Furore, Serafina

Letture: 359

Località Vigne, via Picola, 3
Tel: 089 830347
Fax: 089 8304021
E-mail: info@agriturismoserafina.it
Sito web: www.agriturismoserafina.it
Apertura:tutto l’anno
Carte di credito: tutte
Lingue parlate: nessuna
Posti letto: 10 in cinque camere più un appartamento
Tv in camera: no

Il piacere di conoscere l’agricoltura della Terra delle Sirene fatta di piccoli appezzamenti strappati alle rocce? Fuga romantica lontani dal mondo ma ad un passo dalla mondanità esclusiva di Ravello e Amalfi? Rifugio per scrivere? Punto base per mille escursioni naturalistiche della penisola più bella e celebrata del mondo? Qualunque sia la vostra esigenza spirituale potete puntare su questo agriturismo, uno dei primi della Campania, a Furore, il paese delle viste mozzafiato. Pranzerete in un salone con i tavoli a botte o in estate sotto un pergolato di uva sanginella e piedirosso, dormirete in stanze di tutto comfort, studierete i proprietari mentre fanno seccare i pomodori, preparano marmellate o più semplicemente mentre lavorano nell’orto. Una vacanza in un’azienda contadina per scoprire gli aspetti meno conosciuti della Costiera Amalfitana e Sorrentina.

Ristorante
Apertura: tutto l’anno. Indispensabile la prenotazione
Coperti: 20.
Cucina casereccia, tipica contadina delle zone interne della Costiera. Dunque, tranne totani e patate, difficile trovare piatti di pesce. Antipasti di sottoli, sottaceti, salumi, caciotta, melanzane, zucchine prodotte in azienda, bruschettine con i pomodorini del piennolo, paste fresche fatte a mano come gnocchi, scialatielli, ravioli, pasta e fagioli o con le patate o con i piselli, grigliate di carni e di formaggi dei monti Lattari.

Altre notizie
L’appezzamento è di circa tre ettari, che in Costiera non è affatto poco. Vi si coltivano Aglianico, Piedirosso, uva da tavola, ortaggi, frutta, tra olivi per l’olio e i limoni. Si alleva la bassa corte, qualche vacca, maiali e capretti indimenticabili quando poi finiscono a tavola nei giorni di festa. Si possono acquistare uvetta sotto anice, marmellate di fichi e di pere, olio, babà al limoncello, sottoli di fave, pomodori secchi, zucchine, infusi più svariati: limoncello, alloro, finocchietto, nocillo, fragolino.

Dotazioni
Trekkinng e mountain bike