Garantito IGP. Se tutto il mondo (non) è paesaggio

Letture: 349
Paesaggio francese, tempera

di Stefano Tesi

Chiamiamole convergenze parallele. Oppure coincidenze parallele.

Sta di fatto che in questi giorni, andando per vini coi miei compari IGP, mi trovo a solcare in lungo e in largo la Langa e il Monferrato, sospeso tra gli spettacolari anfiteatri dei vigneti, pettinati come le chiome imbrillantinate di una lucrosa monocoltura, e gli austeri castelli sabaudi che torreggiano sulla sommità delle colline. Roba da cartolina. E ti chiedi come possano stare in piedi quei fianchi a impluvio, senza un bosco, con le strade a raggiera che sembrano scoline verticali: bellissime a vedersi, ma una follia idrogeologica.

Poi scendi a valle. E in pianura l’incanto sfuma tra chilometri di capannoni, autorimesse sghembe, fabbrichette variopinte. Fiancheggiate dai resti di una campagna sciatta, a volte inselvatichita.

Paesaggio toscano

Esempio perfetto, pensi tra te e te, di un contesto estetico ed enogastronomico in cui all’eccellenza del contenuto non sempre corrisponde quella del contenitore.

Poi ci rifletti meglio. E ti ricordi che nella tua regione, la Toscana, dove certo non mancano analoghi sconci e analoghe eccellenze, in questi medesimi giorni si parla diffusamente di paesaggio. Forse troppo. Ci si interroga sulle emergenze locali (l’altroieri a Siena: “Salviamo il paesaggio senese”) e quelle generali (domani a Fiesole, qui, nella giornata nazionale dedicata all’argomento a suggello della nascita dell’Osservatorio sul Paesaggio), ora sull’idea di un ambiente (spesso scambiato per paesaggio) che debba essere “volano” (ma non si capisce bene come) di un immancabile “sviluppo” (sempre ieri, a Firenze, nell’ambito di un progetto di cooperazione europea), nonché sull’esigenza di tutelare e di prevenire gli abusi.

Paesaggio di tegole

Ma il tema più interessante è un altro. E se ne parlerà fino a domani al Lubec di Lucca, la rassegna internazionale sui Beni culturali e le tecnologie ad essi applicate: quali interferenze intercorrono, se ne intercorrono, tra il contesto paesaggistico nel quale uno vive e la personalità del soggetto stesso?

Impossibile non porsi lo stesso interrogativo, in un’epoca in cui questo contesto cambia, tanto nel tempo quanto nello spazio, così velocemente che i “contesti” rischiano di finire condivisi, se non sovrapposti. Con te preso in mezzo.

Qual è allora il rapporto reale, si chiedono gli esperti, tra la “place identity” (ma non era meglio dire genius loci?), ovvero l’identità del luogo, e la “self identity”, ovvero quella individuale?

“Vivere nelle campagne del Chianti, nelle periferie nordoccidentali di Parigi, o negli immensi viali di Los Angeles, non è la stessa cosa”, ha spiegato giorni fa, un po’ lapalissianamente, al Corriere della Sera Paolo Fuligni,  psicologo, docente universitario ed esperto di ecologia urbana, tra i relatori della kermesse lucchese. Bisogna considerare infatti che “a paesaggi e ambienti fisici armonici ed esteticamente gradevoli – ha continuato – corrispondono positive e benefiche attivazioni di aree encefaliche importanti”.

Paesaggio estivo

E’ sulla base di questi assunti che Fuligni e suoi collaboratori stanno cercando di creare una mappa dei caratteri delle città e delle campagne italiane. Operazione lunga e complessa, che comincerà dalla Toscana e si estenderà poi a tutte le regioni italiane.

Il rischio però, ci permettiamo sommessamente di suggerire, è che il progetto giunga a termine quando i confini tra i due ambienti si saranno definitivamente dissolti. E tutti ci aggireremo, indifferentemente, tra vigne urbane o tra città vitate.

Rimpiangendo forse le alture delle Langhe ed anche qualche bruttura di fondovalle.

Pubblicato in contemporanea su
Alta fedeltà
Italian Wine Review
Lavinium
Luciano Pignataro WineBlog
Winesurf

2 commenti

  • Riccardo Francalancia

    (20 ottobre 2011 - 21:40)

    a proposito di paesaggio proprio su “Il Tirreno” di stamani c’è un articolo di Elisabetta Arrighi dal titolo !La location è mia e ci metto il copyright”.
    Ovvero, sia Lucca (prima, già dieci anni fa) che San Gimignano (poi) hanno deciso di applicare una tariffa a chi intende riprendere il proprio paesaggio per fini commerciali.
    Lucca ha un tariffa di 150 euro (prezzo stabilito per 6 ore di riprese) per chi gira filmati commerciali nel centro storico anche se, quando i filmati veicolano una pubblicità positiva, la tariffa non viene applicata.
    San Quirico d’Orcia ha un modulo d’accordo per cui consente ogni tipo di ripresa purchè non vi siano stravolgimenti del paesaggio e dello skyline.
    a Livorno e Firenze invece la discussione sulla problematica dello sfruttamento del paesaggio per filamti di vario genere è ancora in alto mare.
    che ne pensate di questo approccio al paesaggio?

    Ric.

  • Riccardo Francalancia

    (21 ottobre 2011 - 09:14)

    segnalo inoltre questa iniziativa di Slow Food: http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/

I commenti sono chiusi.