Garantito igp: il rosso di Napoli. Piedirosso 2008 Campi Flegrei doc di Contrada Salandra | Voto 91/100

Letture: 102
Piedirosso Contrada Salandra (Foto Tommaso Esposito)

Uva: piedirosso
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Vista: 5/5. Naso 26/30. Palato 26/30. Non Omologazione 34/35

Negli occhi delle donne si conserva la loro bellezza nel tempo, nel vino la grandezza agricola dei Campi Flegrei. Il territorio a Nord di Napoli dei cento crateri, cuore della Campania Felix con il porto di Pozzuoli principale scalo del Tirreno al centro di ville e masserie sparse tra il Vesuvio e l’area del Falerno ai tempi dell’Antica Roma.

Oggi, dopo quarant’anni di assalto metodico e sistematico al territorio, resistono la bellezza sciupata del Rione Terra, incredibili rovine conservate tra mare, lava e tufo, archi di acquedotti sotto i quali passano decine di migliaia di auto al mese. Qui restano le tracce dell’antica agricoltura, quella che dissetava Napoli nell’800 e in parte del ‘900 con la Falanghina e il Piedirosso, e le cantine flegree sono una sorta di museo da visitare per rinfrancarsi la vista e godere del palato.
Il Piedirosso di Giuseppe Fortunato, cantina Slow per i motivi etici-estetici che ho appena enunciato, è così vino antico e moderno. Sottile, succoso, al naso strepitosi aromi di ciliegia e ancora di geranio, capace di vivere bene sul lungo periodo maturando ancora e trovando il giusto equilibrio, l’impianto della bottiglia retto da una bella acidità, dalla sapidità, dal dolce della frutta e dall’amaro minerale del terreno che giocano nel palato come l’acqua e la sabbia sul bagnasciuga, ora l’uno, ora l’altro, regalando profondità e complessità alla beva impostata semplicemente.

Giuseppe Fortunato

Antico per la storia, moderno per i tannini sottili, la bevibilità, la digeribilità, la finezza e l’eleganza.
Un vino che ha due segreti: il tempo e il lavoro in vigna meticoloso, pignolo, viticoltura biologica assoluta. Poi, è il caso di dire, davvero fa tutto la frutta. Ah, sì, il terzo segreto: il rapporto equilibrato tra Peppino Fortunato, vignaiolo per scelta, e Antonio Pesce, enologo per tradizione familiare.
Vino da cibo o, anche, per stare bene con se stessi.

Sede a Pozzuoli. Via Tre Piccioni, 40 – Tel. 081.8541651 e 081.5265259 (anche fax)  www.dolciqualita.com, Enologo: Antonio Pesce. Bottiglie prodotte: 15.000 Ettari: 2,5 di proprietà e 2 in conduzione. Vitigni: falanghina e piedirosso.

 

Pubblicato in contemporanea su
Alta fedeltà
Italian Wine Review
Lavinium
Luciano Pignataro WineBlog
Winesurf

3 commenti

  • sasa' devito

    (1 marzo 2012 - 13:26)

    Nella ns locanda il piedirosso e la falanghina sono i vini piu’ graditi ,
    l’amore che giuseppe ha per il suo lavoro la riesce a trasmettere
    in ogni calice che serviamo ai ns clienti,
    una persona umile, gentile , onesto e laborioso.
    Insomma quando un cliente lascia a noi la scelta di un buon vino
    puntiamo su CONTRADA SALANDRA .

  • Giorgo

    (2 marzo 2012 - 15:56)

    Mi fa piacere quest’ennesimo riconoscimento per l’opera di Giuseppe.

    Consiglio, a chi ne abbia la possibilità, di concedersi una passeggiata in azienda e conoscere “l’ingengere agricoltore” di persona. Le sue parole, la sua filosofia vi emozioneranno forse più dei suoi vini!

  • gaspare

    (3 marzo 2012 - 23:30)

    grosso vino. terreno terreno terreno. troppo tipico. bello.

I commenti sono chiusi.