Gallarate, (Va). Serata all’enoteca Sogno di…vino con degustazione dei vini di Lunarossa

Letture: 178
Mario Mazzitelli

Ormai è diventato un appuntamento fisso ed irrinunciabile: ogniqualvolta salgo su a Gallarate immancabilmente porto in degustazione i vini di una o più aziende salernitane, anche se con qualche preferenza per quelle cilentane a dire il vero. Il rendez-vous è sempre vissuto con spasmodica attesa dagli abituali frequentatori della rinomata e centralissima caffetteria-enoteca “Sogno di…vino” degli impareggiabili Raffaele Del Sorbo e Pino Crescenzo, che ormai da tempo hanno imparato ad apprezzare i vini campani. Questa volta l’azienda prescelta è stata Lunarossa del bravo e simpatico Mario Mazzitelli che opera in quel di Giffoni Valle Piana. E così, dopo aver effettuato un tour promozionale nel nord Italia che l’ha portato a far tappa a Padova, Verona, Arona e Novara (ove ho preso parte a queste manifestazioni come semplice spettatore), Mario ed i suoi vini sono stati al centro dell’attenzione il 13 ottobre scorso in una speciale soirée organizzata nella città varesina dei due galli.

L'arena di Verona
Al centro Pino Crescenzo

“Spalti gremiti in ogni ordine di posto”, avrebbe commentato in una sua telecronaca di calcio il compianto Nando Martellini. E sì, perché veramente l’affluenza dei convenuti è stata notevole, tanto da occupare tutto il pur vasto spazio disponibile dell’enoteca. Arbitri i due proprietari ed assistente di linea l’esperto gourmet Giorgio Naldi, dedito alla preparazione di squisite chicche culinarie, che hanno deliziato il pubblico presente.

Giorgio Naldi

Il trainer è stato ovviamente Mario Mazzitelli (con la supervisione tecnica del bravo Fortunato Sebastiano, assente), che ha impostato un’efficace e vincente tattica di gioco.

Tutto pronto enoteca Sogno di...vino
Vista dall'alto enoteca Sogno di...vino
Vista d'assieme enoteca Gallarate

Fin dal fischio iniziale sono state imbastire eleganti azioni d’attacco e giocate di alta classe, che hanno incantato e mandato in visibilio gli spettatori (molto interessati…).

L'enoteca di Gallarate

La prima azione è stata conclusa dal Costacielo 2008, Aglianico e Cabernet Sauvignon fifty-fifty. Poi è stata la volta del Combination 2007, Aglianico 80% e saldo di Merlot, che ha “combinato” e concluso magnificamente il fraseggio.

Padova, Caffè Pedrocchi
Novara
Arona, lago Maggiore

Il Borgomastro, con Aglianico in purezza, ha sciorinato un’ottima trama e concretizzato alla grande. E per finire la perla maradoniana del Quartara 2008, con solo Fiano.

Mario Mazzitelli e Raffaele Del Sorbo

Risultato finale 4-0, che ha sancito una vittoria ampiamente meritata ed ha concluso magnificamente questo happening serale, intensamente vissuto sotto i riflettori dell’autorevole e critico pubblico gallaratese. E vai così!

Enrico Malgi

Enoteca-Caffetteria “Sogno di…vino” – Via XXVI Aprile, 1 – Angolo Via Luigi Borghi – 21013 Gallarate (VA) – Tel. 0331/770231 – Cel. 3923754607 – sognofivino2008@libero.it – Apertura: tutti i giorni dalle ore 6,00 alle ore 23,00.

Azienda Lunarossa Vini e Passione – Via Fortunato – Giffoni Valle Piana (SA) – Tel. 089/8021016 – Fax 089/8021180 – info@viniepassione.itwww.viniepassione.it – Enologo: Fortunato Sebastiano – Ettari vitati: 4,5 – Bottiglie prodotte: 50.000 – Vitigni: Aglianico, Cabernet Sauvignon, Merlot. Fiano e Falagnina.

6 commenti

  • Marco Contursi

    (3 novembre 2011 - 08:20)

    Bellissimo resoconto di una serata che credo che in molti presenti ricorderanno con piacere.Bravo Enrico,ambasciatore in quel del settentrione delle eccellenze enologiche campane.

  • Maurizio De Simone

    (3 novembre 2011 - 10:48)

    “IL NUOVO CHE AVANZA” Mario Mazzitelli è uno di quei giovani del vino campano che finalmente gode della libertà di scelte che lo porteranno ad essere un fantastico interprete delle potenzialità ancora inespresse del vino campano. Ha la capacità di cogliere l’innovazione nei reconditi processi di vinificazione locali e interpretare i vitigni secondo una visione esente da pregiudizi, l’amicizia con Sebastiano poi, completa il quadro in un leale confronto tecnico di scambio che sfocia in prodotti mai banali e da forte carattere.
    Lunarossa è una realtà emergente di cui sentiremo parlare sepre di più e in maniera positiva……..In bocca al lupo “RAGAZZI”

  • albertog

    (3 novembre 2011 - 11:50)

    Caro Enrico
    scusami se vado fuori tema, ma sono rimasto impressionato dalla quantità di etichette di champagne presente in questa enoteca.
    Riesci a fornirmi qualche indicazione in merito?
    grazie
    Alberto

  • enrico malgi

    (3 novembre 2011 - 13:02)

    @Marco, ti assicuro che per me è un vero piacere ed una gratificazione immensa portare i vini delle aziende salernitane in degustazione a Gallarate e/o a Busto Arsizio che è lì vicino. Perché tocco con mano l’entusiasmo e la gioia con cui questi vini vengono accolti ed apprezzati. Questa è la conferma che i nostro prodotti enologici sono validi e concorrenziali.
    @Sig. Maurizio sono d’accordo con lei: i vini di Mario Mazzitelli sono ottimi ed innovativi. Io amo molto il Quartara, non fosse altro che per la sua particolare vinificazione. Su questo blog recentemente sono apparsi due servizi in proposito.
    @Alberto l’enoteca di Raffaele e Pino a Gallarate è un punto di riferimento per l’intera provincia varesotta. Pensa che dispone di circa 500 marche di Champagne dalle più grandi maisons a quelle artigianali (Nm, Rm, Rc, Cm, Sr, Nd, R e Ma), oltre ad un vasto assortimento di vini anche internaziionali (più di 1.000 etichette), liquori e distillati. Se ti trovi a passare dalle parti della stazione di Gallarate, vai a fare una visita, mi raccomando, ne vale veramente la pena.

  • Luca M

    (3 novembre 2011 - 17:47)

    Serata piacevolissima sotto tutti i punti di vista. L’ospitalità e la simpatia dei proprietari dell’enoteca, i delicati ed abbondanti gourmet di Giorgio Naldi, il caldo abbraccio degli ottimi vini di Lunarossa vini e passione, il tutto ben incorniciato dalla professionalità di Enrico Malgi.

  • Gianluca Tommaselli

    (3 novembre 2011 - 20:11)

    Ciao Mario, complimenti a te e ai tuoi Vini…simbolo di professionalità, passione e tanta tenacia, ad maiora.

I commenti sono chiusi.