Forenza, Vulture. Caseificio Caggiano-Summo

Letture: 135

Il Parco delle Bontà: pecorino di Forenza e dintorni

Contrada Piro Sorbo
Tel.0971.773460, 0971.773740
www.caseificiocaggiano.it

Vi consegno volentieri questa scheda figlia di Aglianica 2007: è la storia di Maria Caggiano che aveva ricevuto in eredità dalla mamma alcune bestie e un piccolo casolare nella campagna vulturina, a Forenza, non lontano da Acerenza.

Qui a, a circa 800 metri, il freddo picchia e Maria con il marito Michele, poi scomparso, ha costruito il suo mondo dopo aver avuto un’azienda con altre famiglie: i suoi cinque figli (Francesco, Lucia, Mario, Biagio e Marianna) stanno con lei e a ciascuno è affidato un compito ben preciso. Avviata l’impresa nel 1974, il casolare nel frattempo è cresciuto e i suoi prodotti, oltre ad aver ricevuto moltissimi premi, hanno attirato l’attenzione della stampa specializzata tra cui citiamo Papillon e Caseus.

Dal latte di mucca si producono mozzarelle, scamorze, trecce, burrini, burro, ricotta, e, soprattutto, il caciocavallo, insignito di vari premi (in Francia ha conquistato la medaglia di bronzo alla 2a Olimpiade dei Formaggi di Montagna, tenutasi dal 23 al 26 ottobre 2003 a Les Rousses – Jura). Dal latte crudo di pecora nasce il fiore all’occhiello: il pecorino, sia fresco sia stagionato. Dai maiali si ottengono alcuni salumi e, per completare il quadro, dagli agnelli, macellati a due mesi, una carne squisita. La qualità dei prodotti è il risulato di una alimentazione base costituita da foraggi coltivati nei terreni dell’azienda. Troverete tutte le notizie in un sito ben fatto e aggiornato, sintomo, ormai, anche questo di attenzione al consumatore e di professionalità: sono indicati tra l’altro i punti vendita in Italia e in Francia dove è possibile trovare i prodotti pluridecorati di Maria e gli articoli che la riguardano.