Garantito Igp | Pisciotta, Cilento. Trattoria Angiolina di Rinaldo Merola

Letture: 254
Angiolina, tramonto a Pisciotta (FotoPigna)

Le osterie muoiono, viva le osterie. Il pranzo quotidiano ormai è veloce, esce persino da macchinette sistemate nei luoghi di lavoro, oppure in piedi nei bar dei centri cittadini. E poi ci sono gli agriturismi dove si va volentieri perché tutto costa molto poco, anche perché spesso non vale neanche quello che si paga.
A Napoli, dove ce n’erano mille, oggi non sono più di cento. E fuori si stanno spegnendo, una dopo l’altra.

Rinaldo Merola, Angiolina di Pisciotta

Ecco perchè quando se ne trova una autentica, vera, di tradizione, bisogna subito profittarne. Rinaldo è alto e biondo, occhi zzurri come la mamma che aprì questo locale sul mare vicino la stazione di Pisciotta, nel cuore del Cilento nei pressi di Capo Palinuro: scorre tanto sangue normanno e longobardo da queste parti, facile da trovare in purezza soprattutto nei luoghi vissuti in isolamento.

Angiolina, la sala esterna (FotoPigna)


La trattoria è stata aperta mezzo secolo fa. Prima per sfamare gli operai che costruivano il raddoppio della ferrovia tirrenica, poi per i viaggiatori che si fermavano da queste parti. Il turismo, molto riservato e di stile, ha permesso a questo locale di sopravvivere senza perdere minimamente la propria identità.

Angiolina, il pane cilentano (FotoPigna)

Qui c’è la qualità chiamata a competere con la cucina di casa, il mestiere che trasforma il far da mangiare in artigianato gastronomico e porzioni da trattoria!

Angiolina, spaghetti con le alici (FotoPigna)

Lo spaghetto con le alici, da queste parti sono di menaica, ossia catturate con reti larghe secondo una tecnica greca rivelatasi eccezionale per conservare la pescosità perché si catturano solo le più grandi, è di proporzioni bibliche.

Angiolina, Insalata di alici (FotoPigna)

L’insalata di alici trabocca anche se chiedi mezza porzione.

Angiolina, gamberi e scampo (FotoPigna)
Angiolina, il sauro (FotoPigna)

Il mare cilentano è davvero generoso come in poche altre zone: meno di cinquantamila abitanti su quasi cento chilometri di costa dieci mesi l’anno. Il silenzio delle stagioni è premiante per chi ama questa cucina.

Angiolina, Cozze e fagioli (FotoPigna)

Non mancano piccole innovazioni, come lo spettacolare cozze fagioli.

C’è il pescato del giorno, ma due piatti tipici su tutti. Il primo è la ciualedda che si prepara con l’orto mediterraneo: peperoncini, melanzane, fagiolini, patate, pomodori, cipolla e basilico: il tutto condito con olio delle olive pisciottane, raccolto da ulivi giganti secolari, circa 600.000 piante tra Pisciotta, Ascea e comuni limitrofi. L’altro è il cauraro, a base di patate, fave, alici e finocchietto selvatico.

Angiolina, il dolce (FotoPigna)

I dolci sono fatti da Ivana, la moglie di Rinaldo.
Da Angiolina si vive il ritmo lento e piacevole di un tempo. Lasciatevi andare e, soprattutto, veniteci fuori stagione.
Dai 30 ai 40 euro, vini cilentani e campani.

Trattoria Angiolina
Via Passariello, 2
Pisciotta (SA)
Tel. 0974-973188
Chiuso domenica sera e lunedì
Ferie da novembre a Pasqua


Pubblicato in contemporanea su
Alta fedeltà
Italian Wine Review
Lavinium
Luciano Pignataro WineBlog
Winesurf

2 commenti

  • carlo

    (21 luglio 2011 - 13:06)

    Parole sante. Vivo a Roma ed ho conosciuto Angiolina su questo sito, ci sono stato due volte a distanza di un anno ed ho sempre vissuto piacevolissime sensazioni culinarie e d’atmosfera. Veramente un luogo dell’anima per quanto mi riguarda.
    Un complimento sincero a Rinaldo per la cucina e ad Ivana per la classe ed eleganza con la quale accoglie e coccola i clienti.

    • mariella

      (25 luglio 2011 - 17:29)

      Avete proprio ragione!! anch’io ho avuto incontri ravvicinati con “Angiolina” con loro è sempre una scoperta, di antichi sapori e nuovi piatti.
      La genialità, la professionalità e la simpatia di Rinaldo sono completati dalla dolcezza ed eleganza di Ivana. Complimenti e speriamo…a presto!

I commenti sono chiusi.