Gaia 2009 Campania igt due anni dopo il Blog di Gentili e Rizzari

Letture: 360
Gaia 2009 Cantina Giardino

Uva: fiano
Fascia di prezzo: nd
Fermentazione e maturazione: legno

La bellezza dei vini di Antonio Di Gruttola è che ogni annata è diversa, staremmo per dire ogni bottiglia. Questo perché le uve spesso variano, come i protocolli e, naturalmente i millesimi. Ma sempre, soprattutto i bianchi, hanno una loro spiccata personalità, un carattere, che non lascia mai indifferenti.
Questo Gaia 2009, per esempio, un paio di anni fa suscitò una appassionata discussione sul blog di Ernesto Gentili e Fabio Rizzari, curatori della guida del vini Espresso, che ha ancora una sua attualità. Spiazzava anzitutto il colore quasi smeraldo del vino, che ha conservato intato a distanza di quasi tre anni, e soprattutto la componente balsamica. Senza stare a spaccare il capello in quattro (parliamo di meno di 4mila bottiglie probabilmente ormai quasi finite), viene dopo il Coulée de Serrant 2008 di Nicola Joly nella sequenza fissata al Veritas di Napoli, l’unico luogo in città dove è possibile trovare vini un po’ più interessanti grazie alla competenza del sommelier e alla pasisone dei due proprietari, Rosaria e Stefano. Manco a farlo apposta, anche questo millesimo oggetto di molte discussioni.
Ma torniamo al nostro Gaia ottenuto dalle uve di Candida e Parolise prodotte da vigne vecchie su cui si concentra da sempre la ricerca aziendale, che, appena stappato, ci ha regalato davvero una senzazione di piacevole freschezza al naso e di composta energia al palato dove ha affrontato cibi ben strutturati come ravioli di genovese. In effetti al naso le note di frutta bianca, tipiche dei Fiano di Cantina Giardino era bilanciato da questi sbuffi balsamici e di erbe officinali molto gradevoli. La tecnica della macerazione, ossia della sosta del vino sulle bucce, è stata contenuta in pochi giorni e questo spiega il colore non eccessivamente carico.
La conferma che quando vi trovate di fronte ai vini di Cantina Giardino siete sicuramente pronti ad affrontare una bella e non scontata avventura sensoriale. Sono vini che, come sempre, possono essere conservati perchè con il passare degli anni si equilibrano sempre di più. Un gran bel bere, insomma, per chiudere bene quest’anno.

Sede ad Ariano Irpino, via Petrara 21 b. Tel 0825.873084. www.cantinagiardino.com Fa il vino: Antonio Di Gruttola. Bottiglie prodotte: 18.000.Uve: fiano, greco, volpe rosa, aglianico