni , ortaggi , pesce )e in questa stagione oltre a fiori,talli e zucchine ci sono tantissimi prodotti eccellenti da trovare sui banchi del mercato in pescheria e gastronomia che si abbinerebbero benissimo con la coda di volpe. Dal mio punto di vista questo non è stato un accordo ma una mancanza di comunicazione ,bastava poco per endere una serata come questa ECCELLENTE. Ripeto che la mia é solo una stupida osservazione e colgo l’ occasione per congraturarmi con tutti per la splendida serata.

I commenti sono chiusi.