Gagliardo 2002 Taurasi docg

Letture: 69

COLLI DI CASTELFRANCI
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

La giovane azienda nata nel cuore della Docg di Taurasi, siamo a ridosso di Montemarano, finora è conosciuta soprattutto per bianchi di ottima fattura, come il Paladino Fiano Vendemmia tardiva che si conferma bianco interessante e complesso anche al suo terzo millesimo, e il rosato da aglianico, quel Crote che ha indicato l’inversione di tendenza in una provincia dove questa tipologia non ha mai avuto grande fortuna. Finalmente è arrivato il Taurasi, l’annata sicuramente non è eccezionale, ma a noi questo primo sorso impegnativo è piaciuto soprattutto per le note di eleganza che caratterizzano tutta la gamma dei prodotti. In effetti le vigne sono ad alta quota e patiscono il freddo intenso durante l’inverno, soprattutto una buona escursione termica durante tutto l’anno. Dunque il bicchiere non appare iperconcentrato o aggressivo, al tempo stesso è moderno per la sua struttura fine, elegante, con un olfatto davvero molto pulito e netto, in bocca le caratteristiche tipiche del vitigno ben adattato a questo terroir molto vocato grazie all’impasto argilloso del suolo. Lo beviamo sulle carni farcite e dunque anche ben speziate, affrontate da una beva al tempo stesso intensa e molto persistente: non crediamo ad una lunga evoluzione del 2002, ma siamo sicuri che ha bisogno ancora di un paio di anni per presentarsi nel pieno della sua maturità olfattiva.

Sede a Castelfranci, Contrada Braudiano
Tel e fax 0827.72392
Sito: http://www.collidicastelfranci.com
Email: cantina@collidicastelfranci.com
Enologo: Alessandro Mancini
Bottiglie prodotte: 150.000
Ettari: 10
Vitigni: fiano, greco, aglianico