Garantito IGP. Azienda Bertinelli La Costa: a volte è meglio “Senza” che “con”

Letture: 117
Il formaggio Senza

di Stefano Tesi

E’ proprio vero che per capire fino in fondo certi disagi o certi malesseri bisogna provarli sulla propria pelle. O, peggio, su quella delle persone care.

Senza stare a evocare disgrazie gravissime, prendiamo piuttosto un caso molto diffuso e in continuo aumento nella società contemporanea: quello delle allergie e delle intolleranze alimentari. Un fenomeno trasversale. Dalla celiachia a tanti altri malanni meno noti, ma frequentissimi, che condizionano pesantemente la vita di chi ne soffre, imponendo disagi e privazioni spesso pesanti da sopportare.

A casa mia è successo.

Per questo, da un po’, faccio molta più attenzione di prima ai prodotti “per”: diabetici, celiaci e tanti altri di cui non conosco il nome. E non posso evitare di pensare alla modestissima piacevolezza (eufemismo) che spesso hanno i surrogati che l’industria produce per dare a chi ha certi problemi almeno la parvenza del latte, dello zucchero, della cioccolata, del pane, eccetera.

Azienda Bertinelli La Costa

La stessa cosa è successa a Nicola Bertinelli, rampollo di una famiglia di allevatori di mucche dal 1895 e produttore di Parmigiano Reggiano in quel di Medesano (PR), a cui il destino ha riservato – ironia della sorte, davvero – un congiunto intollerante al lattosio, agli zuccheri e al glutine.

Ma siccome il Bertinelli è un tipo dinamico e perfino creativo (nel caseificio di famiglia ha creato un locale-ristorante-discoteca, la “Barlumeria”, con impianti e forme di Parmigiano in bella vista, dove fino a notte fonda, oltre ai cicchetti e agli spritz, serve snack con prodotti tipici locali e perfino bianchi bicchieri di latte), che ha fatto?

Semplice: si è inventato il formaggio senza zuccheri, lattosio e glutine.

Azienda Bertinelli La Costa

Idea buona, senza dubbio. Forse anche commercialmente redditizia. Ma fin qui non rivoluzionaria.

Così quando a Cibus, durante la spedizione Aset della settimana scorsa, mi hanno messo in mano un tocco di questo cacio “dedicato” agli allergici e chiamato, guarda caso, “Senza”, l’ho preso con curiosità e interesse, ma senza particolare trasporto, aspettandomi il solito prodotto svuotato di tutto il “male” e quindi, fatalmente, anche del gusto. Sordo agli avvertimenti del produttore, che insisteva: “Guarda, non è buono come il Parmigiano con 36 mesi di stagionatura, però…”.

Errore da pregiudizio effettivamente clamoroso, il mio. Perchè, tornato a casa, ho aperto la vaschetta e ho intaccato il trancio. E la sorpresa è stata grande: il “Senza” è a tutti gli effetti un formaggio. Anche in bocca. Buono, anzi molto buono. Tanto che, in tutta onestà, non ti accorgeresti per nulla che è un prodotto dietetico.

Innanzitutto ha un bel profumo di latte, profondo e pieno, penetrante e intenso, asciutto però, quasi di parmigiano fresco, del quale ricorda anche la consistenza materiale. Molto compatto ed elastico al tatto, ad occhio sembra essere di una pasta fortemente omogenea che invece, al palato e alla masticazione, rivela progressivamente una piacevole microgranulosità che lo rende molto affine al più nobile parente di quanto non sembri al primo contatto.

Azienda Bertinelli La Costa, la latteria

La cosa più sorprendente, tuttavia, è il gusto. Molto sapido, con una nota di dolcezza assai equilibrata e niente affatto stucchevole, lungo  e corposo, senza essere aggressivo. Di primo acchito rammenta l’emmenthal mediamente stagionato, poi assume anche in questo caso, piano piano, il sapore del parmigiano giovane, ma ha una durevolezza gustativa superiore e, in generale, una grande piacevolezza, caratteristica che lo rende gradevole non solo a chi “deve” mangiarlo per mancanza di alternative, ma a qualsiasi tipo di consumatore. La sua pasta, curiosamente a cavallo tra una morbida coesione e una (moderata) friabilità, lo rende godibile da sbocconcellare anche a tocchi e, insomma: per la prima volta mi è capitato di contendere a un allergico una porzione del prodotto a lui dedicato.

Vi pare poco? A me no.

Il “Senza”, dicono in Bertinelli, è commercializzato in confezioni sotto vuoto da 200, 300 e 500 grammi e lo si può acquistare, oltre che nei punti vendita aziendali, nei negozi di generi alimentari di tutta Italia, mentre è previsto entro un paio di settimane lo sbarco nella gdo. Sono anche in corso trattative per il rilascio al prodotto del certificato di presidio medico-farmaceutico, il che vuol dire che lo si potrà comprare anche in farmacia.

Il costo? Il prezzo consigliato ai rivenditori è di 14 euro al kg, allo spaccio dell’azienda è un po’ inferiore.

Altre info sull’azienda, la Barlumeria e le varie “bertinellate”: www.bertinelli.it.

Last but not least: “La nostra – ci tiene a specificare Luca –  è un’azienda integrata verticalmente, dove tutti i prodotti dei campi, coltivati biologicamente, sono utilizzati per alimentare il bestiame che produce il latte utilizzato per fare i formaggi”.

Pubblicato in contemporanea su
Alta fedeltà
Italian Wine Review
Lavinium
Luciano Pignataro WineBlog
Winesurf