Gabriele Bonci a Termini, la salvezza ora è possibile al Mercato Centrale

Letture: 2788
Gabrile Bonci a Termini, pizze al taglio
Gabriele Bonci a Termini, pizze al taglio

Gabriele Bonci a Termini: ora è possibile mangiare la migliore pizza al taglio di Roma dribblando improbabili panini e pizzette precongelate con ingredienti di scarsa qualità.
Per farlo dovete andare al Mercato Centrale, il nuovo spazio che si è aperto alla Stazione Termini.

Gabriele Bonci a Termini, il banco
Gabriele Bonci a Termini, il banco

Non lo vedrete subito, ma se avete presente dove sta il trenino per l’aeroporto di Fiumicino allora è facile. Si entra solo dal lato di via Giolitti e la camminata vale la pena, come testimoniava la fila di stamane.

Gabriele Bonci a Termini
Gabriele Bonci a Termini

Nel mondo della pizza italiana e romana Bonci è stato un rivoluzionario restituendo dignità ad un prodotto che dava margine a chi lo faceva inguaiando chi lo mangiava. Lunghe lievitazioni, altissime idratazioni per rendere il tutto più aereo, un cottura che non perde l’effetto croccante che piace al palato romano.

Gabrile Bonci a Termini, il banco
Gabrile Bonci a Termini, il banco

E il risultato adesso qui. Meravigliosamente vicino al treno che rischiate di perdere o che è in ritardo. Una delle botteghe che hanno aperto al Mercato Centrale che riqualifica un’area di grande passaggio dalla quale sino a poche settimane fa bisognava stare alla larga. Misure di sicurezza non consentono l’accesso dalla stazione, ma una provvidenziale uscita controllata a 50 metri vi consente di non correre rischi.

Gabriele Bonci a Termini, l'impasto
Gabriele Bonci a Termini, l’impasto

Pani e pizze per tutti i gusti, con grande materia prima, a cominciare dai pomodori, sino a quelle creative.

Gabrile Bonci a Termini, le pizze al taglio
Gabrile Bonci a Termini, le pizze al taglio

E per il dolcisti anche un reparto dolce.
Di Gabriele ci piacciono i modi fintamente burberi, alla Vissani, coniugati ad una estrema pignoleria sulla materia prima che chiude la filiera dentro i campi e nei caseifici.

Un discorso rigoroso che si paga volentieri. Perché ricordate, quello che risparmiate sul cibo lo spenderete in medicine.

Gabriele Bonci a Termini, il banco dei dolci
Gabriele Bonci a Termini, il banco dei dolci”

A Lucià, non avrei mai immaginato di vederti con la pizza al taglio” sfotte contento.

Mi vedrà spesso: stavolta non ho aspettato perché ho piluccato nella guantiera di Chicco Cerea, Davide Scabin e Lorenza Fumelli che ho incontrato per caso. Ma ho controllato bene: la fila sovietica scorre perché dietro al banco non c’è un burocrate con le sue scartoffie, ma personale preparato e veloce.
Bonci alla stazione Termini, inutile aspettare. Lo trovate appena entrate sulla sinistra.

3 commenti

  • Enrico

    (12 ottobre 2016 - 18:39)

    Non vedo l’ora!

  • friariello

    (12 ottobre 2016 - 19:18)

    Il pane a 8 euro e 90,un pezzo di pizza a3,6o,un stitico arancino 3e 50,una pizza margherita 8 euro,montanare asfittiche e pallide 2 euro,supplì minimalisti 2 euro,il resto costa tutto il doppio di un normale mercato.Non c’è salvezza per i comuni mortali.

  • luca

    (13 ottobre 2016 - 17:32)

    Il gonfiaggio mediatico del personaggio è pari all’alta idratazione dei suoi impasti e dei suoi prezzi. Friariello, guarda che c’è gente che pensa che nell’immensa capitale italiana se non vai da Bonci mangi male e quando va a Roma non si affaccia nemmeno nelle innumerevoli pizzerie al taglio sparse in tutti i quartieri romani. Perché a leggere la retorica dei food blog Bonci è un semidio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>