Fois 2012 Falanghina del Sannio doc | Voto 90/100, winner a Radici del Sud

Letture: 143
Fois Falanghina del Sannio Doc 2012 Cautiero

Azienda Agricola Cautiero

Uva: Falanghina
Fascia di prezzo: 7,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio

Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 27/30 – Non omologazione 32/35

Fulvio Cautiero ha eguagliato Raffaele Guastaferro e Paolo Benegiamo all’ultima edizione di Radici del Sud, risultando anch’egli plurivincitore.  Infatti, con solo due bottiglie presentate in concorso ha ottenuto il primo posto assoluto da parte delle due giurie, quella nazionale e quella internazionale, con l’etichetta Fois Falanghina del Sannio Doc 2012 ed il secondo premio decretato dalla giuria nazionale nella categoria del biologico, con il Donna Candida Sannio Aglianico Doc 2010.

La giovane e piccola azienda sannita Cautiero è nata appena nel 2002, quando Fulvio ed Imma, memori dell’insegnamento ricevuto dai loro nonni, con sentimenti di  amore e passione e con piglio deciso ed entusiastico decidono di dedicarsi alla viticoltura, rilanciando una vecchia vigna ormai abbandonata da tempo con la fattiva collaborazione dell’enologo Alberto Cecere. Iniziano così un percorso stimolante e virtuoso che in poco tempo li porterà a raggiungere prestigiosi traguardi. Il vigneto è posizionato ad un’altitudine di 374 metri nel comune di Frasso Telesino su un terreno argilloso, ricco di scheletro e protetto dall’imponente sagoma del massiccio del Taburno. La coltivazione è di tipo biologico accertato. La nuova cantina, con tanto di sala di degustazione e di punto vendita, è stata scavata direttamente nella roccia, è rivestita di tufo ed è dotata poi di moderne e tecnologiche attrezzature. Inoltre è collocata proprio al limite della vigna e questo facilita la sollecita consegna delle uve per l’immediato avvio del processo di vinificazione.

La Falanghina, dalla quale anticamente si ricavava il “Vinum Album Phalangium” e le cui prime barbatelle furono introdotte intorno all’VIII secolo a.C. sulle coste flegree dai coloni greci provenienti della Tessaglia, è il vitigno a bacca bianca più diffuso in Campania. A similitudine dell’Aglianico, infatti, ha attecchito in tutte le aree viticole regionali, isole comprese, pur mantenendo una più spiccata vocazione negli areali flegreo e sannita con due biotipi differenti. La Falanghina è allevata con buoni risultati anche a cavallo delle province di Foggia in Puglia e di Campobasso nel Molise, confinanti proprio col territorio beneventano.

La vendemmia per l’etichetta del Fois è stata effettuata a fine settembre e dopo la fermentazione, il vino trascorre cinque mesi in acciaio per l’affinamento e un mese in bottiglia per l’elevazione. Il grado alcolico è di 14° C.

Il bicchiere esalta un colore giallo paglierino, con luccicanti risvolti chiari sui bordi. Il registro olfattivo è composito, intrigante e complesso e respira subito pervasive fragranze fruttate di pesca bianca, mela fuji e pera abate ed è impreziosito poi da lievi accenni agrumati. Uno spiccato bouquet floreale colpisce il naso con nuances di biancospino e di zagara, intrecciato ad un seducente vezzo mediterraneamente ed aromaticamente erbaceo. Infine, in sottofondo emergono anche parvenze mineralizzanti di buona fattura e suggestioni vagamente affumicate.  L’impatto del sorso sulla lingua è di quelli tosti, come un gol di Just Fontaine ai campionati mondiali di Svezia del 1958: secco, potente, sapido, dinamico, elegante e persistente, con una laminata acidità che conferisce una godibile freschezza a tutto il palato. Emerge poi una sottile vena vegetale, rimpolpata da un gusto morbido e consistente; una slanciata ed espressiva silhouette e carezzevoli e integre sensazioni floreali e fruttate. Nel lungo e guizzante finale poi, ritornano a galla ricamate e flessuose note minerali. Da spendere su risotti, carni bianche, pesce, frutti di mare e formaggi freschi. Prezzo molto conveniente. Futuro ancora lungo e radioso. Prosit!

 

Questa scheda è di Enrico Malgi

 

Sede a Frasso Telesino (Bn) – Contrada Arbusti

Cell. 338 7640641 –  Fax 0824 1810373

info@cautiero.itwww.cautiero.it

Enologo: Alberto Cecere

Ettari vitati: 4

Bottiglie prodotte: 15.000

Vitigni: Aglianico, Piedirosso, Falanghina, Greco e Fiano