Domani primo forum sulla cucina italiana con 25 cuochi dal ministro Martina. E si scatena l’inutile polemica: vengo anch’io? No tu no!

Letture: 149
Paolo Marchi alle Strade della Mozzarella
Paolo Marchi alle Strade della Mozzarella
I partecipanti al forum
I partecipanti al forum

Domani 25 cuochi selezionati da Paolo Marchi incontrano il ministro Martina per ragionare su come valorizzare la cucina italiana.
In effetti basterebbe fare solo un controllo e non 365 ogni anno e consentire di tenere in cucina quelli che all’estero si chiamano stagisti e in Italia lavoratori in nero e gran parte del compito di un governo sarebbe svolto.

Ma la cosa curiosa  è che si è scatenato l’inferno sui social sui criteri di scelte, a cominciare da Paolo Marchi. Come se domani fosse la prima e ultima occasione di discussione e il ministro avesse dichiarato di voler ascoltare solo questi e non altri, o altre realtà come per esempio le due associazioni di pizzaioli a Napoli che stanno conquistando il mondo.

Ora la prima reazione di un politico rispetto a questo casino quale potrebbe essere? Semplice, ho messo le mani in un vespaio, me ne tiro subito fuori.

Dunque prima di dire che la colpa è sempre degli altri, impariamo a ragionare, se possibile, come rete. Alla fine che importa se manca Tizio o Caio? Quel che conta è che per la prima volta si parla di cucina.

Una grave assenza però c’è: l’assaggiatore /consulente di pizza di Report:-))))

5 commenti

  • Sergio Cima

    (1 marzo 2015 - 11:08)

    Proprio a settembre si era parlato del paradosso di Vizzari chiamato al Counseil de promotion du tourisme e del fatto che invece da noi non esiste nulla di simile. Ora che il passo è stato fatto – e tutto è migliorabile – invece degli applausi partono le martellate sulle p…, sport ufficiale degli italiani.

  • Il Gastronauta

    (1 marzo 2015 - 11:38)

    Welcome a Fulvio Pierangelini !!!!!!!

  • Claudio Ceroni

    (1 marzo 2015 - 12:50)

    Bravo Luciano Pignataro, finalmente un commento utile e intelligente. È un PRIMO appuntamento e il vero problema è che solo ora si inizi ad affrontare un tema così importante. Tutti dovremmo fare fronte comune perchè questi temi occupino il posto che meritano nell’attenzione del governo e molti altri appuntamenti di questo genere vengano proposti.
    Claudio Ceroni

  • Barbara Guerra

    (1 marzo 2015 - 19:27)

    Buon lavoro a tutti!

  • Leo

    (1 marzo 2015 - 19:44)

    Ahem, mi sa di essere un po’ responsabile di quel vespaio di cui parlavi. Va detto però che ho dato la notizia commentando favorevolmente..

I commenti sono chiusi.