Garantito Igp: gli assaggi migliori di Barbaresco e Barolo degli ultimi due giorni in Langa

Letture: 112
Vecchi Barolo di Marchesi di Barolo

Si chiude la seconda esperienza dei Giovani promettenti in Langa: in rassegna 250 vini tra Barbaresco 2009, Barolo 2008 e qualche riserva extra che qualche produttore ci ha voluto far provare.
Certo, riprovare queste annate senza l’assillo della pubblicazione in guida è un’altra cosa: sono questi gli assaggi migliori per valutare la potenzialità dei vini e prima o poi bisognerà capire che sono le guide che devono adeguarsi ai tempi del vino e non viceversa. Magari con l’avvento totale della Rete sul cartaceo questa distorsione potrà essere corretta una volta per tutte.


Il Barbaresco 2009 è una annata che ci ha convinto: freschi, lunghi, nella maggior parte dei casi il rapporto tra legno e frutto era centrato, botti e barrique usate soprattutto per elevare il vino e non per coprirlo e doparlo.
Anche la 2008 di Barolo ci è piaciuta, forse alla luce dei mesi ulteriori non è proprio l’annata delle annate, la 2001 resta sicuramente insuperata sinora, e qui sono apparsi in evidenza gli stili diversi. Non sono mancati, pochissimi, Barolo merlottizzati e caramellati o imbalsamati nei legni. In linea di massa la freschezza è tornata ad essere la preoccupazione maggiore dei produttori e questo, sappiamo, regala al Nebbiolo la possibilità di evolvere bene e a lungo per regalare le emozioni che abbiamo provato beventi vecchie bottiglie, come la 1982 di Marchesi di Barolo dove siamo stati a cena, o il Barbaresco 1967 di Cascina Luisin, o, ancora il 1996 di Produttori di Barbaresco, per quel che mi riguarda, uno splendido 1990 bevuto ieri alla Locanda del Borgo Antico.
Una esperienza che ci ha consentito di entrare nel territorio, provare una stratosferica Barbera da Cogno, o un Enrico VI 1998 da Monfalletto durante le visite, rileggere i cru di Produttori di Barbaresco. 

Terzo giorno

BARBARESCO GAIA PRINCIPE 2009 – MARIO GIRIBALDI

BAROLO MARGHERIA 2008 – MASSOLINO

BAROLO 2008 – NEGRETTI

BAROLO RAVERA – ELVIO COGNO

BAROLO SORANO COSTE E BRICCO 2008 – ASCHERI

BAROLO VILLERO – LIVIA FONTANA

BAROLO 2008 – MARIO GIRIBALDI

BAROLO BERGEISA 2008 – LE STRETTE

BAROLO BRUNATE 2008 – CERETTO BRICCO ROCCHE

59 – BAROLO BUSSIA 2008 – PRUNOTTO

 

Quarto Giorno

I migliori Barolo del quarto giorno

 

Brezza Sarmassa 2008

Commendator G.B. Burlotto Cannubi 2008

Commendator G.B. Burlotto Acclivi 2008

Terre da Vino Essenze 2008

Parusso Armando Bussia 2008

Parusso Armando Mariondino 2008

Tenuta Rocca 2008

Tenuta rocca San Pietro 2008

Monfalletto Enrico VI 2008

Bruna Grimaldi Riserva 2006

Livia Fontana Riserva 2006

Franco Conterno Riserva Sette anni 2006

Inutile aggiungere che gli assaggi sono stati fatti alla cieca e che questa selezione viene dalla scelta collettiva fatta al termine di ogni sessione. Spesso all’unanimità, qualche volta a maggioranza.

Che dire? E’ bello essere Giovani Promettenti e scorrazzare nelle Langhe. Ci è venuta persino voglia di fare qualcosa di più, ma adesso è top secret, se sono rose fioriranno.
Chiudo ringraziando il Consorzio Albeisa per la logistica delle degustazioni, Brezza per l’ospitalità e Marchesi di  Barolo e Fenocchio per le due splendide serate trascorse in compagnia.
Al prossimo anno! 

4 commenti

  • Roberto Giuliani

    (16 novembre 2012 - 10:06)

    Condivido ovviamente tutto, ti segnalo solo una svista Luciano, il 1996 era il Barbaresco Riserva della Produttori del Barbaresco.

    • Luciano Pignataro

      (16 novembre 2012 - 10:46)

      Grazie Roby, corretto

  • Francesco Mondelli

    (16 novembre 2012 - 11:29)

    Bisogna perdonarlo:un bianchista in full immersion nei grandi rossi di Langa è naturale che possa perdere qualche colpo!

  • francesco

    (24 novembre 2012 - 13:18)

    E POSSIBILE SAPERE DI CHE Barbera DI Cogno E DI CHE ANNO SI TRATTAVA?

    CORDIALI SALUTI

I commenti sono chiusi.