Verticali e orizzontali
0

Garantito igp: Barbaresco che passione! I nove migliori della prima giornata in Langa

13 novembre 2012

Barbaresco, i nostri nove preferiti

di Carlo Macchi

Superando oceani di pioggia I Giovani Promettenti sono sbarcati in Langa per gli oramai classici assaggi di Barolo e Barbaresco (dall’anno prossimo, lo promettiamo, anche Roero!).

Il sottoscritto Carlo Macchi con Luciano Pignataro, Kyle Phillips, Roberto Giuliani, Stefano Tesi  e l’infiltrato “storico” Pasquale Porcelli ha doppiato lo Stretto di Magellano e il largo lago di Massa Carrara sotto muri di pioggia per approdare in una Langa stellata, giustamente fresca, pronta ad offrirsi ai nostri assaggi. Prima però una tappa serale per portare conforto alle stanche membra alla Trattoria Italia di San Rocco Seno d’Elvio, di cui vi parlerà prossimamente  Roberto Giuliani in un “Garantito IGP”.

Questa mattina invece, puntuali come orologi afgani mezzi rotti alle 9 siamo entrati prima negli uffici del Consorzio Barolo Barbaresco, Alba Langhe e Roero, dove si sono svolti gli assaggi.

Gli assaggi sono composti da circa 230 vini (80 Barbaresco quasi tutti del 2009 ed il resto Barolo del 2008) che degusteremo in quattro giorni. Stamani mattina siamo partiti con i Barbaresco 2009 e ce ne siamo “sparati” 60 (quindi domani concluderemo con questa tipologia per passare ai barolo).

Eccovi i commenti all’assaggio.

Dal punto di vista del colore siamo oramai tutti su tonalità rubino con più o meno lievi note aranciate. Se dio vuole oramai  i nebbioli hanno perso ogni velleità di “abbronzatura”. Anche l’uso dei legni è sicuramente molto equilibrato e ben dosato. Lo faceva notare soprattutto Luciano Pignataro, proprio perché in alcune zone del sud invece si continua a spalmare di legno tanti, troppi vini.

Ma veniamo a parlare dell’annata 2009: dagli assaggi odierni non ci ha fatto certo impazzire. Nasi abbastanza maturi ed in alcuni casi non molto netti. Buone bocche ma spesso i tannini erano ancora molto rustici e la componente alcolica elevata riusciva solo ad asciugare il cavo orale, senza ancora dare sensazioni di fusione equilibrio. In definitiva non siamo stati molto contenti, trovando ancora poca finezza tannica e soprattutto carenza di grassezza e equilibrio.

Però diversi vini erano più che buoni ed eccovi “il meglio del meglio” cioè quelli che  sono piaciuti a tutti (o quasi). Infatti noi IGP, come lo scorso anno, pubblicheremo ogni giorno i vini piaciuti almeno alla stragrande maggioranza di noi: poi ogni giornale pubblicherà le sue classifiche ma questi sono quelli che hanno messo (più o meno ripeto) tutti d’accordo.

 Eccoveli (in ordine rigorosamente causale)

 

Barbaresco 2009 Tulin, Pelissero

Barbaresco 2009 Nubiola, Pelissero

Barbaresco 2009 Antichi Poderi dei Gallina

Barbaresco 2009 Pajè, Boffa Carlo

Barbaresco 2009 Ca’ du Rabajà

Barbaresco 2009 Asy,  Ceretto

Barbaresco 2009 Tre Stelle, Cascina delle Rose

Barbaresco 2009 Castello di Verduno

Barbaresco 2009 Piazzo Armando

 

Ripetiamo che questi sono i vini che sono piaciuti più o meno a tutti, poi ogni giornale pubblicherà le proprie classifiche personali.

Prima di salutarvi vogliamo ringraziare Albesia e Consorzio per averci ospitato, aver raccolto i vini e organizzato l’assaggio. A proposito di ospitalità…siamo nel bellissimo albergo di Brezza a Barolo, con davanti il castello e i vigneti..roba di lusso!

A domani per una nuova puntata.