Furore bianco 2005 Costa d’Amalfi doc

Letture: 113
Furore bianco 2005

MARISA CUOMO

Uva: falanghina, biancolella
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Tiro fuori questo bianco dalla mia cantinella di campagna. E’ lì da tempo immemorabile, fermo tra gli altri, senza un riguardo particolare. Vino base, è. Buonissimo, ma vino base. Lo apro perché, come sempre più spesso voglio, mi piace usare i bianchi dopo aver bevuto un buon rosso di corpo per rinfrescare la bocca, tornare alla frutta primordiale che c’è in me.
Così la stappo, scommettendo ma ormai abbastanza sicuro perché tutti quasi tutti i campani possono stare benissimo cinque, sei anni, senza problemi, anche, forse soprattutto, chissà, quelli passati in acciaio come questo.
Mi inebria il profumo intenso e ampio di conserva di limone e pesca bianca, intenso e persistente. In bocca il vino ha grandissima elasticità, lo bevo subito ed è un errore: perché dopo una decina di minuti la freschezza è messa ulteriormente in risalto, il bicchiere è ben equilibrato al palato, ha corpo, forse solo una punta di alcol in eccesso.
Davvero una bella bottiglia, magari da non spendere più sui crudi, ma su piatti strutturati, direi persino salsati, di pesce, le carni bianche con i funghi. Resta perfetto il palato dopo aver camminato sul filo dolcezza/sapidità senza cadere né da un lato e né dall’altro. Bottiglia di ginestre e fichi d’India, spazi conquistati alla roccia, paesaggio recuperato con le pergole a ogni curva che dal mare porta in cielo. Furore, meno male che c’è.

Scheda del 1 febbraio 2007. La prima cosa che colpisce è la tipicità dei bianchi della Costiera Amalfitana, sempre ben marcata, evidente, di tono. Il base bianco di Andrea e Marisa continua ad avere una marcia in più rispetto al corrispettivo rosso, ma questa è un caratteristica di tutti i produttori di questo terroir baciato dall’atarassia oltre che dalla bellezza. Forse, dopo le colline attorno ad Avellino e Ischia, è la zona più bianchista della Campania per vocazione naturale e per commercializzazione. Sia come sia, abbiamo trovato il 2005 abbastanza complesso, per nulla un vinello. Questo non tanto per il naso, sempre delicato e discreto fra il floreale e il fruttato, quanto per il palato dove l’ingresso è imponente, molto fresco, sapido, caldo con alcol a quota 13,5 e dunque sicuramente vicino ai 14, lungo, ben strutturato. Dunque chi ha ben lavorato in questa vendemmia ed è stato facilitato dall’avere le vigne sulla costa con un clima sicuramente più caldo di quattro, cinque gradi in media rispetto alle zone interne, è riuscito a proporre bei prodotti sul mercato. Lo beviamo allora sui crudi di Rocco Iannone e di Tuccino, il pescato al forno o al sale, gli spaghetti con la colatura di Alici di Cetara e la genovese di tonno. Direi che siamo ad un bel rapporto tra qualità e prezzo perché questo vino si può proporre tranquillamente anche in occasioni importanti con appassionati e gourmet. Suggerisco l’introduzione di tappi di vetro perché i bianchi campani passati in acciaio hanno solo da guadagnare in fragranza da questo metodo già diffuso in Friuli, allungano la vita al vino, evitano sorprese e conservano la freschezza da ogni processo ossidativo.

Sede a Furore, Via G.B. Lama, 14. Tel. 089 830348 e fax 089 8304014 . E mail: info@granfuror.it, sito: www.granfuror.it. Enologo: Andrea Ferraioli. Ettari: 7 di proprietà. Bottiglie prodotte: 50.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, falanghina, biancolella, fenile, ginestra.

6 commenti

  • claudioT

    (10 ottobre 2012 - 08:58)

    Spesso le sorprese più belle si hanno dai vini meno blasonati, non ti nascondo che spesso la spontaneità e tipicità (il vino di molti turisti da sempre a pranzi tra Positano e Amalfi) del Furore Bianco si gratifica di più del pluripremiato Fiorduva…specie se si stappano in cantina bottiglie dimenticate che hanno avuto il tempo di bilanciare una salinità e freschezza nei primi anni troppo prorompente.

  • salvatore

    (10 ottobre 2012 - 11:03)

    salve,tutti buoni i vini di Marisa Cuomo ,ma per il blasone che hanno non possono non interessarsi di quando stappi una bottiglia ed il contenuto sa di tappo! Quando l’ho fatto presente con una mail mi hanno semplicemente risposto che loro non sono soliti sostituire le bottiglie.secondo voi va bene così???????

    • Luciano Pignataro

      (10 ottobre 2012 - 12:34)

      No, se le cose stanno così secondo me hanno sbagliato a non sostituirtela. Non era obbligati a farlo, forse, ma è un investimento d’immagine enorme dare soddisfazione a un cliente singolo.

      • salvatore

        (10 ottobre 2012 - 13:36)

        Grazie sig.Pignataro era la risposta che aspettavo.

  • vincenzo busiello

    (10 ottobre 2012 - 19:47)

    due settimane fa ho comprato tramite corriere 18 bottiglie di montepulciano d’abbruzzo 2007 di Praesidium di Enzo Pasquale.
    Aperte una decina, tutte con difetto (forse brettanomyces forse mercaptano); gli enologi che hanno bevuto il vino hanno fatto (come i medici) delle diagnosi discordanti.
    La cosa bella e interessante è che io ho scritto all’azienda che , non avendo ancora intercettato bottiglie “difettate” e credendomi sulla parola, mi ha inviato subito 12 bottiglie del vino in questione che è buonissimo.
    Probabilmente era una botte difettosa che i signori Pasquale non hanno ancora intdividuato.
    complimenti all’azienza.

  • gaspare

    (11 ottobre 2012 - 22:15)

    quella della puzza di tappo è, talvolta, questione delicata. credo che, salvo avviso contrario, vada sempre sostituita la bottilglia incriminata (al ristorante in primis, e perché no, anche in enoteca). però so di per certo che non sempre quella che sembra essere tappo, sia in effetti una “puzzetta” dovuta al tappo. talvolta è legno vecchio (che va più sul tanfo), altre volte è scambiata con riduzione (in quanto al massimo livello una riduzione sa letteralmente di fogna), o addirittua parte d’un bouquet terziario (simil-brett e/o empireumatici “pesanti”). per non parlare di chi scambia i primari del cab sauvignon per tappo….

I commenti sono chiusi.