I vini da non perdere > in Calabria
0

Gaglioppo Calabria Rosso Igt 2014 | Voto 85/100

14 gennaio 2016
Gaglioppo Calabria Igt 2014 Statti

Gaglioppo Calabria Igt 2014 Statti

Cantine Statti
Uva: gaglioppo
Fascia di prezzo: 7,50 in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio
Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 30/35

Il gaglioppo è il vitigno autoctono a bacca rossa più coltivato in Calabria e raggiunge la massima espressione con la denominazione Cirò, con cui è conosciuto in tutto il mondo fin dall’Antichità. Ed allora può sembrare strano che su un’etichetta delle Cantine Statti di Lamezia Terme si legga semplicemente la dicitura “gaglioppo”. La spiegazione è molto semplice: si tratta di un Calabria Rosso Igt, per cui non è soggetto alla regolamentazione della Doc che contraddistingue il territorio cirotano.

Resta comunque il fatto che il risultato raggiunto da questo vino è eccellente, tanto è vero che è riuscito a piazzarsi al secondo posto assoluto all’edizione 2015 di Radici del Sud, così come hanno sancito i giudici nazionali. Giova anche sottolineare che il gaglioppo è un vino rosso per certi aspetti anomalo per il Mezzogiorno, perché è segnato da un colore poco concentrato, anzi piuttosto chiaro simile ad una schiava, un nerello, un nebbiolo o un pinot nero; possiede poi nel suo Dna un basso tenore tannico anche da giovane; ed ha un tasso alcolico non molto elevato.

Controetichetta Gaglioppo Calabria Rosso 2014 Igt Statti

Controetichetta Gaglioppo Calabria Rosso 2014 Igt Statti

Ecco qui tracciato l’identikit del Gaglioppo Calabria Rosso Igt 2014, che è maturato in acciaio e poi è stato affinato in boccia. Alcolicità di tredici gradi.

Del colore ne ho già accennato: un bel rosso purpureo vivace, limpido e trasparente. Bouquet delicato, ma coinvolgente che regala divagazioni olfattive ampie e bene articolate. Come le rimembranze odorose di frutti di bosco, di visciole, di geranio, di china e di erbe aromatiche. L’entrata del sorso in bocca è vinoso, asciutto, sapido, morbido e fresco, con in sottofondo una venatura leggermente rustica. Toni evoluti e dinamici.  Struttura essenziale. Respiro finale godibile. Prezzo formidabile. Abbinamento trasversale e poliedrico, per cui vanno bene carni rosse e bianche, legumi, pesce in guazzetto, tagliere di salumi e formaggi morbidi. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Lamezia Terme (Cz) – Contrada Lenti
Tel. 0968 453655 – 456138 – Fax 453816 – Cell. 320 9189477
[email protected][email protected]www.statti.com
Enologi: Nicola Colombo e Vincenzo Bambina
Ettari vitati: 100 – Bottiglie prodotte: 750.000
Vitigni: gaglioppo, greco bianco e nero, nerello cappuccio e mascalese e mantonico