Il Foro dei Baroni e la cucina slow di Raffaele D’Addio

Letture: 801
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Lo chef Raffaele D'Addio
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Lo chef Raffaele D’Addio

di Andrea Docimo

Esistono luoghi nei quali l’incedere delle lancette nel quadrante dell’orologio sembra rallentare, smorzandosi come un sole che all’ora del vespro si assopisce dietro ai monti dell’entroterra. E questo, va puntualizzato, è il classico scenario regalato dal meraviglioso territorio sannita all’imbrunire.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. L'insegna del locale
Il Foro dei Baroni a Puglianello. L’insegna del locale

Puglianello è un borgo slow, dove poter dimenticare le piccole, grandi ansie quotidiane e godere di un relax out of time. Il Foro Dei Baroni qui è una vera e propria istituzione ed a due passi c’è anche Historia Birreria, di cui abbiamo già parlato un po’ di tempo fa.

La cucina di Raffaele D’Addio (da poco tornato dopo l’esperienza de I Balzi Rossi) appare molto curata, misurata: la buona tecnica di base qui non è fine a se stessa.

Un servizio di sala cortese, attento e dotato della giusta preparazione riguardo le carte di piatti, vini e birre, unito ad un ambiente che rifugge arredi barocchi ed è invece sintesi di passato e modernità, rendono il Foro dei Baroni il ristorante ideale per una cena lenta, in compagnia ma anche soli.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il giardino esterno con i tavoli
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il giardino esterno con i tavoli
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Gli interni
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Gli interni

Sono due i menù degustazione fruibili: l’“Orto dei Baroni” (5 piatti) a 25€ ed il “Percorso d’Entroterra” (4 piatti) a 33€; poi c’è il simpatico menù per i bimbi (4 piatti) a 20€.

Altrimenti c’è la carta, che ivi viene completata da un’efficace proposta di vini (anche al calice) e di birre tutte campane (Saint John’s, Borrillo, Karma, San Pietro) a meno di 12€. Proprio riguardo il tema brassicolo, d’altronde, non vi erano dubbi che sarebbe stato così: chef Raffaele e Mario D’Addio (publican di Historia) sono fratelli.

Il Foro dei Baroni a Puglianello, la cantina
Il Foro dei Baroni a Puglianello, la cantina

Tornando ai piatti del Foro dei Baroni, quelli di matrice vegana qui sanno reggere benissimo il confronto con quelli a base di carne e pesce.

I contrasti ci sono, ma sono tutti attori protagonisti nel film di D’Addio. Buoni i pani, accompagnati dall’olio extra vergine d’oliva dell’azienda agricola Giravento, ubicata nel Sannio Beneventano, a Melizzano, nel Parco Regionale del Taburno Camposauro.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Pani ed olio
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Pani ed olio

Tra gli antipasti, si passa dalla golosità dei “Bocconi d’Entroterra” (frittatine, crocchè e polpettine di manzo) al ragionato ed indubbiamente ben presentato “Mentre aspetti…” con il barattolino con spuma di pomodoro e crostini a dare un tocco crunchy (da poco è stato sostituito da una spuma di caprese), polpettine di maiale con pomodori verdi e croccante al sesamo con caprino affumicato.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Bocconi d'Entroterra
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Bocconi d’Entroterra

Oltre alla buona selezione di salumi e formaggi ed al “Peperone Arrosto” (farcito con pane tostato, mozzarella e pistacchi, su crema di patate e polvere ai capperi) che qui è un classico, molto conturbante il “Caccia e Pesca sul Volturno”: petto di quaglia glassato, il suo coscio confit ed insalatina di quinoa e trota salmonata. Lirismo gastronomico.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Peperone Arrosto
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Peperone Arrosto
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Caccia e Pesca sul Volturno
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Caccia e Pesca sul Volturno

D’altronde, durante una mia visita ho anche avuto modo di assaggiare la trota salmonata cucinata da D’Addio in un’altra veste, di cui parleremo dopo. Per ora, descrivo l’iter seguito dal giovane chef di Puglianello nella sua preparazione: la compra a Castel di Sangro (AQ), la sfiletta e la cuoce per 12 ore con zucchero di canna e fior di sale, pepe Sichuan, timo limoncino e coriandolo; dopo la notte, la “lava” con la Falanghina, la asciuga, la affumica con legno di faggio e procede a nebulizzarla con aceto di lampone e menta.

Sempre tra gli antipasti, interamente veg ed agile sulle consistenze il “Dalla Contrada Selva”: consistenze d'asparagi con terriccio di bietola, mandorle, funghi pioppini ed una spolverata leggera di polvere d’abete. Bella la vitalità croccante delle punte degli asparagi e molto interessante anche il profilo cromatico del piatto.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Dalla Contrada Selva
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Dalla Contrada Selva

Non ho potuto esimermi dal provare le candele alla genovese di manzo di D’Addio: me ne parlavano bene ed  è un ottimo piatto, anche se un purista forse troverà qualcosa da obiettare a causa della presenza del latticino, che qui viene solitamente coadiuvato anche dai fiori eduli o dal basilico nella coreografia del piatto.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Le candele alla genovese
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Le candele alla genovese

Ho poi provato la “Faraona Ruspante”: ravioli di faraona con provolone del monaco ed erbe di campo. Il piatto che forse esemplifica maggiormente l’atmosfera che si respira a Puglianello: va gustato con calma, parsimonia e con la giusta propensione d’animo per coglierne tutte le sfumature. Perfettamente funzionale anche il contributo aromatico delle erbette.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Faraona Ruspante
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Faraona Ruspante

Tra i secondi piatti, c’è il Black Cod by Jolanda de Colò su crema di cipolle, profumo di liquirizia e sale nero: materia ittica ottima, coinvolgente il contrasto tra gli altri elementi caratterizzanti, che regalano un piatto stimolante.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il Black Cod
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il Black Cod

Ho provato anche il “Nerocasertano”: capocollo di maiale nero casertano cotto a bassa temperatura, confettura di visciole e papaccelle. Buona salivazione, matching di materie prime riuscitissimo per un secondo che dimostra l’ottima tecnica di D’Addio nel trattare le carni.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il Nerocasertano
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il Nerocasertano

Scenografica e golosissima anche la proposta veg tra i secondi piatti: “I Colori del Sannio” con spuma di zucca, tofu marinato, bietola arrosto, peschiole e croccante di pane al carbone vegetale”.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. I Sapori del Sannio
Il Foro dei Baroni a Puglianello. I Sapori del Sannio

Godibile anche il dessert “TRIO”, semifreddo ai tre cioccolati.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il dessert TRIO
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il dessert TRIO

Capitolo pizze.

Il pizzaiuolo di casa è Mariano Guarnieri, tornato da qualche mese a Puglianello dopo qualche formativa esperienza all’estero e chiamato a sostituire Vladimir Pyeshkov. La pizza è buona, anche se l’impasto è ancora in fase di sviluppo e perfezionamento. Molto verosimilmente ci sarà anche un cambio di passo per quanto concerne le farine.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il maitre di sala Vincenzo Esposito ed il pizzaiuolo Mariano Guarnieri
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il maitre di sala Vincenzo Esposito ed il pizzaiuolo Mariano Guarnieri

Ma i risultati sono già soddisfacenti, basti pensare alla pizza che si è inventato una sera Guarnieri ed a cui accennavo ad inizio articolo: fior di latte, pomodori gialli, rucola e la trota salmonata cucinata da D’Addio. Uno dei migliori topping mai pensati/realizzati. Peccato non sia in carta.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. La pizza jam di Guarnieri con trota salmonata
Il Foro dei Baroni a Puglianello. La pizza jam di Guarnieri con trota salmonata

Evocativa e pronta a stupire anche la così detta “Pizz’ a Selva”, che prende spunto da una pratica tradizionale delle famiglie della zona, che nel periodo primaverile vanno a raccogliere gli asparagi dentro “u’ pizz’ ‘a Selva”, tra le risa dei bambini ed i racconti degli anziani. Fior di latte di Agerola, crema ed insalatina di asparagi, lonzardo di maiale nero casertano, provolone del monaco, basilico e olio evo di Racioppella e palato e naso ringraziano.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Pizz 'a Selva
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Pizz ‘a Selva
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Dettaglio della Pizz 'a Selva
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Dettaglio della Pizz ‘a Selva

Da sottolineare anche la professionalità del maître di sala Vincenzo Esposito, le cui competenze si estendono anche al mondo dei vini naturali ed al quale sono affidate anche le chiavi della cantina del Foro dei Baroni, luogo sotterraneo suggestivo ed antichissimo.

Adesso il menu è nella sua veste estiva e pertanto ci sono alcuni piatti già esaminati e qualche novità. Eccoli.

Il “Cannolo di Melanzana Affumicata” con salsa al pomodoro fresco, mandorle, zeste di limone e spuma al basilico.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Cannolo di Melanzana Affumicata
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Cannolo di Melanzana Affumicata

“Cicorietta Selvatica”: fettuccine con crema di cicorietta selvatica, pancetta, finocchietto e salsa al formaggio.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Cicorietta Selvatica
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Cicorietta Selvatica

“Le Paste ai Pomodori”, ovvero pasta mista ai tre pomodori.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Le Paste ai Pomodori
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Le Paste ai Pomodori

“Miseria e Nobiltà”: reale di manzo con patate confit, salsa verde carciofini e cipolla ramata grigliata.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Miseria e Nobilta'
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Miseria e Nobilta’

“L’Incontro tra Faraona e Baccalà” con petto di faraona ripiena con mantecato di baccalà, insalatina di verza viola e fagiolini.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. L'incontro tra Faraona e Baccala'
Il Foro dei Baroni a Puglianello. L’incontro tra Faraona e Baccala’

“Il Cipollotto” con cipollotto al cartoccio, seitan arrosto e salsa vegetale su carta musica.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il Cipollotto
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Il Cipollotto

“Ricotta e pera a modo nostro…” con una mousse di ricotta e pera, lingua di gatto e riduzione di aglianico.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Ricotta e Pera a modo nostro
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Ricotta e Pera a modo nostro

“Piña Colada”: cremoso al cocco e latte di riso, ananas, lime e zenzero.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Pina Colada
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Pina Colada

“I Volti della Nocciola” con croccante, biscuit, cremoso e pralinato di nocciola.

Il Foro dei Baroni a Puglianello, i vini
Il Foro dei Baroni a Puglianello, i vini

Conclusioni

Piatti della tradizione remastered edition in chiave moderna grazie alla buona tecnica di D’Addio, servizio captive e veloce, carte nutrite sia per quanto concerne piatti che vini e birre, un ambiente carino (c’è anche un grazioso giardino esterno con i tavoli, rimodernato da poco): questo il sunto dell’esperienza presso Il Foro dei Baroni, cucina d’autore accessibile a tutti sulla scia aperta da Davide Oldani.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. Mentre aspetti estate
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Mentre aspetti estate
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Mentre aspetti primavera
Il Foro dei Baroni a Puglianello. Mentre aspetti primavera

Il tutto supportato da prezzi giusti e non eccessivi, una buona cura nei dettagli, che ad esempio si traduce nell’impiego di vasetti con germogli che in primis mirano ad ornare i tavoli ed in secundis risultano funzionali alla guarnizione di qualche piatto, ed infine da una marcata attenzione alla stagionalità delle materie prime ed alla loro trasformazione. Da provare assolutamente.

Il Foro dei Baroni a Puglianello. I vasetti con i germogli
Il Foro dei Baroni a Puglianello. I vasetti con i germogli

Il Foro dei Baroni

Indirizzo: Via Chiesa, 6, 82030 Puglianello BN

Tel.: 0824 946033

Giorni ed orari di apertura: Aperto dal martedì alla domenica a pranzo e cena.

Lunedì chiusi.

Sito web: www.ilforodeibaroni.com

Un commento

  • Marco Contursi

    (7 luglio 2016 - 13:10)

    Indirizzò eccellente che ben conosco.Due sole perplessità: 1) black cod. 2)fiordilatte di Agerola.Perché usare prodotti foresti o di cataloghi? Soprattutto i latticini in zona sono ottimi e di produttori che usano il loro latte.

I commenti sono chiusi.