Firenze. Hotel Villa La Vedetta. C’è il ristorante gourmet Onice

Letture: 205
La Vedetta Onice. Il panorama

Viale Michelangiolo 78
Tel. 055.681631
www.villalavedettahotel.com

aperto sempre
chiuso mercoledì
da 60 a 100 euro

di Tommaso Esposito

La porti un bacione a Firenze.
Echeggia la canzone nel cuore mio, ora che lo sguardo mira di lontano la cupola del Brunelleschi.
Siamo qui per rilassarci.
Domani si presentano le Guide Espresso.
E’ sera. Soffuse le luci.
Le stelle punteggiano il cielo.
Ben oltre la cena fra amici  reclama questo posto romantico e malandrino.
Ma va bene così; sarà per la prossima volta.


La Vedetta Onice. Il cuoco Stefano Santo

Il cuoco, Stefano Santo, è allegro e promette scintille per Guido e Luciano.

La Vedetta Onice. Luciano e Guido

Vedremo.
Aldo e Giancarlo han provveduto per i vini.

Saranno grandi.

La Vedetta Onice. Aldo. Giancarlo si nasconde

Clos de la Coulée de Serrant 1982, Brunello di Montalcino Ciacci Riserva 2001, Chianti Rufina Selvapiana Riserva 1967: una vera sfida.

La Vedetta Onice. Clos de la Coulée de Serrant 1982
La Vedetta Onice. Brunello di Montalcino Ciacci Riserva 2001
La Vedetta Onice. Chianti Rufina Selvapiana Riserva 1967

Il benvenuto è con Ostrica Bèlon al Bombay Gin: tonica e salda si fa voluttuosa tra la lingua e il palato.

La Vedetta Onice. Ostrica al gin

Croccante è la polpettina di maiale con mostarda di zenzero.

La Vedetta Onice. Polpettina allo zenzero e cips

Nella tazzina olio toscano addensato fra cui intingere le cips variegate e forgiate con il mais Spin e l’alga Aonori.

La Vedetta Onice. I pani

Buoni i pani, insolito in questa terra, per il mio gusto sudista: al pomodoro, ai semi di zucca, di lievito integrale e poi conditi. Anche i grissini son boni.

La Vedetta Onice. I pani conditi e i grissini

Trancio di ricciola adagiato su crema di finocchio affumicata al naturale e insaporita da grani di sale al cappero.

La Vedetta Onice. Ricciola con finocchio affumicato

C’e il mare anche qui, ohibò.
Tant’è che approdano al desco l’astice scottato con purea e gel di mela su pennellata a strascico di liquirizia.

La Vedetta Onice. L'astice

Poi si assaggia il crudo di gamberi rosa con scalogno e finferli, questi aranciosetti funghi del Nord.

La Vedetta Onice. Il gambero rosa

Di qualità i crostacei.
Ravviso Gallipoli lontana.
Si gioca con il riso e Maffi si contorce.
Ricorda ai commensali che lui non gusta risotti al di sotto del Po.
C’è chi come me dissente ricordandosi di Ischia, Vico Equense e Tricase che giacciono molto più giù del Volturno.

Qui i risotti qualcuno li sa bene portare all’onda.

La Vedetta Onice. Il risotto

Il riso del coco fiorentino si fa ricco per il burro di nocciola in grani, nonché per le animelle e i calamaretti fritti.
Maffi non cambia opinione.
E io nemmeno.

La Vedetta Onice. Porcino in tempura

Di passaggio si coglie al volo il porcino in tempura con acino di uva candita.
Fa da battistrada al raviolo ripieno del maiale di cinta senese con mostarda di cipolla rossa, succo di broccoli e polvere di lime.

La Vedetta Onice. Il raviolo ripieno di maiale di cinta

Gustoso.
Ecco di fila il foie gras con purea di ananas e di fagioli azuki.

La Vedetta Onice. Il foie gras

E il trancino di vitello con pomodori verdi e topinambur.

La Vedetta Onice. Il vitello

Di gran pregio le carni.
Incalza il trionfo dei dolci.
Piccola pasticceria delicatissima.

La Vedetta Onice. Semifreddo al rabarbaro

E soprattutto la mousse di bianco cioccolato al rabarbaro.

La Vedetta Onice. Il cannolo

Anche il cannolo alla nocciola con gelo di lamponi.
Si fa notte.
Cala un po’ di fresco dalla volta celeste.
C’eravamo illusi d’essere ancora in estate.
Ma siamo in autunno e la vigilia è passata veloce.

13 commenti

  • Lido vannucchi

    (16 ottobre 2011 - 09:52)

    Tommaso x revisione clos de la coulee’ se serrant gran vino no champagne, vino della Loira, e la riserva di brunello chiaramente 2001 non 2011. Bravo bel post. E ristorante sicuramente da visitare. Ciao Lido

    • tommaso esposito

      (16 ottobre 2011 - 10:10)

      Ohps, :-(

  • francesco bonfio

    (16 ottobre 2011 - 11:57)

    Allora anche Ciacci e non Giacci.
    Ma Stefano Santo ex secondo di Gaetano Trovato all’Arnolfo? Complimenti e in bocca al lupo.

  • Piermario

    (16 ottobre 2011 - 13:15)

    Perbacconaccio, ma due parole in più su cotanti vini? ;-)

    • Lello Tornatore

      (16 ottobre 2011 - 13:25)

      Non ci sperare…l’addetto ai vini era Maffi…:-((

      • consumazioneobbligatoria

        (16 ottobre 2011 - 17:39)

        no no, l’addetto ai vini era il sottoscritto. Maffi ci ha fatto il regalone della coulée che con la cupola del brunelleschi sullo sfondo ci stava benissimo. io felice di aver riconciliato – ipse dixit – Luciano con il Brunello grazie a questo piccolo produttore amato nella 2001 e messo in cantina per i classici 10 anni…

        • Lello Tornatore

          (16 ottobre 2011 - 18:17)

          …all’anima del regalone…si è proprio sprecato!!! ;-))

          P.S. Poteva pure portare quello che si è riservato per il compleanno di oggi…ne sai niente, Aldo?

    • luciano pignataro

      (17 ottobre 2011 - 10:52)

      Effettivamente il Brunello era molto buono, un Sangiovese classico, elegante, fino, con un naso dolce di frutta in un buon corredo speziato. In bocca ha equilibro maturo, buon allungo dal centro bocca, chiusura pulita e piacevole.
      Una bellissima bottiglia.
      Il Selvapiana 1967 aveva buona acidità, ma l’emozione viene dall’età, dall’integrità piuttosto che dalla evoluzione vera e propria.
      Bello il Clos, direi immortale.

  • tommaso

    (16 ottobre 2011 - 16:21)

    By 2.0 revision.
    Maffi, S.O.S! :-0

  • […] Firenze. Hotel Villa La Vedetta. C’è il ristorante gourmet Onice […]

  • Giancarlo Maffi

    (17 ottobre 2011 - 10:38)

    Scusate , ero indaffarato …. Bel post, Tommaso, e bella cena, risotto( infatti denominato riso per evitare ritorsioni dal sottoscritto) appena sufficiente. Luogo stra-ordinario e accoglienza magnifica. Vista da togliere il fiato. Consiglio un pernottamento a tutto il mondo, soprattutto a quelli che devono fare innamorare una fanciulla( sociabili cosi’ va … Altrimenti poi dicono che sono volgare:-). La mia coulee’ ’82 ha lungamente battuto di due spanne tutti gli altri vini portati dall’addetto… A Tornatore non vale nemmeno la pena di rispondere, se non per rimprovero di non aver nemmeno fatto gli auguri a chi di dovere…

    • Lello Tornatore

      (18 ottobre 2011 - 09:51)

      Menti sapendo di mentire!!! Probabilmente quello che non ti è andato giù è l’augurio di un ipotetico cambio di “orsacchiotto”…;-))

  • Antonio Scuteri

    (17 ottobre 2011 - 10:42)

    ???

I commenti sono chiusi.